lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

mercoledì, 20 settembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

La paura di avere coraggio molto peggio del coraggio di avere paura

domenica, 17 settembre 2017, 13:16

di aldo grandi

L'Apocalisse di Giovanni è niente in confronto a ciò che ci sta per colpire, magari non ora, probabilmente non nei prossimi cinque anni, ma che, inevitabilmente, è destinata a devastare completamente il nostro continente e il nostro Paese. Oriana Fallaci lo aveva previsto oltre dieci anni fa, dedicando le sue ultime forze e i suoi ultimi anni ad una battaglia senza esclusione di colpi per mettere l'Occidente in guardia dal nemico, l'islam, che, inevitabilmente, avrebbe finito e finirà per sommergere e annientare la nostra civiltà. Da allora, da quando la voce e la scrittura di Oriana hanno tratteggiato a tinte fosche, ma drammaticamente chiare ed evidenti, quale sarebbe stato ed è, ad oggi, il nostro presente e il nostro futuro, niente è andato migliorando, ma, al contrario, si sono accentuati i segnali che rivelano come l'invasione indiscriminata, la rinuncia culturale e identitaria, la mistificazione della realtà e della cronaca oltreché una vera e propria dittatura del Pensiero Unico, stanno distruggendo ogni capacità di reazione non solo del popolo italiano, ma anche delle sue forze dell'ordine chiamate, ipocritamente, a intervenire contro una catastrofe voluta, favorita, incentivata dalla classe di politicanti bastardi che gestiscono abusivamente il Potere e il Governo di questa povera Italia...


Ce n'è anche per Cecco a cena

I sopravvissuti

giovedì, 14 settembre 2017, 23:57

di aldo grandi

Che tristezza leggere la cronaca del consiglio comunale andato in scena questa sera e dedicato, nell'anno di (dis)grazia 2017, all'antifascismo, tra cori e canzoni della Resistenza avvenuta, forse è il caso di ricordarlo, nel lontano 1944. Tristezza e amarezza non tanto per ciò che rappresenta l'antifascismo, uno dei momenti più alti di ribellione alla dittatura del Pensiero Unico verniciato di nero, ma per quello che non sono capaci di vedere i suoi sostenitori, immersi e bagnati, a loro volta, di un Pensiero Unico verniciato di rosso. Non a caso Carrara è una città dove la speranza è morta da troppo tempo e dove, per tenere in vita qualche accenno di passione civile, è necessario rifarsi a quello che accadde 80 anni fa. Chissà di cosa vivranno i consigli comunali nell'anno 2150 sempre ammesso che queste riunioni il più delle volte inutili e presuntuose, avranno ancora una ragione di esistere. Tutti uniti, dicevamo, maggioranza e opposizione, a dimostrazione che i 5Stelle sono la fotocopia in bianco e nero della Sinistra fuoriuscita dal '68 e dal '77 o, peggio ancora, dall'ignoranza sistematica eletta a virtù. Tutti contro il consigliere Lorenzoni che non si è presentato in aula e ha fatto male. Quando si fanno certe scelte bisogna avere anche il coraggio di sostenere lo sguardo delle iene assetate di sangue...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Mallegni, (s)Forza Italia e il fascino del mastice e della poltrona

mercoledì, 13 settembre 2017, 17:18

di aldo grandi

Una volta, a margine di una interSvista, Massimo Mallegni, quando era nostro amico, ci disse che se fosse andato a Roma a fare il parlamentare o anche, chissà, qualcosa di più, ci avrebbe volentieri chiamati a fare il suo capo ufficio-stampa perché, secondo lui, di meglio - e lo ringraziammo - non ce n'era e non ce n'è. Poi, però, da straordinario politico qual è, aggiunse che se lo avesse fatto, alla fine non sarebbe riuscito a gestirlo poiché il sottoscritto, lo sapeva e lo sa, è ingestibile a tutte le latitudini possibili e immaginabili, figuriamoci a quelle di Montecitorio o Palazzo Madama. Capimmo già allora, ancora prima che Rodolfo Salemi ce lo confessasse, che Massimo Mallegni, un passato da dimenticare e un futuro tutto da scrivere oltre ad un presente che non lo ha, evidentemente, più gratificato, voleva togliersi la soddisfazione di prendere a pesci in faccia tutti quelli che, tanto tempo fa, Domenico Manzione in primis che lo schiaffò in galera salvo, poi, la Cassazione, assolverlo da tutti i reati, lo avevano messo alla gogna pagandogli un servizio all inclusive al carcere di S. Giorgio in Pelleria a Lucca. Comprendiamo l'ex amico Massimo, in fondo gliel'avevano fatta davvero brutta. Ci dispiace, tuttavia, che vada a fare il lacché di colui che ha distrutto in venti anni questo Paese riconsegnandolo, peggio di prima, a questa Sinistra di bastardi propinatori del Pensiero Unico...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Vorrei la pelle nera...

sabato, 9 settembre 2017, 09:43

di aldo grandi

Viviamo in un Paese dove, per il solo fatto di avere la pelle scura, si gode di una sorta di privilegio esteso ed estendibile a tutti i campi dello scibile umano. In virtù di un senso di colpa inculcato sin da piccoli dalle truppe cammellate e politicamente ipocrite della Sinistra fuoriuscita dal Sessantotto e dal Settantasette ancor più che dalla Resistenza, tutto ciò che proviene dal golfo di Guinea o dall'Africa maghrebina appartiene, quasi per diritto divino, alla sfera delle Verità inoppugnabili e assolute mentre tutto ciò che la maggioranza silenziosa e operosa di questo Paese è considerato di infimo valore e storicamente ingiusto e perdente. Dovremmo, in sostanza, noi che siamo nati troppo tardi - per fortuna - per vivere e conoscere il fascismo e, allo stesso tempo e sempre per fortuna, per frequentare salotti e strade occupate dai vari pseudoterroristi del movimento studentesco e dei gruppi parlamentari dell'estrema sinistra - e ficchiamoci pure dell'estrema destra - abdicare ad ogni forma di ragionevole considerazione o, addirittura, alla Ragione vera e propria, per dei sensi di colpa risalenti all'epoca delle Crociate o giù di lì. Così, assistiamo alle genuflessioni, alle rinunce, alle complicità, alle sottomissioni di tutti coloro che vanno avanti a pane e Ideologia, verniciati di rosso sin da piccoli, coltivati e annaffiati per decenni dal vino di un antifascismo che, ormai, fa ridere se non, addirittura, piangere per la sua inconsistenza, strumentalizzazione, tristezza, pavidità, assenza di consapevolezza...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Francesco Giorgino, caporedattore Rai e conduttore del Tg1, non dice la verità sull'aggressione del senatore 5Stelle

martedì, 5 settembre 2017, 18:29

di aldo grandi

Non volevamo crederci. Davvero. E' la prima volta che ci imbattiamo nella censura operata dal Grande Fratello sull'informazione televisiva. Ed è stato devastante prenderne atto. Noi, che ci becchiamo esposti, querele, denunce perché politicamente scorretti, perché diciamo quel che pensiamo, pensiamo quel che diciamo e scriviamo, soprattutto, quel che diciamo e pensiamo, abbiamo assistito ieri sera durante il Tg1 ad una vergognosa opera di disinformazione e mistificazione della notizia. Eppure siamo convinti che in questo caso nessun esposto, nessuna delazione, nessuna spia verniciata di rosso segnalerà l'accaduto all'ordine dei giornalisti di Roma. E sapete perché? Perché, ormai, l'autocensura e la censura imposta dalla politica e dalla Sinistra radical chic ha inquinato, invaso, ammorbato tutti i meandri dell'informazione cosiddetta democratica e libera e senza che alcuno si renda conto che questa è l'anticamera dell'autodistruzione. Ma che cosa è avvenuto di concreto? Per puro caso stavamo ascoltando intenti a fare altre cose quando ci ha colpito la notizia dell'aggressione del senatore Alberto Airola dei 5Stelle a Torino. Sapevamo, per averlo letto su alcune testate nazionali tra cui, addirittura, la faziosissima Repubblica, che era stata opera di due nordafricani...


Ce n'è anche per Cecco a cena

L'antifascismo degli imbecilli

sabato, 26 agosto 2017, 01:02

di aldo grandi

Hanno lanciato la campagna elettorale in vista delle prossime elezioni politiche, ammesso che ce le facciano avere, questi unglorious bastards che percepiscono stipendi da 12 mila euro al mese senza sapere fare un cazzo se non obbligare gli italiani a subire, dalle tasse alle imposte, da una Giustizia vigliacca, ipocrita e ideologizzata ad una scuola senza senso, da una sanità sperperona e assistenzialista anche per cani e porci ad una informazione politicamente corretta e improntata alla dittatura del Pensiero Unico, da una educazione sessuale di tipo gender ossia schifosamente ributtante a una sostituzione etnica che procede a passo di carica. E se qualcuno, per carità, la pensa diversamente, ma, soprattutto, lo dice o, peggio ancora, lo scrive, apriti cielo, ecco la parola magica che tutto comprende, fascismo e i suoi derivati. In realtà questi imbecilli della Sinistra, questi assassini del Pensiero Libero, questi maledetti impostori che spacciano la presunzione per verità e l'ignoranza per sapienza, del fascismo, di quel periodo storico, cioè, che va dagli inizi degli anni venti fino alla fine della Repubblica Sociale e della Liberazione, poco o niente hanno letto perché, non dimentichiamoci, leggere costa fatica e molto, ma molto più facile è crescere indottrinati dall'imbecillità dei maestri verniciati di rosso di cui questa povera Italia è piena...


Ce n'è anche per Cecco a cena

L'asse Bergoglio-Pd peggio dell'asse Roma-Berlino

martedì, 22 agosto 2017, 01:25

di aldo grandi

Nemmeno negli anni in cui la Balena Bianca ha gestito l'Italia a proprio piacimento con, allacciati, i partiti servi dell'arco (in)costituzionale, una cosa del genere sarebbe mai potuta accadere. Un papa che si fosse permesso di intromettersi spudoratamente nella vita politica nazionale, sarebbe stato cortesemente invitato a rientrare nei panni che più gli si addicono, quelli del pastore di anime piuttosto che dell'agitatore di folle. Pur con tutti i suoi difetti, la Repubblica sorta dalla Resistenza aveva il pregio di annoverare, tra le proprie file, fior di personaggi fortemente laici e fedeli alla laicità dello stato. Oggi, assistiamo ad una sorta di asse tra il partito democratico, il governo Gentiloni che ne è sua schifosissima emanazione e papa Bergoglio ossia la Chiesa cattolica. Un asse, è bene dirlo subito, peggiore dell'asse Roma-Berlino firmato negli anni Trenta dai due dittatori Mussolini e Hitler. Quest'ultimo, infatti, aveva come nemici sostanziali le democrazie occidentali, schierate sul fronte della libertà e della difesa della democrazia. Attualmente la dittatura del Pensiero Unico, incarnata dagli ex comunisti e dalla sinistra tutta e dal papa argentino e gesuita che sta distruggendo il cristianesimo, sta scavando la fossa all'Italia, al suo popolo e alle future generazioni...


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Ultime notizie brevi


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 20 settembre 2017, 10:46

Pubblicazione delle graduatorie d’istituto definitive del personale docente ed educativo di 2^ e 3^ fascia per il triennio 2017/2020

Il 21 settembre 2017, saranno pubblicate contestualmente all’albo di ogni istituzione scolastica della Provincia le graduatorie d’ istituto definitive del personale docente ed educativo di 2^ e 3^ fascia – Triennio 2017/2020 private dei dati sensibili.


mercoledì, 20 settembre 2017, 10:44

Defibrillatore donato al comune in memoria della consigliera Gabriella Gabrielli

In memoria della consigliera Gabriella Gabrielli, domani, giovedi 21 Settembre alle ore 17,00, sotto l'atrio del Comune si terrà la cerimonia di inaugurazione del defibrillatore donato dai suoi familiari e amici al Comune per l'uso a favore della collettività .


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 19 settembre 2017, 14:32

La conferenza dei sindaci dell'ASL Toscana nord ovest ha adottato le linee di indirizzo del piano attuativo locale

La conferenza aziendale dei sindaci di Area Vasta NordOvest ha adottato le linee di indirizzo al Pal, il Piano Attuativo Locale. Adesso il documento verrà portato nelle singole conferenze zonali da cui potranno arrivare condivisioni, suggerimenti e integrazioni, per poi tornare in conferenza dei sindaci d'area vasta ed essere approvato definitivamente.


martedì, 19 settembre 2017, 14:26

Viabilità provinciale: riaperta parzialmente al traffico la Sp 22 Bagnone Collesino

È stata parzialmente riaperta la strada provinciale 22 Bagnone Collesino nel tratto tra che va dal km 8 fino al km 8,400, ed è stato istituito un senso unico alternato regolato da semaforo ed esclusivamente nelle fasce orarie 7,30-8,30 e 12,30-13: la nuova ordinanza emessa dal settore viabilità della Provincia...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 18 settembre 2017, 18:38

Toscana: sciopero del personale ferroviario

Le segreterie Regionali toscane di Filt, Fit, Uilt, Ugl, Fast e Orsa hanno proclamato uno sciopero del personale di Trenitalia - bordo, macchina e assistenza alla clientela - e di  Rete Ferroviaria Italiana – circolazione e protezione aziendale - dalle 9.00 alle 17.00 di domani martedì 19 settembre 2017.


lunedì, 18 settembre 2017, 18:37

Metanizzazione completa a Noceto. Ora tocca a Castelpoggio

Come annunciato lo scorso 8 agosto dal sindaco Francesco De Pasquale, durante il fine settimana appena passato il metano ha raggiunto finalmente le case dei cittadini di Noceto. Venerdì e sabato, infatti, è stata completata l’ultima fase del passaggio da gpl a metano, progetto gestito da Italgas Reti.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 18 settembre 2017, 18:12

Una conferenza su "La sanità militare nella Prima Guerra Mondiale"

Sabato 23 settembre alle 16,30, presso la sala capitolare del museo di San Caprasio, si terrà una conferenza su "La sanità militare nella Prima Guerra Mondiale" organizzata dagli Amici di San Caprasio in collaborazione con il Centro Aullese di Studi e Ricerche “G.


lunedì, 18 settembre 2017, 17:05

Attivato un tirocinio non curriculare presso l'ufficio servizi sociali del comune di Montignoso

«Un'opportunità di formazione e di crescita professionale di estrema importanza all'interno del mondo del lavoro» ha detto l'Assessore Giorgia Podestà in merito all'attivazione di un tirocinio non curriculare presso l'Ufficio Servizi Sociali del Comune di Montignoso.


lunedì, 18 settembre 2017, 16:22

Turismo, Ciuoffo: "Toscana si gode i frutti estivi ma è già al lavoro per il futuro"

Una stagione estiva, turisticamente parlando, che non si registrava da anni in Toscana. Crescono le presenze (+4,1 per cento rispetto al 2016), i fatturati (+1,3 per cento) e la soddisfazione degli operatori (2 su 3). Tanti segnali positivi che, come ha più volte ripetuto l'assessore al turismo Stefano Ciuoffo, non...


lunedì, 18 settembre 2017, 15:28

Interventi sui piani viabili: 50 mila euro per alcune strade della costa

Sono iniziati i lavori di sistemazione di alcuni tratti di quattro strade provinciali sulla costa: con un impegno di circa 50 mila euro la Provincia di Massa-Carrara interviene sulle SP 6 di Bergiola, sulla Sp 3 (Massa-Avenza), sulla Sp 43 (Via Dorsale) nel comune di Massa e sulla SP 48 "del...