lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

domenica, 22 gennaio 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

Ce n'è anche per Cecco a cena

Massa città in balìa della microcriminalità straniera

venerdì, 6 gennaio 2017, 19:26

di aldo grandi

Diciamo la verità. Ormai non contiamo più un cazzo nemmeno come criminalità. Verrà il momento in cui, per sentirci ancora un po' orgogliosi di essere italiani, dovremo tifare per camorra, n'drangheta o mafia. Perdonateci la boutade, ma quello che sta succedendo spesso in quel di Massa nella pubblica via assomiglia a una vera e propria occupazione abusiva del territorio da parte di immigrati, il più delle volte se non sempre, clandestini e disgraziatamente legati al mondo dello spaccio, che ormai hanno preso il sopravvento. Non soltanto, quindi, non esistono più i criminali di una volta, ma quelli odierni sono stati in grado, per numero e capacità, di soppiantarli al punto che sono ovunque e se ne fregano di ciò che accade loro intorno. In più, mentre il prefetto di Massa e Carrara, né più né meno di tutti i suoi colleghi di questo sfasciato e disgraziato Stivale, continua a cercare location pronte e accoglienti per i nuovi turisti provenienti dall'Africa, il crimine dilaga e la sicurezza se ne va a puttane. A metterci una pezza, non è una novità, carabinieri e polizia, ma non tutti, intendiamoci, soprattutto quelli che, giorno e notte pomeriggi compresi, si spaccano il fondoschiena rischiandolo per cercare di tamponare una falla che è diventata, ormai, una voragine. Chi ci conosce, nell'Arma, sa quanto siamo attaccati alla divisa e quanto rispetto abbiamo per la professionalità altrui, ma non possiamo sottacere ciò che è sotto gli occhi di tutti: Massa, come Carrara come ogni altra città italiana, sta sprofondando nel disordine e nel caos e se anche è vero che la colpa e le responsabilità sono di una classe politico-amministrativa che fa schifo, è altrettanto vero che ognuno di noi non può chiudere gli occhi, turarsi il naso, tapparsi le orecchie e far finta di nulla.

Avete mai assistito a una riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza che, generalmente, si tiene nelle prefetture italiane? Bene, al di là dei convenevoli, dei buongiorno eccellenza, dei saluti e di qualche colpo di tosse, non si dice nulla di interessante e, alla fine, non si riesce a comprendere nemmeno perché, la riunione, è stata convocata. Di fronte alla microcriminalità dilagante e all'esplosione della bomba immigrazione, due fenomeni, purtroppo e con l'andare del tempo, indissolubilmente legati, c'è solamente una parola per definire l'atteggiamento delle autorità amministrative: impotenza. Assoluta.

E la gente, a Massa come a Carrara come altrove, ha paura a scendere in strada, soprattutto la sera e con la zona della stazione ferroviaria divenuta un cesso a cielo aperto. La tolleranza e il garantismo hanno distrutto un tessuto sociale che non ha più quel terreno ideale e abituale su cui crescere e consolidarsi. Si viaggia verso una società in cui l'individualismo esasperato condurrà, inevitabilmente, alla difesa personale di ciascuno che vorrà difendersi se non si sente protetto. Noi continuiamo a gridarlo, ma nessuno, preso com'è dallo spirito di accoglienza, sembra accorgersene. Prepariamoci a tempi bui anzi, al buio senza alcuna luce.


Questo articolo è stato letto 1193 volte.


Franco Mare


prenota


Alberto Bonfigli


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 20 gennaio 2017, 08:50

Razzismo? No, antropologia e semplice buonsenso

Diranno che siamo razzisti o, peggio ancora, fascisti. A volerci bene populisti o anche gente che ragiona di pancia e giù noi a cercare di far capire, ai soloni dell'Intelligenza Ideologizzata e del Pensiero Unico dominanti, che la nostra pancia sarà sempre meglio della loro testa.


sabato, 31 dicembre 2016, 23:47

Inail, la porcata di Natale

Noi non abbiamo mai conosciuto Mario Barbieri così come non abbiamo mai incontrato sua figlia Federica, entrambi nati e cresciuti in questa provincia dove la vita, ancor prima di sbocciare, è già sofferenza. Non bastava e non è stato sufficiente, nei secoli, il tributo di vite umane pagato dai cavatori...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 24 dicembre 2016, 17:42

Una questione di centimetri

No, tranquilli. Non ci riferiamo a Rocco Siffredi, pornostar assurto al ruolo di opinion maker, maestro di vita e, addirittura, scelto come oggetto di domande per quiz televisivi. I centimetri di cui vogliamo occuparci sono, questa volta, quelli che hanno permesso al poliziotto ferito dal terrorista tunisno a Sesto San...


lunedì, 12 dicembre 2016, 23:03

Non ci resta che vomitare

Non è possibile. Non possiamo pensare che questa classe politica di disgraziati, mentecatti, profittatori, incapaci, ignoranti, presuntuosi non si sia resa conto di essere diventata, una volta ancora di più, davanti al popolo che li osserva e li giudica, una accozzaglia di personaggi senza senso e senza ragione di esistere.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 5 dicembre 2016, 02:37

Tutti a casa? No, tutti al muro

E' finita. Ci avevano annunciato minacce e cataclismi, mercati in fibrillazione e speculatori pronti ad abbandonare il nostro Paese in preda alle vertigini e ai balletti di inevitabili montagne russe. Bene, dopo la disfatta elettorale del referendum e la vittoria, stratosferica del No, gli unici a fare le valige e...


sabato, 3 dicembre 2016, 12:46

Io No(n) ho paura ovvero la nostra pancia sarà sempre meglio della vostra testa

Ci siamo arrivati. Prima lentamente, poi progressivamente e, alla fine, come un fiume in piena. E' arrivato il momento di andare e, a prenderla alla lettera, sembra quasi di assistere all'Apologia di Socrate scritta da Platone: Ma è giunta, ormai, l'ora di andare, io a morire, voi a vivere.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara