lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

sabato, 18 novembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Massa città in balìa della microcriminalità straniera

venerdì, 6 gennaio 2017, 19:26

di aldo grandi

Diciamo la verità. Ormai non contiamo più un cazzo nemmeno come criminalità. Verrà il momento in cui, per sentirci ancora un po' orgogliosi di essere italiani, dovremo tifare per camorra, n'drangheta o mafia. Perdonateci la boutade, ma quello che sta succedendo spesso in quel di Massa nella pubblica via assomiglia a una vera e propria occupazione abusiva del territorio da parte di immigrati, il più delle volte se non sempre, clandestini e disgraziatamente legati al mondo dello spaccio, che ormai hanno preso il sopravvento. Non soltanto, quindi, non esistono più i criminali di una volta, ma quelli odierni sono stati in grado, per numero e capacità, di soppiantarli al punto che sono ovunque e se ne fregano di ciò che accade loro intorno. In più, mentre il prefetto di Massa e Carrara, né più né meno di tutti i suoi colleghi di questo sfasciato e disgraziato Stivale, continua a cercare location pronte e accoglienti per i nuovi turisti provenienti dall'Africa, il crimine dilaga e la sicurezza se ne va a puttane. A metterci una pezza, non è una novità, carabinieri e polizia, ma non tutti, intendiamoci, soprattutto quelli che, giorno e notte pomeriggi compresi, si spaccano il fondoschiena rischiandolo per cercare di tamponare una falla che è diventata, ormai, una voragine. Chi ci conosce, nell'Arma, sa quanto siamo attaccati alla divisa e quanto rispetto abbiamo per la professionalità altrui, ma non possiamo sottacere ciò che è sotto gli occhi di tutti: Massa, come Carrara come ogni altra città italiana, sta sprofondando nel disordine e nel caos e se anche è vero che la colpa e le responsabilità sono di una classe politico-amministrativa che fa schifo, è altrettanto vero che ognuno di noi non può chiudere gli occhi, turarsi il naso, tapparsi le orecchie e far finta di nulla.

Avete mai assistito a una riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza che, generalmente, si tiene nelle prefetture italiane? Bene, al di là dei convenevoli, dei buongiorno eccellenza, dei saluti e di qualche colpo di tosse, non si dice nulla di interessante e, alla fine, non si riesce a comprendere nemmeno perché, la riunione, è stata convocata. Di fronte alla microcriminalità dilagante e all'esplosione della bomba immigrazione, due fenomeni, purtroppo e con l'andare del tempo, indissolubilmente legati, c'è solamente una parola per definire l'atteggiamento delle autorità amministrative: impotenza. Assoluta.

E la gente, a Massa come a Carrara come altrove, ha paura a scendere in strada, soprattutto la sera e con la zona della stazione ferroviaria divenuta un cesso a cielo aperto. La tolleranza e il garantismo hanno distrutto un tessuto sociale che non ha più quel terreno ideale e abituale su cui crescere e consolidarsi. Si viaggia verso una società in cui l'individualismo esasperato condurrà, inevitabilmente, alla difesa personale di ciascuno che vorrà difendersi se non si sente protetto. Noi continuiamo a gridarlo, ma nessuno, preso com'è dallo spirito di accoglienza, sembra accorgersene. Prepariamoci a tempi bui anzi, al buio senza alcuna luce.


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 15 novembre 2017, 00:37

Siamo in guerra

Non è una esagerazione né, tantomeno, una boutade. Siamo in guerra, una guerra non dichiarata, subdola, strisciante, un conflitto dove non si sparano, fortunatamente, colpi di cannone, di fucile o di pistola, ma qualcosa che, sia pure senza ferire a morte, fa molto male, ma, soprattutto, distrugge forse anche di più...


mercoledì, 8 novembre 2017, 00:06

37 carabinieri indagati? Perdonateci, ma noi stiamo con loro

Chi scrive ha pensato molto prima di affrontare questo tema. Dopo aver pubblicato alcuni articoli sulla vicenda dei 37 carabinieri, compresi sottufficiali e ufficiali, sono accadute cose che ci hanno fatto pensare e, anche, sospettare. Poi, la razionalità, la fiducia nelle istituzioni, il desiderio di non esporre una brava collaboratrice...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 29 ottobre 2017, 23:14

Carrarese, peccato di presunzione pagato a caro prezzo

Al Porta Elisa lo scenario dei tifosi gialloblù ha lasciato di stucco parecchi supporters lucchesi. Una curva ospiti con alcune centinaia di persone che non hanno mai smesso di sostenere i propri beniamini, che hanno gridato e sbeffeggiato i padroni di casa danzando e gongolando prima sul gol del vantaggio...


domenica, 22 ottobre 2017, 15:38

Anziani dovete morire!

Al pari del grido lanciato, all'indomani dell'8 settembre 1943, sull'isola di Cefalonia, dal generale Hubert Lanz con cui venne data esecuzione all'ordine di Hitler di non fare prigionieri tra gli italiani traditori, così le parole del ministro dell'economia Pier Carlo Padoan hanno sostanzialmente definito il problema degli anziani o vecchi...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 13 ottobre 2017, 21:06

Bella ciao in consiglio comunale, quando al ridicolo non c'è mai fine

Si può accedere, nell'anno di (dis)grazia 2017, nell'aula di un consiglio comunale cantando a squarciagola una canzone, Bella ciao, degna, storicamente e non solo, di miglior storia e di miglior sorte? No, non si può. A meno che non si sia dei nostalgici senza speranza, dei residuati bellici e resistenziali,...


venerdì, 6 ottobre 2017, 21:58

Molestie sessuali, ormai una consuetudine per chi sa di poter restare impunito

Leggete il resoconto dell'articolo della collega Vinicia Tesconi sul caso di molestie sessuali avvenuto nel pomeriggio alla stazione ferroviaria di Carrara-Avenza. Una ragazza di 21 anni, dalle, si desume, belle gambe, al momento di salire sul treno accompagnata da un amico, è stata ripetutamente palpeggiata da un nordafricano, una risorsa...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara