lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

mercoledì, 20 settembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Il Pd e la grande cazzata

sabato, 18 marzo 2017, 15:48

di aldo grandi

Saremo sinceri. E anche spietati. Di cazzate, nella nostra vita professionale vissuta, anche e nostro malgrado, in mezzo a politici e politicanti sciocchi, presuntuosi, parassiti e inutili, ne abbiamo sentite tante, ma raramente grosse come quella emersa all'interno del Partito democratico di Carrara dove il commissario Gianni Anselmi se ne è uscito fuori come i dolori annunciando che, a suo avviso, il candidato a sindaco della città non dovrebbe avere più di sessant'anni ossia ne dovrebbe avere di meno. Già, ma, tanto per proseguire nella ridicola questione, quanti? 59?, 58?, bastano 365 giorni in meno del limite per sentirsi migliori e più adatti? Stronzate. Ma stronzate così rilevanti da mettere paura per la assoluta mancanza di contenuti cui fanno riferimento. Basterebbe il buonsenso per dimostrare, da solo, che il Partito democratico non soltanto ha preso non un granchio, ma, per dirla alla lbronica, un favollo di dimensioni colossali, ma che sta facendo di tutto per perdere una consultazione amministrativa che ha già perduto. Questa allucinante sortita di Anselmi altro non è che una testimonianza di impotenza, incapacità, inettitudine, incongruenza. Si va, ormai, in pensione a quasi settant'anni - il sottoscritto, giornalista professionista e libero professionista - a 67 ad esempio e se per pagare tasse e imposte siamo ancora buoni, non lo siamo per amministrare una città?

E questo signor Anselmi, commissario anche lui come quell'altro, il suo superiore Dario Parrini - li devono produrre in serie a Firenze - non si capisce bene con quale tasso di intelligenza abbia prodotto questa uscita da mettersi le mani nei capelli se non, addirittura, da un'altra parte tanto per fare gli scongiuri. 

In un mondo economico e produttivo globalizzato dove si è vecchi ancora prima di essere giovani e dove il Pensiero Unico dominante della Boldrini, dei Renzi, del partito che fu (sic!) di Enrico Berlinguer ma anche di Togliatti e di una generazione straordinaria in fatto di grinta e capacità di resistere all'età, vorrebbe sostituire gli italiani con i clandestini provenienti dal terzo, quarto, quinto e, magari, anche sesto mondo, in fondo sono proprio gli Over qualche cosa a poter tentare di salvare il salvabile alla luce del loro passato, della loro coscienza e identità non di classe, ma nazionale e di contenuti. 

Dia retta Anselmi, salga sul pennone più alto che c'è a Carrara e, poi, provi un tuffo carpiato con coefficiente di difficoltà pari al grado di intelligenza della sua trovata. Ci sta anche che, una volta al suolo, non si sia fatto nemmeno un graffio. 


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


domenica, 17 settembre 2017, 13:16

La paura di avere coraggio molto peggio del coraggio di avere paura

L'Apocalisse di Giovanni è niente in confronto a ciò che ci sta per colpire, magari non ora, probabilmente non nei prossimi cinque anni, ma che, inevitabilmente, è destinata a devastare completamente il nostro continente e il nostro Paese.


giovedì, 14 settembre 2017, 23:57

I sopravvissuti

Che tristezza leggere la cronaca del consiglio comunale andato in scena questa sera e dedicato, nell'anno di (dis)grazia 2017, all'antifascismo, tra cori e canzoni della Resistenza avvenuta, forse è il caso di ricordarlo, nel lontano 1944.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 13 settembre 2017, 17:18

Mallegni, (s)Forza Italia e il fascino del mastice e della poltrona

Una volta, a margine di una interSvista, Massimo Mallegni, quando era nostro amico, ci disse che se fosse andato a Roma a fare il parlamentare o anche, chissà, qualcosa di più, ci avrebbe volentieri chiamati a fare il suo capo ufficio-stampa perché, secondo lui, di meglio - e lo ringraziammo...


sabato, 9 settembre 2017, 09:43

Vorrei la pelle nera...

Viviamo in un Paese dove, per il solo fatto di avere la pelle scura, si gode di una sorta di privilegio esteso ed estendibile a tutti i campi dello scibile umano. In virtù di un senso di colpa inculcato sin da piccoli dalle truppe cammellate e politicamente ipocrite della Sinistra...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 5 settembre 2017, 18:29

Francesco Giorgino, caporedattore Rai e conduttore del Tg1, non dice la verità sull'aggressione del senatore 5Stelle

Non volevamo crederci. Davvero. E' la prima volta che ci imbattiamo nella censura operata dal Grande Fratello sull'informazione televisiva. Ed è stato devastante prenderne atto. Noi, che ci becchiamo esposti, querele, denunce perché politicamente scorretti, perché diciamo quel che pensiamo, pensiamo quel che diciamo e scriviamo, soprattutto, quel che diciamo...


sabato, 26 agosto 2017, 01:02

L'antifascismo degli imbecilli

Hanno lanciato la campagna elettorale in vista delle prossime elezioni politiche, ammesso che ce le facciano avere, questi unglorious bastards che percepiscono stipendi da 12 mila euro al mese senza sapere fare un cazzo se non obbligare gli italiani a subire, dalle tasse alle imposte, da una Giustizia vigliacca, ipocrita e ideologizzata...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara