lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

sabato, 18 novembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Una presa per il culo

venerdì, 12 maggio 2017, 02:17

di aldo grandi

A noi, lo diciamo senza alcuna volontà diffamatoria né denigratoria, questa storia tutta interna al Partito democratico ci sembra una grande presa per il culo e non tanto nei nostri confronti, operatori disorientati di una informazione che, ormai, fa fatica a raccapezzarsi in mezzo a un casino simile. Ma verso i simpatizzanti e gli iscritti di un partito, appunto il Pd, che oggi è lontano anni luce da quel Pci che, decenni fa, aveva nella trasparenza, nell'onestà intellettuale, nella difesa del buonsenso e delle classi meno abbienti, nella lotta contro il capitale fine a se stesso, una sorta di vangelo inattaccabile. Oggi non solo il partito sue erede, il Pd di Puffo Renzi, si è schierato con il peggior esempio di capitalismo speculativo ed omogeneizzante - Gentiloni ex contestatore che accoglie Soros con tutti gli onori è roba da analisi - ma, ad esempio a Carrara, finisce per perdere ogni credibilità frantumato da lotte fratricide e intestine che la dicono lunga sul senso di unità e di coesione esistenti in una forza politica che vorrebbe continuare (sic!) a governare la città. Infiliamoci, poi, anche il tribunale di Massa che un giorno dice una cosa e quello successivo un'altra con l'effetto di creare ancora più confusione e disorientare ancora di più non soltanto chi è legato ai destini del partito, ma anche a coloro i quali cominciano a domandarsi quali sono i criteri di riferimento in base ai quali i giudici scelgono. A nostro avviso nel Pd carrarino c'è stato un braccio di ferro, né più né meno di come è avvenuto, ad esempio, anche a Lucca, con la differenza che a Lucca Tambellini e i suoi se la sono fatta sotto di fronte ai diktat di Dario Parrini - sì, quello che ci ha denunciato all'ordine dei giornalisti - segretario regionale e renziano di... bronzo.

A Carrara, al contrario, dove c'è gente dura sì, ma come il marmo, la volontà egemone dei pretoriani di Matteo Renzi - voglia dio se esiste di non farcelo tornare alla presidenza del Consiglio - ha sbattuto contro il muro di coloro che si sono opposti al centralismo (anti)democratico che ha sempre governato, si fa per dire, il maggior partito della Sinistra italiana. Vannucci aveva avuto la soddisfazione, proprio ieri l'altro, di vedersi riconoscere il diritto, se non altro, a sentirsi onesto e libero ed ecco che, al contrario, oggi un altro magistrato ha bocciato il collega del giorno precedente relegando Vannucci nell'angolo dei cattivi e dando nuovo ossigeno ai Parrini Dario di turno e ai loro candidati di fiducia.

Che dire di fronte a questa buffonata che condanna inevitabilmente il partito democratico non solo a una sconfitta clamorosa, ma a una figura di merda che nemmeno il più nefasto dei destini avrebbe previsto? Nulla. C'è solo da sganasciarsi dalle risate perché una cosa del genere, a memoria d'uomo, non la si ricorda. E pensare che Matteino Renzi crede di portarsi a casa l'Italia con il poco che ha anche se con tutti i giornalisti prezzolati a disposizione pronti a seguirlo ovunque vada e qualunque cosa dica. 

A Carrara si presenta una grande occasione, quella di asfaltare il Potere Assoluto che, negli ultimi anni ha prodotto solamente un grande senso di inadeguatezza, quella che hanno provato e provano gli abitanti di questa straordinaria città che deve rialzare la testa e opporsi alla barbarie dittatoriale di chi vuole imporre a tutti i costi la sua volontà.

Noi, inutile dirlo, siamo dei bastian contrario e non possiamo che rallegrarci di fronte alla resistenza opposta ai Parrini che ci ha denunciato all'ordine professionale senza nemmeno il coraggio di venircelo a dire in faccia. Ma stia tranquillo Dario Parrini che prima o poi capiterà - quando venne a Lucca a imporre il silenzio a Tambellini eravamo fuori - di incontrarci e avremo l'occasione di dirgli sul muso quello che pensiamo di lui. 


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 15 novembre 2017, 00:37

Siamo in guerra

Non è una esagerazione né, tantomeno, una boutade. Siamo in guerra, una guerra non dichiarata, subdola, strisciante, un conflitto dove non si sparano, fortunatamente, colpi di cannone, di fucile o di pistola, ma qualcosa che, sia pure senza ferire a morte, fa molto male, ma, soprattutto, distrugge forse anche di più...


mercoledì, 8 novembre 2017, 00:06

37 carabinieri indagati? Perdonateci, ma noi stiamo con loro

Chi scrive ha pensato molto prima di affrontare questo tema. Dopo aver pubblicato alcuni articoli sulla vicenda dei 37 carabinieri, compresi sottufficiali e ufficiali, sono accadute cose che ci hanno fatto pensare e, anche, sospettare. Poi, la razionalità, la fiducia nelle istituzioni, il desiderio di non esporre una brava collaboratrice...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 29 ottobre 2017, 23:14

Carrarese, peccato di presunzione pagato a caro prezzo

Al Porta Elisa lo scenario dei tifosi gialloblù ha lasciato di stucco parecchi supporters lucchesi. Una curva ospiti con alcune centinaia di persone che non hanno mai smesso di sostenere i propri beniamini, che hanno gridato e sbeffeggiato i padroni di casa danzando e gongolando prima sul gol del vantaggio...


domenica, 22 ottobre 2017, 15:38

Anziani dovete morire!

Al pari del grido lanciato, all'indomani dell'8 settembre 1943, sull'isola di Cefalonia, dal generale Hubert Lanz con cui venne data esecuzione all'ordine di Hitler di non fare prigionieri tra gli italiani traditori, così le parole del ministro dell'economia Pier Carlo Padoan hanno sostanzialmente definito il problema degli anziani o vecchi...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 13 ottobre 2017, 21:06

Bella ciao in consiglio comunale, quando al ridicolo non c'è mai fine

Si può accedere, nell'anno di (dis)grazia 2017, nell'aula di un consiglio comunale cantando a squarciagola una canzone, Bella ciao, degna, storicamente e non solo, di miglior storia e di miglior sorte? No, non si può. A meno che non si sia dei nostalgici senza speranza, dei residuati bellici e resistenziali,...


venerdì, 6 ottobre 2017, 21:58

Molestie sessuali, ormai una consuetudine per chi sa di poter restare impunito

Leggete il resoconto dell'articolo della collega Vinicia Tesconi sul caso di molestie sessuali avvenuto nel pomeriggio alla stazione ferroviaria di Carrara-Avenza. Una ragazza di 21 anni, dalle, si desume, belle gambe, al momento di salire sul treno accompagnata da un amico, è stata ripetutamente palpeggiata da un nordafricano, una risorsa...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara