lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

mercoledì, 13 dicembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Molestie sessuali, ormai una consuetudine per chi sa di poter restare impunito

venerdì, 6 ottobre 2017, 21:58

di aldo grandi

Leggete il resoconto dell'articolo della collega Vinicia Tesconi sul caso di molestie sessuali avvenuto nel pomeriggio alla stazione ferroviaria di Carrara-Avenza. Una ragazza di 21 anni, dalle, si desume, belle gambe, al momento di salire sul treno accompagnata da un amico, è stata ripetutamente palpeggiata da un nordafricano, una risorsa umana boldriniana, il quale, di fronte alle grida di protesta della giovane, non si è scomposto più di tanto e, senza tanti problemi, ha risposto al controllore intervenuto per sedare l'accaduto che la ragazza aveva belle gambe e a lui andava di toccarle. Ragazzi qui non siamo sulla spiaggia di Rimini alle 3 di notte dove, comunque, la violenza sessuale ai danni della polacca stuprata selvaggiamente avrebbe meritato la pena di morte. Qui siamo a Carrara, città anarchica, comunista, antifascista, si dovrebbe anche aggiungere femminista. Bene, il controllore che, ovviamente e come tutti i controllori mandati soli sui treni regionali in mano agli extracomunitari, si è limitato a dire che se l'immigrato lo avesse rifatto, lui, udite udite, avrebbe chiamato la polizia.

Detto questo, secondo lui e secondo tutti, mettiamoci una pietra sopra e chissenefrega, in fondo è stata solamente una toccata di culo. Eh no, la ragazza, vittima del sopruso e dell'abuso, non ci è stata e ha deciso di rivolgersi alla polizia e presentare denuncia. E ha fatto bene. Lei, una donna, ha capito, ancor più di quelli che la accompagnavano direttamente (l'amico) o indirettamente (il controllore) che l'unico modo per non far passare sotto silenzio le violenze di chiunque, rosso, bianco o nero e, comunque, in questo caso, straniero, bastardo senza se e senza ma, è non cedere alla voglia di lasciar correre. Non si può mollare, non si deve altrimenti accadrà anche qui quello che sta avvenendo in Gran Bretagna, in Germania, in Francia, ovunque i seguaci di Allah considerano le donne occidentali poco meno delle troie e perdonateci il francesismo, ma nella loro cultura le nostre donne sono, solo e solamente, se non delle puttane, poco ci manca. 

Quindi, prima noi ce ne rendiamo conto e prima siamo pronti a reagire. Senza pietà. Non ci deve essere tolleranza per qualunque tipo di violenza, anche la più piccola, nei confronti della donna perché essa è l'anticamera del permissivismo, della tolleranza e della concessione di spazi e gesti sempre più ampi e sempre più audaci da parte di chi considera la tolleranza un segno di debolezza e non, come pensano i peracottari della Sinistra ideologizzata, di forza che, poi, forza non è, ma debolezza allo stato puro.

Una cosa dobbiamo ricordare: se non saremo noi a difendere ciò che abbiamo ritenendolo scontato, non potremo poi lamentarci se qualcuno riuscirà a togliercelo.


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


martedì, 5 dicembre 2017, 00:28

Assalto all'Arma: carabinieri abbandonati, bistrattati, umiliati e derisi. E gli Alti Papaveri stanno a guardare

Che questo sia un Paese di merda è, ormai, cosa risaputa e pare entrata anche nelle consuetudini e nei modi di dire. Un Paese e usiamo la P maiuscola per tenerezza ancor più che per rispetto, dove le cose non solo vanno alla rovescia, ma dove l'imbecillità e la strumentalizzazione...


venerdì, 1 dicembre 2017, 18:54

Il Regno dell'Ipocrisia

Alleviamo conigli e poi ci lamentiamo se non sanno comportarsi da leoni. Da qualche parte, questa frase, è stata pubblicata, presumibilmente su un profilo facebook e al di là di tutte le differenze storiche, fa il paio con quella, più famosa e risalente alla prima guerra mondiale quando, su un...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 20 novembre 2017, 07:39

Io sto con gli sbirri

In senso spregiativo la parola sbirro viene, da sempre, utilizzata all'indirizzo, indistinto, di un poliziotto o di un carabiniere. Una volta esso apparteneva, strettamente, alla cultura mafiosa mentre, poi, con l'arrivo della contestazione e del Sessantotto, Settantasette e via di questo passo, è diventato patrimonio della sinistra extraparlamentare prima, parlamentare...


mercoledì, 15 novembre 2017, 00:37

Siamo in guerra

Non è una esagerazione né, tantomeno, una boutade. Siamo in guerra, una guerra non dichiarata, subdola, strisciante, un conflitto dove non si sparano, fortunatamente, colpi di cannone, di fucile o di pistola, ma qualcosa che, sia pure senza ferire a morte, fa molto male, ma, soprattutto, distrugge forse anche di più...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 8 novembre 2017, 00:06

37 carabinieri indagati? Perdonateci, ma noi stiamo con loro

Chi scrive ha pensato molto prima di affrontare questo tema. Dopo aver pubblicato alcuni articoli sulla vicenda dei 37 carabinieri, compresi sottufficiali e ufficiali, sono accadute cose che ci hanno fatto pensare e, anche, sospettare. Poi, la razionalità, la fiducia nelle istituzioni, il desiderio di non esporre una brava collaboratrice...


domenica, 29 ottobre 2017, 23:14

Carrarese, peccato di presunzione pagato a caro prezzo

Al Porta Elisa lo scenario dei tifosi gialloblù ha lasciato di stucco parecchi supporters lucchesi. Una curva ospiti con alcune centinaia di persone che non hanno mai smesso di sostenere i propri beniamini, che hanno gridato e sbeffeggiato i padroni di casa danzando e gongolando prima sul gol del vantaggio...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara