Anno 1°

martedì, 25 luglio 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Attende quattro ore per una visita pediatrica: la rabbia della mamma di un bimbo di tre anni

lunedì, 20 marzo 2017, 15:07

di vinicia tesconi

“Solo quando mi hanno vista furente che chiedevo il foglio delle dimissioni di mio figlio, si sono decisi a visitarlo.” Lo racconta Ilenia, madre di un bambino che non ha ancora tre anni che ieri pomeriggio,  in seguito a una lunghissima crisi di pianto unita a un po’ di febbre, mal di testa e colorito violaceo delle labbra,  è stato portato al Pronto Soccorso del nuovo Ospedale dai suoi genitori. “Siamo arrivati  poco dopo le 15,30 e al triage ci hanno subito registrato e immediatamente dirottato in pediatria – racconta la mamma del bambino – tanto che mi sono persino stupita per la rapidità e l’efficienza,  anche se nessuno ci ha accompagnato nel reparto  per cui abbiamo dovuto girovagare da soli nel labirinto dei corridoi dell’ospedale in cerca della pediatria.  Quando ci siamo arrivati  erano quasi le 16,30 e  l’infermiera addetta alla segreteria ci ha fatto accomodare nella saletta d’attesa ed ha preso i parametri del bimbo. La temperatura risultava essere nella norma perché durante la crisi che aveva avuto a casa io gli avevo dato la tachipirina che sicuramente abbassato il valore.  Dopo quel primo controllo, siamo stati abbandonati a noi stessi per tre ore, senza che nessuno mai venisse a vedere come stava il bambino o ci dicesse quanto tempo avevamo ancora da aspettare. Mio figlio si era nel frattempo un po’ ripreso rispetto alle condizioni in cui era a casa anche se cominciava ad innervosirsi per dover stare fermo su una sedia.” Ilenia riferisce di aver avuto il sospetto di una crisi di acetoni, già sperimentata con il fratellino più grande, e di aver cercato il conforto della diagnosi un medico per poter somministrare i farmaci adatti a suo figlio. “ Ho provato a cercare il nostro pediatra ma non sono riuscita a parlargli e siccome il bimbo non smetteva di piangere toccandosi anche la testa per indicare che gli faceva male ho preferito portarlo direttamente al Pronto Soccorso ma alle 19,30 nessuno ancora l’aveva visitato e allora ho deciso di tornarmene a casa.” Quando la signora ha annunciato la decisione di far dimettere suo figlio ed ha minacciato di raccontare il disservizio ai giornali, allora improvvisamente le porte dello studio del medico di turno si sono aperte ed il bambino è stato visitato dall’unica dottoressa presente che si è giustificata dicendo di essere la sola in servizio su due reparti, pediatria e neonatologia, e di aver avuto un caso difficile con una bambina che era stata trasferita in un ospedale più specializzato. “ La dottoressa  ha fatto una rapida visita a mio figlio –  ha proseguito  Ilenia  - e poi ha diagnosticato solo un po’  di gola arrossata. Quando le ho chiesto di verificare  con l’apposito stick l’eventuale attacco di acetoni che avevo sospettato mi ha risposto che le diagnosi le faceva lei e non io e mi ha invitata a portare mio figlio dal nostro pediatra e a dargli, se volevo, un farmaco contro la chetosi. Ho anche fatto notare che la gola rossa del bambino probabilmente era dovuto al pianto fatto a casa e poi ripetuto in ospedale per la difficoltà di tenerlo fermo in una piccola sala d’aspetto. Quindi siamo tornati a casa esattamente con gli stessi dubbi con cui ci eravamo rivolti alla struttura sanitaria, dubbi che ormai risolveremo solo domani quando finalmente potremo far visitare il bimbo dal nostro pediatra.”:


Questo articolo è stato letto volte.


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 24 luglio 2017, 21:59

Monovolume finisce contro un'auto in sosta e si ribalta: paura a Marina di Carrara

Momenti di paura poco fa in pieno centro a Marina di Carrara dove il conducente di una monovolume ha sbandato finendo contro un'auto parcheggiata in doppia fila. Due bambine ferite


lunedì, 24 luglio 2017, 14:44

Camionista tarocca la scatola nera del TIR: la polstrada gli ritira la patente

L’uomo, un 50enne originario di Pontedera, stava percorrendo l’A/15 in prossimità di Mulazzo e, per eludere i controlli dei poliziotti, aveva applicato una calamita nel vano motore, per impedire la registrazione dei dati di bordo


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 23 luglio 2017, 14:48

Vessato dalle multe, ignorato dalle autorità, ma con la piazza che esplode di gente: il Premio Lunezia c’è

Il Premio Lunezia, nelle serate clou che da sei anni animano piazza Menconi, la più importante di Marina di Carrara, anche quest’anno ha dato il meglio di sé ed ha chiamato in città un numero davvero alto di spettatori


domenica, 23 luglio 2017, 14:46

Paura al centro commerciale "Mare Monti" per un sospetto pacco bomba

Questa mattina tanta paura al centro commerciale carrefour "Mare Monti" di Massa. E' stato infatti segnalato uno zaino sospetto all'interno del parcheggio lato mare


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 22 luglio 2017, 19:14

Candia: lavori di manutenzione per la sicurezza idraulica dei corsi d'acqua

Ampliato il lotto rispetto all'anno precedente per l'esperienza positiva. Progettazione, controllo e responsabilità restano al Consorzio Bonifica 1 Toscana Nord, che riconosce agli agricoltori un compenso annuale


sabato, 22 luglio 2017, 19:08

Si ribalta un camion alle cave: ferite lievi per il guidatore

E’ accaduto in una delle cave del bacino di Fantiscritti alle 7,30 di questa mattina. Forse per una manovra leggermente azzardata in un percorso particolarmente impervio, il pesante mezzo ha perso l’aderenza con il terreno ed è finito con le ruote all’aria


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara