Anno 1°

martedì, 22 agosto 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Mangiacapra a Massa: io, gigolò per scelta, il mestiere, la mia vita e Don Euro

sabato, 12 agosto 2017, 10:52

di Donatella Beneventi

Francesco è un giovane uomo: finissimo, educato come pochi, ormai, fisico minuto, sguardo diretto e attento. E' arrivato per la presentazione del suo libro “ Il numero uno” edito da Jacobelli, nella libreria Bookstore di Massa, vestito semplicemente, anche se con stile.

A vederlo, potresti pensarlo in un ambiente di lavoro di alto livello per via della sua gestualità e del suo modo di porsi, così calmo, così sicuro di sé: un manager? Effettivamente, lui è un manager e il suo corpo è la sua azienda.

Francesco è un gigolo per soli uomini e di uomini, di tutte le estrazioni sociali, ne ha conosciuti veramente tanti: Michela Rossi e Vinicia Tesconi, gli porgono delle domande e lui si lascia andare al racconto delle sua scelta di non vendersi il cervello in una società che non lo apprezza e di vendersi il corpo con cervello; ha una laurea in giurisprudenza in tasca, conquistata con sacrificio, e il periodo di praticantato, unito a esperienze di piccoli lavori mal retribuiti in cui spesso, l’alienazione era altissima, il senso di frustrazione insopportabile, cosa comune fra molti trentenni, che pur avendo le doti, non trovano la loro collocazione, vedendosi a volte sorpassare da chi possiede meno qualità, ma ha le conoscenze giuste.

L’indipendenza economica è la strada per la libertà, unita alla presa serena di coscienza delle proprie pulsazioni e inclinazioni sessuali: è desiderato, cercato , ambito. Il gigolo più richiesto sulla piazza, con una gestione manageriale della sua azienda, cioè il suo corpo, che usa applicando strategie di marketing e customer care.

Sulla sua strada, incontra un giorno, don Euro, al secolo Don Luca Morini, parroco della provincia di Massa, balzato agli onori della cronaca per i “ vizietti” pagati con i soldi delle elemosine dei parrocchiani. Si presenta a lui come magistrato e lo incontra alcune volte, ostentando uno stile di vita di altissimo livello, fra hotel di lusso e ristoranti stellati. Un uomo che gode di poter avere il controllo sulle persone in posizione subalterna, umiliandole pubblicamente e vantandosene. La sua strafottenza è tale, che si fa scoprire in maniera quasi ingenua, tramite un numero fisso dal quale chiama i suoi contatti privati: è il numero della parrocchia e Francesco, da quel momento, si rende conto di avere a che fare un uomo che sfrutta il prossimo e che millanta promesse di lavoro ai ragazzi che paga per i loro servizi sessuali.

Tutto questo è scritto nel libro, perché la vicenda di Don Euro è stata resa pubblica e le indagini sono state fatte approfonditamente, anche grazie al materiale fornito da Francesco e con l’aiuto di Vinicia Tesconi, la quale, da giornalista de La Gazzetta di Massa e Carrara, realizzò un articolo visualizzato da oltre 96.000 visitatori e che portò la turpe vicenda del prete viveur all’attenzione di tutti, dopo che la Santa Sede e Il Vescovato di Massa ignorarono o minimizzarono le sue ripetute segnalazioni.

Intenzione di Francesco non è solo quella di raccontare la vicenda, che per la verità occupa solo una parte, ma di parlare di se stesso, del suo mondo, della sua scelta, libera e consapevole e di “ catarsi”, liberando l’anima , per poter anche aiutare a vivere serenamente la propria condizione, coloro i quali non sono ancora in grado di farlo : “ La prostituzione è sempre esistita e sempre esisterà e puttane si nasce. Però, laddove non c’è costrizione e sfruttamento, ma una scelta libera e responsabile, la prostituzione va regolamentata secondo i termini di legge, questa potrebbe essere la strada per abbattere il muro di pregiudizio nei confronti di chi la pratica,che non viene visto come persona. La prostituta o il gigolo sono innanzitutto persone, con anima e cervello”

Francesco quindi si libera nella sua opera prima, che sta ottenendo un grande successo; in chi lo guarda e lo ascolta, lascia un sentimento di compassione, nel senso di “ soffrire insieme”, la voglia di abbracciarlo e di dargli amore, di farlo parlare ancora: scrivi ancora, Francesco, parlaci ancora di te, in futuro.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 21 agosto 2017, 15:50

Posta la foto della bandiera della RSI portata sul Sagro: linciaggio mediatico sui social

E’ salito fino sulla vetta del monte Sagro, la montagna che sovrasta Carrara, e, proprio accanto alla grande e suggestiva croce in ferro che segnala la vetta ha fatto sventolare la bandiera della Rsi e poi, logicamente ha postato la foto del gesto su Facebook, scatenando un vespaio che va...


lunedì, 21 agosto 2017, 15:28

“Incontro col sindaco senza senso”: parla Martina Cappè, una delle mamme dell’asilo di Bergiola

La struttura, costruita negli anni settanta e mantenuta sempre attiva, non presenta segni di cedimento o di pericolosità, ma l’asilo di Bergiola, ormai, è storia passata. L’amministrazione grillina, insediata due mesi fa, ha decretato, senza possibilità di appello e senza alcun tipo di consulto preliminare con le famiglie interessate al...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 20 agosto 2017, 19:04

Due città in lacrime per l'ultimo saluto a Virginia

C'erano tutti: gli amici di Massa e quelli di Carrara, tutti accorsi, increduli, sconvolti e provati per salutare per l'ultima volta Viginia Menozzi, la studentessa di 17 anni, morta venerdì scorso in seguito ad una malattia fulminante che se l'è portata via in meno di una settimana


domenica, 20 agosto 2017, 12:40

Si stacca una lastra di marmo dalla fontana dei leoni in Piazza Aranci: miracolosamente nessun ferito

E’ crollata due sere fa, una lastra di marmo che riveste il basamento di una delle quattro fontane sormontate dai leoni e per fortuna cadendo all’interno della vasca non ha causato danni alle persone che erano nei pressi del monumento


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 20 agosto 2017, 12:36

Divieto di sosta in Via Pontremoli contestato da turisti e residenti

A protestare, ieri mattina c’erano sia i residenti di Marina di Massa sia i turisti che vengono nelle case in affitto della zona e che, nei giorni scorsi, si sono ritrovati vessati da una pioggia di multe elevate per divieto di sosta proprio in quella stradina


domenica, 20 agosto 2017, 12:32

Un pezzo di giungla in mezzo al Bondano: scatta la denuncia di Benedetti

E’ diventato l’habitat di topi, serpenti, insetti vari e di rovi e arbusti di vario genere ma si trova proprio a ridosso delle villette occupate dai turisti nel centro del Bondano, frazione di Marina di Massa


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara