Anno 1°

giovedì, 19 ottobre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

La Procura della Repubblica di Massa si occuperà della Cava Vittoria sulle Alpi Apuane

giovedì, 12 ottobre 2017, 09:43

Il Gruppo d'Intervento Giuridico onlus ha provveduto a segnalare (11 ottobre 2017) alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Massa la presenza nella Cava Vittoria (Comune di Fivizzano, MS) di personale e mezzi apparentemente impegnati in attività lavorativein data 7 ottobre 2017 nonostante la revoca della pronuncia di compatibilità ambientale (P.C.A.) n. 4 del 12 aprile 2013 in favore dell'attività estrattiva effettuata con provvedimento n. 20 del 28 settembre 2017 da parte del dirigente del Settore Uffici tecnici del Consorzio di gestione del parco naturale regionale delle Alpi Apuane.

Tale revoca è stata attuata vista la situazione di perdurante illegalità ambientale.

Ora non è possibile lavorare alla Cava Vittoria eppure maestranze e mezzi meccanici non mancavano sul posto lo scorso 7 ottobre.

In precedenza, si ricorda che, con ordinanza Presidente Parco naturale regionale Alpi Apuane n. 9 del 23 dicembre 2016, previa"informativa del Comando Guardiaparco n. 3391 del 1 ottobre 2016", venivano accertate le seguenti opere abusive in violazione del provvedimento di sospensione pronuncia di compatibilità ambientale (P.C.A.) n. 4 del 12 aprile 2013:

"• escavazione di 19.000 metri cubi di materiale lapideo in difformità dal progetto autorizzato (lavorazioni realizzate dalla ditta Ari Marmi srl, esercente la cava fino al 05.06.2013);

• escavazione di 20.000 metri cubi di materiale lapideo in assenza di autorizzazione (lavorazioni realizzate dalla ditta Aleph Escavazioni srl, esercente la cava dal 05.06.2013 ad oggi);

• scarico di materiale detritico nel versante a confine tra la cava Vittoria e la cava Valcontrada, in assenza di autorizzazione (lavorazioni realizzate dalla ditta Aleph Escavazioni srl, esercente la cava dal 05.06.2013 ad oggi);"

Conseguentemente, era stata ordinata la sospensione dei lavori di scarico detriti e la rimessione in pristino, previa presentazione di specifico progetto entro 30 giorni dalla notifica dell'atto e realizzazione entro complessivi 90 giorni, ma l'Ente Parco naturale regionale Alpi Apuane ha certificato (nota prot. n. 1292 del 17 maggio 2017) "che il progetto di riduzione in pristino e sistemazione ambientale della cava Vittoria, richiesto con Ordinanza del Presidente n. 9/2016, ad oggi non risulta pervenuto al protocollo di questo Ente Parco".

Eppure, "il Comando Guardiaparco rileva che nel corso di un ulteriore sopralluogo effettuato in data 28.08.2017, la ditta Aleph Escavazioni srl stava lavorando a pieno regime con tagli al monte, riquadratura di blocchi e scarico di detriti che presumibilmente vengono accumulati anche al di fuori dell'area in disponibilità, nella zona indicata come "Capannaccia" ai margini della cava Crespina".        Lavori estrattivi abusivi.

Il Gruppo d'Intervento Giuridico onlus aveva recentemente chiesto (5 agosto 2017) ai Comuni di Fivizzano e di Massa l'adozione dei provvedimenti di decadenza dalle concessioni estrattive (art. 21 della legge regionale Toscana n. 35/2015 sulle cave) rispettivamente per laCava Vittoria e la Cava Madielle, a causa del mancato ripristino ambientale conclamato.

Coinvolti i Ministeri dell'Ambiente (Organi centrali e Direzioni generali delle Valutazioni ambientali e per la Protezione della natura) e dei Beni e Attività Culturali (Organi centrali e Soprintendenza per belle Arti e Paesaggio di Lucca), la Regione Toscana (Presidenza e Settore valutazioni ambientali), il Parco naturale regionale delle Alpi Apuane (Direzione e Guardie del parco), l'A.R.P.A.T., i Carabinieri del N.O.E., la Guardia di Finanza, il Corpo forestale dello Stato.  Informati per opportuna valutazioni di competenza la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Massa, la Commissione europea e la Commissione "petizioni" del Parlamento europeo.

Piuttosto evidenti i danni ambientali e le violazione di legge nel caso specifico, così come è emerso un pesantissimo quadro di illegalità ambientale diffusa dall'audizione del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Massa Aldo Giubilaro e dei suoi Sostituti Procuratori Alessia Iacopini Alberto Dello Iacono nel corso della missione in Toscana della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali a esse correlati svoltasi nel febbraio 2017.   

Si ricorda che gran parte del comparto estrattivo del marmo – ben 178 cave, di cui 118 attive, nei soli bacini imbriferi del Carrione e del Frigido[1] – ricade proprio nell'ambito del Parco naturale regionale delle Alpi Apuane e che, ai sensi dell'art. 69 della legge regionale Toscana n. 30/2015, "l'ente parco svolge tutte le funzioni relative ad accertamenti, valutazioni, considerazioni, autorizzazioni, atti in proposito".  Tuttavia, in favore dell'Ente Parco è previsto soltanto il potere di ordinare la sospensione dei lavori e il ripristino ambientale (art. 64 della legge regionale Toscana n. 30/2015), ma non è prevista la possibilità di revoca delle autorizzazioni in caso di accertata grave violazione delle prescrizioni autorizzative.    Per sua stessa natura, poi, la sospensione dei lavori non può che essere temporanea (vds. Cons. Stato, Sez. IV, 22 febbraio 2017, n. 823).

Soccorre la previsione di cui all'art. 21 della legge regionale Toscana n. 35/2015 sulle cave, che dispone (comma 3°) l'adozione da parte delComune territorialmente competente del provvedimento di decadenza dalla concessione estrattiva, qualora l'Impresa estrattiva non provveda alla sospensione dei lavori in caso di violazione delle prescrizioni autorizzative o alla messa in sicurezza ovvero al ripristino ambientale (commi 1° e 2°).    Potrebbero anche applicarsi la disposizione generale sui provvedimenti sanzionatori in materia di valutazione di impatto ambientale ai sensi dell'art. 29 del decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i. (applicata nel caso della Cava Vittoria) e la disposizione generale sulla revoca degli atti amministrativi di cui all'art. 21 quinques della legge n. 241/1990 e s.m.i., ma nella realtà dei fatti questo non avviene.

In parole povere, a fronte di numerosi e reiterati casi di riscontrata grave violazione delle prescrizioni autorizzative da parte di Aziende estrattive del marmo sulle Alpi Apuane con gravissimi danni all'ambiente e alle risorse naturali (soprattutto al patrimonio idrico a causa dell'inquinamento da marmettola), non si registrano i conseguenti opportuni provvedimenti di revoca e chiusura definitiva dei relativi siti estrattivi.    

La Regione Toscana, poi, sta a guardare, pur sollecitata esplicitamente.   Altro che buon governo del territorio!

Senza contare i danni economici alla collettività: basti pensare ai maggiori costi (300 mila euro annui) per la potabilizzazione delle acqueo alle mancate entrate della tassa concessione marmi sugli ingenti quantitativi estratti abusivamente: un vortice di probabili ricavi illeciti e di danni alla collettività sui quali il Gruppo d'Intervento Giuridico onlus ha chiesto da tempo alle competenti magistrature di far piena luce.

Le zone interessate fan parte del parco naturale regionale delle Alpi Apuane e rientrano in aree (siti di importanza comunitaria e zone di protezione speciale) della Rete europea Natura 2000 (direttive n. 92/43/CEE e n. 09/147/CE): sarebbe ora, finalmente, che giungessero in primo luogo dalle amministrazioni pubbliche competenti segnali forti e univoci per la salvaguardia dei valori naturalistici e ambientalidelle Alpi Apuane, per la difesa della salute pubblica, ma soprattutto per il ripristino della legalità.

Perché non porre sotto sequestro preventivo la Cava Vittoria, viste le presenze di personale e mezzi oggettivamente fiori luogo?

 


Questo articolo è stato letto volte.


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 19 ottobre 2017, 12:55

Operazione "Cave Pulite", scatta l'ordinanza anti-marmettola

Scatta ufficialmente l’operazione “cave pulite”. La manovra, annunciata a fine settembre, è entrata nella sua prima fase operativa con l’obiettivo dichiarato di andare a ridurre drasticamente l’impatto del settore lapideo sull’ambiente. Nel mirino la marmettola, principale responsabile dell’inquinamento di sorgenti e corsi d’acqua


giovedì, 19 ottobre 2017, 11:03

41^ Rassegna Città di Carrara del Coro Montesagro nella parrocchia di Maria SS. Mediatrice

Aprirà, come di consueto, la serata, il Coro Montesagro, il più importante e apprezzato coro carrarese che eseguirà una serie di brani del Maestro e direttore del coro, Alessandro Buggiani e poi verrà lasciato spazio ai due cori ospiti: il Coro Amici della Montagna di Origgio, e il Gruppo Corale...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 18 ottobre 2017, 16:33

Sparatoria per un parcheggio in via Puliche

A sparare è stato Luca De Angeli, 41 anni, ex ciclista professionista che nella sua carriera è stato anche compagno di squadra di Marco Pantani. Alla base del gesto una lite pregressa per problemi condominiali legati proprio al parcheggio


mercoledì, 18 ottobre 2017, 16:17

Arrivato alla Plava il tenente colonnello Massimo Rosati, nuovo comandante dei carabinieri di Massa Carrara

Si chiama Massimo Rosati ed è un tenente colonnello di 42 anni romano che proviene dal comando dei reparti territoriali di Verona e va a sostituire il tenente colonnello Valerio Liberatori 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 18 ottobre 2017, 12:18

Progetti Educativi Zonali, la giunta delibera sui criteri per la ripartizione delle risorse

Deliberati gli indirizzi per stabilire i criteri per la ripartizione di € 76.980,71 agli Istituti Comprensivi e agli Istituti di Istruzione Superiore del territorio comunale per l’attuazione dei Progetti Educativi Zonali, volti all'inclusione scolastica degli alunni disabili, o con diversità di lingua e cultura di provenienza e al superamento del...


mercoledì, 18 ottobre 2017, 11:19

Servizio civile al patronato Inac: a disposizione due posti a Massa ed Aulla

Ancora pochi giorni per presentare la domanda per svolgere il servizio civile negli uffici del Patronato Inac. C’è infatti tempo fino al 27 ottobre per poter accedere ai due posti che il Patronato Inac mette a disposizione per giovani maggiorenni che non abbiano ancora compiuto il trentesimo anno di età,...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara