prenota

Anno 1°

venerdì, 17 novembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

“Nel nome del figlio" di Simona Bertocchi: la storia di Ricciarda Cybo Malaspina raccontata nel suo castello

lunedì, 25 maggio 2015, 01:09

di vinicia tesconi

Il fantasma di Ricciarda Cybo Malaspina sicuramente ieri si aggirava tra le sale della fortezza che domina Massa, quella che fu la sua, poco frequentata, ma fortemente contesa, casa. Il marchesato di Massa e Carrara nel quale era nata.

Personalità fortissima e determinata fino al cinismo e alla spietatezza, non lasciò mai che il suo sesso indebolisse la sua posizione, controllando il potere tanto abilmente acquisito come e meglio di un uomo. La terribile Ricciarda è la protagonista del romanzo storico “Nel nome del figlio” scritto da Simona Bertocchi e presentato nella sala grande di Palazzo Malaspina, nell’ambito degli eventi culturali collegati alla manifestazione “Spinofiorito”.

Introdotto dalla performance estremamente suggestiva delle danze rinascimentali riprodotte dal gruppo di figuranti in costume della Quintana Cybea, ed accompagnato da letture recitative fatte da attrici in abiti cinquecenteschi, il dibattito sul testo della Bertocchi è stato condotto da Maria Cristina Volontè, presidente dell’Istituto di Valorizzazione dei Castelli - ente partner nell’organizzazione dello Spinofiorito - e ha avuto come ospiti la professoressa Laura Bonfigli, critica letteraria, e la dottoressa Olga Raffo esperta di storia locale, per anni presidente dell’Archivio di Stato ed attualmente membro dell’Associazione “Memorie di donne”.

Entrambe le relatrici sono state le referenti storiche e culturali dell’imponente lavoro di ricerca che Simona Bertocchi ha svolto per arrivare alla stesura del romanzo, che ha preso l’avvio proprio dal fascino esercitato sulla scrittrice da questa controversa figura di donna. Il romanzo ripercorre la lotta estenuante ed indomita che Ricciarda sostenne per garantirsi il potere. Secondogenita di Antonio Alberico II Malaspina, divenne unica erede del trono del padre dopo la morte della sorella Eleonora, ma la legge salica del regno non le riconobbe il diritto di governare in quanto femmina e la costrinse ad avere funzioni di reggente fino alla maggior età del suo primo figlio maschio.

Calcolatrice abilissima, mosse tutte le pedine possibili che la portarono al riconoscimento ufficiale del suo ruolo di marchesa ed agì, implacabile, contro il diritto del suo primogenito Giulio fino a lasciarlo decapitare per tradimento. Finalmente sovrana, prossima alla morte lasciò il regno al figlio prediletto, quell’Alberico Cybo Malaspina che regnerà per settant’anni sui territori apuani portando un’epoca di grande splendore e che, per volontà di Ricciarda, porterà avanti anche il cognome della madre, che diversamente avrebbe dovuto estinguersi con lei, ultima erede.

Affascinanti le ricostruzioni storiche e letterarie fatte dalla Bonfigli e dalla Raffo che hanno messo in luce la grande abilità della scrittrice nell’aver costruito una storia romanzata che si impianta su di un’accuratissimo studio storico che rende assoluta veridicità e giustizia alle figure realmente esistite di Ricciarda e di suo figlio Giulio. Perfetta l’ambientazione storica che la Bertocchi ha saputo dettagliare nei minimi, più realistici, particolari; avvincente la trama, sia per i fatti reali di assoluta straordinarietà, sia per l’abilità narrativa dell’autrice che ha mantenuto intatto tutto il loro pathos. E la spietata Ricciarda, che si impose nella storia, forse, ieri sera, sorrideva dietro a qualche colonna, sentendo che nel suo palazzo ancora si parlava di lei.

 


Questo articolo è stato letto volte.


esedra-liceo-internazionale


prenota


prenota


Banca dinamica Carismi


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cultura


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 17 novembre 2017, 12:20

Teatro Guglielmi, "Emilia" sostituito con il nuovo spettacolo "Poker"

Lo spettacolo Emilia, previsto per il 21 e 22 novembre, viene annullato per motivi di salute di Giulia Lazzerini. In sostituzione andrà in scena – lunedì 27 e martedì 28 novembre – lo spettacolo Poker scritto da Patrick Marber e diretto da Anonio Zavatteri 


giovedì, 16 novembre 2017, 17:40

All'ex ospedale San Giacomo a Carrara si valorizza l’arte e la sperimentazione artistica contemporanea

Le iniziative proposte dovranno porsi la finalità di porre in relazione la contemporaneità con la memoria locale, attraverso l’organizzazione di esposizioni temporanee, o attività performative, con la possibilità di realizzare incontri, convegni, laboratori, all’interno degli spazi 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 16 novembre 2017, 13:35

Presentazione del libro "Spin" al Castello Malaspina

Nelle sale rinascimentali del Castello Malaspina di Massa, domani pomeriggio, sabato alle 17, Giovanni Rutili e Laura Sacchetti presenteranno il libro "Spin" di Laura Olimpia Salvatore giunto alla seconda ristampa


giovedì, 16 novembre 2017, 11:32

Esce "Magellano Special Edition" di Francesco Gabbani

Più di 140.000 persone si sono emozionate, hanno applaudito, hanno ballato, cantato in coro ed han goduto del bellissimo spettacolo del tour estivo di Francesco Gabbani che ha girato l'Italia con 44 date quasi tutte sold out


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 16 novembre 2017, 09:45

Astronomia e letteratura al planetario di Carrara

Questo venerdì 17 novembre, alle ore 21,15, l'incontro pubblico presso il planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande a Marina di Carrara, trarrà spunto dal tema: "Astronomia e letteratura"


giovedì, 16 novembre 2017, 09:40

Montereggio, paese dei librai: la scuola elementare “L. Galanti” tra le culture del mondo

Ieri, 15 novembre, con un collegamento in videoconferenza con Tokyo, ha avuto il via, per i bambini delle classi 2^ e 3^ della Scuola Primaria “Livio Galanti” di Arpiola di Mulazzo, un viaggio attraverso le culture del mondo


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara