prenota

Anno 1°

lunedì, 27 febbraio 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

prenota

Cultura

Sabato "Il dialogo tra arte e sacro"

giovedì, 16 febbraio 2017, 17:06

Nei secoli passati il forte connubio tra arte e sacralità ha creato un vero e proprio immaginario iconografico universale quale strumento del sentire e del credere; con l’avvento delle avanguardie  del “modernismo”, si assiste ad uno stravolgimento del rapporto tra l’artista e la raffigurazione del sacro.

L’artista diventa libero di esprimere il proprio mondo interiore uscendo dall’universo pittorico tradizionale ed entrando nell’immaterialità dell’arte; cambia il rapporto con l’opera d’arte, non più basato sulla fruizione visiva ma carico di sollecitazioni che inducono ad una partecipazione fisica.

 I simboli religiosi diventano “segni” di cui l’arte si serve nel processo di comunicazione sostenendo un graduale processo di laicizzazione sottolineandone allo stesso tempo la sua arbitrarietà.

La possibilità che si presenta all’arte contemporanea di poter giocare con l’arbitrarietà dei simboli religiosi, trasformandoli in puro ornamento o capovolgendone il senso, a volte in maniera blasfema (vedi Nitsch) comporta una trasformazione prima in senso linguistico poi in senso antropologico culturale.

E’ ormai un segreto svelato che gli artisti più critici nei confronti del “sacro” non sono realmente contro la religione, “meditano sulla religione a pochi passi da essa”.

Le immagini religiose vengono reinventate continuamente e le immagini laiche spesso vengono convertite in religiose.

Il “sacro”, da sempre, evoca venerazione, timore, qualcosa di intoccabile perché assolutamente riservato, uno spazio limitato, separato dallo spazio ordinario e il tempo è un tempo fuori, sospeso.

Nella rappresentazione del sacro da parte degli artisti contemporanei si assiste all’invisibile presenza spirituale o “religiosa” caratterizzata dal vuoto spaziale, temporale, figurativo.

Lo spazio dell’opera d’arte si costituisce come sacro soprattutto quando la relazione tra chi guarda e l’oggetto artistico si pone sul piano privato, sul rapporto esclusivo, confidando totalmente nel potere suggestivo ed empatico dell’opera che conduce a quel tipo di meraviglia, penetrando all’interno dello spettatore come un  flusso armonioso, rivelando il non manifesto.

Con la sua sempre maggiore laicizzazione e la prevalenza degli aspetti profani, nella sua invisibilità, il   “sacro” si può ancora rilevare?

Può ancora esistere una osmosi fra sacro e arte, una reciproca poetizzazione e simbolizzazione che porti a costruire nuovi spazi di comunicazione?

INFORMAZIONI: mdlucc57@gmail.com  mobile: 3288375423 Uff. Stampa  iLogo di Fabrizio Lucarini

 

SABATO 18 FEBBRAIO ORE 16

BIBLIOTECA GIAMPAOLI – PIAZZA MERCURIO- MASSA 

 

INTERVERRANNO:

PROF. ALESSANDRO VOLPI         – SINDACO DI MASSA

DON LUCA FRANCESCHINI         – DIRETTORE DEL MUSEO DIOCESANO DI MASSA-CARRARA

DOTT. YOUSSEF SBAI                    – ISLAMOLOGO

PROF.SSA ANGELA ALDERANI   – IN RAPPRESENTANZA DELL’ISTITUTO BUDDISTA ITALIANO SOKA GAKAI

DANIELE LUCCHESI                        – IN RAPPRESENTANZA DELL’ASSOCIAZIONE QUATTRO CORONATI

 

EVENTO COLLATERALE ALLA MOSTRA “L’ARTE E LA CROCE”  IN SVOLGIMENTO A PALAZZO DUCALE 


Questo articolo è stato letto 107 volte.


Franco Mare


prenota


Alberto Bonfigli


Banca dinamica Carismi


esedra-liceo-internazionale


corsica


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cultura


lagazzetta spazio pubblicità


giovedì, 23 febbraio 2017, 16:19

Al Teatro degli Animosi Massimo Ranieri in “Teatro del porto”

Per la prevendita, la biglietteria del Teatro degli Animosi è aperta sabato 25, lunedì 27 e martedì 28 febbraio, dalle ore 10 alle 12.30 e dalle ore 17. alle 18.30, mentre nelle tre giornate di spettacolo dalle ore 10 alle 12.30 e dalle ore 18 alle 21


mercoledì, 22 febbraio 2017, 16:20

Gli scultori Piccirilli da Massa Vecchia a New York

Nell’ambito degli incontri “Marmi e Dintorni”, è in programma venerdì 24 Febbraio alle ore 17 alla Villa della Rinchiostra, la conferenza dal titolo “Gli scultori Piccirilli da Massa Vecchia a New York”. Ossia dalla “Vecchia” città apuana, alla “New”città americana


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 22 febbraio 2017, 16:19

La cultura della condivisione: arriva a Massa “M’illumino di meno”

Prodotto da Rairadio2 e diffuso sul tutto territorio nazionale, quest’anno è sbarcato anche a Massa grazie all’interessamento di due associazioni culturali locali


mercoledì, 22 febbraio 2017, 11:33

“La pazza della porta accanto” porta agli Animosi la parte più difficile della vita di Alda Merini: applausi a scena aperta

Forte. Di impatto, di drammaticità, di ritmo. Persino del tono della recitazione. Angosciante ma non disperato, sottoposto a una tensione continua nella perfetta trasposizione teatrale di una delle realtà profondamente atroce come quella dei manicomi italiani prima della legge Basaglia e pervaso, tutto, dalla luce dei versi di Alda Merini


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 21 febbraio 2017, 15:55

"Oggi sposi", al Guglielmi il quarto appuntamento con la rassegna Tutt'insieme a teatro

Vi siete mai chiesti chi preparò il pranzo di nozze di Cenerentola? Ma loro naturalmente…le sorellastre! Ecco a voi tutti i retroscena di quella festa che entrò nella storia dei matrimoni da favola


lunedì, 20 febbraio 2017, 14:50

"La bella addormentata": dal Bolshoi di Mosca arriva il 21 febbraio sul grande schermo

Sulle musiche senza tempo di Čajkovskij, la favola di Charles Perrault messa in scena dal più importante coreografo russo, Yuri Grigorovich, tra splendidi costumi e lussuose coreografie con la giovanissima étoile Olga Smirnova


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara