Anno 1°

venerdì, 22 settembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Centinaia strutture da recuperare tra la Lunigiana e la costa, ecco gli incentivi

venerdì, 17 febbraio 2017, 16:32

Incentivi per il recupero di fabbricati rurali abbandonati nelle aree rurali. Sono casolari, granai, stalle ed annessi che attraverso una speciale legge regionale volta a tutelare il paesaggio e al tempo stesso combattere l'abbandono ed il degrado nelle campagne potranno tornare a vivere nuovamente. Sono alcune centinaia e si trovano su tutto il territorio della provincia di Massa Carrara secondo un primo monitoraggio di Coldiretti che applaude alla nuova normativa. “E’ una legge intelligente che permette il recupero ed una nuova valorizzazione del patrimonio edilizio rurale della Lunigiana e delle aree rurali della provincia. – commenta Vincenzo Tongiani, Presidente Coldiretti Massa Carrara – L’obiettivo è recuperare volumetrie già esistenti senza consumare ulteriore suolo. Stiamo parlando di edifici abbandonati e non utilizzati che con questa opportunità potranno essere ristrutturati e valorizzati. Per gli immobili non sottoposti a vincolo di restauro conservativo – fa sapere Tongiani – è previsto un graduale e progressivo aumento volumetrico in virtù dell’efficientemente energetico e della sicurezza sismica”. La filosofia degli incentivi punta a ristrutturazioni green, e quindi al risparmio energetico, senza dimenticare il rischio sismico. Inoltre, la legge per il recupero degli edifici rurali abbandonati prevede delle riduzioni degli oneri comunali. L’eccezione la costituiscono quegli immobili che sono ubicati in aree a rischio idraulico o geomorfologico elevato, si parla di aree in cui l’insediamento è da scoraggiare. “Secondo un nostro censimento – spiega Maurizio Fantini, Direttore Coldiretti Massa Carrara – sono decine, in ogni comune, i casolari abbandonati. Stiamo parlando di strutture che costerebbe troppo ristrutturate, ammodernare e manutentare. Gli incentivi spingono nella direzione di recuperare e valorizzare immobili improduttivi, mettere in modo investimenti e rilanciare l’agricoltura nelle aree rurali del nostro territorio”.

Nel frattempo Coldiretti informa che è ancora possibile regolarizzare i fabbricati rurali nel catasto terreni nonostante sia scaduto il termine. “L’Agenzia delle Entrate – prosegue Fantini – ha stabilito la possibilità di regolarizzare la posizione e sanar così una situazione molto diffusa anche sul nostro territorio”. I proprietari dei fabbricati potranno presentare una dichiarazione di aggiornamento con la possibilità di usufruire dell’istituto del ravvedimento operoso. A tale scopo l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile sul proprio sito l’elenco dei fabbricati rurali che risultano ancora censiti al Catasto Terreni e provvederà ad inviare una specifica comunicazione ai soggetti interessati al fine di consentire la regolarizzazione. “I proprietari – conclude il Direttore – potranno regolarizzare la loro posizione e provvedere autonomamente all’iscrizione del fabbricato nl catasto edilizio urbano”. 


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


prenota


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


carispezia


mercoledì, 20 settembre 2017, 17:42

Al via i progetti per l'adeguamento dei collegamenti ferroviari del porto di Marina di Carrara

L'Autorità di Sistema portuale del Mar Ligure Orientale (scali di La Spezia e di Marina di Carrara) ha infatti pubblicato il bando di gara per la tratta di propria competenza, a cui poi seguirà la procedura da parte di RFI per il tratto di rete nazionale


mercoledì, 20 settembre 2017, 15:33

Trasporto alunni scuola dell’obbligo: confermate le tariffe

Anche per l’anno scolastico 2017/2018, l’amministrazione comunale ha confermato le tariffe di compartecipazione alla spesa da parte degli utenti del servizio di trasporto scolastico previsto dalla L. R. 32/2002, già fissate con D.D. n. 3104 del 15/09/2014


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 19 settembre 2017, 14:21

Appartamento per l'autonomia: 13 già attivi nell'ASL Toscana nord ovest

"Appartamento per l'autonomia" è un percorso sperimentale che  riguarda strutture residenziali per l'accoglienza di ragazzi vicini alla maggiore età o neo-maggiorenni, in età compresa tra i 16 e 21 anni, sia italiani che stranieri, in difficoltà o in condizione di disagio, già in carico dai servizi pubblici territoriali


martedì, 19 settembre 2017, 14:19

Difesa del suolo: 1 milione di euro per il fiume Lavello

La regione ha stanziato 900 mila euro per il fiume Lavello, a Massa. Con queste risorse, aggiunte a 100 mila euro che metterà a disposizione il Consorzio di Bonifica Toscana Nord, il Consorzio stesso potrà movimentare il materiale per ripristinare la corretta regimazione del corso d'acqua


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 19 settembre 2017, 14:17

Assistenza socio educativa per alunni disabili: dalla provincia e regione 107 mila euro

La somma messa a disposizione dai due enti consente di coprire i costi del servizio fino alla fine del 2017, in attesa di conoscere l'entità del finanziamento che lo Stato dovrebbe mettere a disposizione almeno nella stessa consistenza dello scorso anno scolastico per ulteriori 170 mila euro


lunedì, 18 settembre 2017, 18:40

Dati confortanti sul fatturato del marmo nei primi sette mesi del 2017

Un leggero aumento nella produzione dei blocchi che ha comportato il conseguente aumento del canone nel fatturato relaitvo alla vendita del prodotto più pregiato delle cave. Si è passati dal 50% del 2016  al 53% registrato da gennaio a luglio di quest’anno


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara