Anno 1°

venerdì, 26 maggio 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

prenota

Lunigiana

Miseria e nobiltà al teatro Quartieri di Bagnone

lunedì, 20 marzo 2017, 16:03

Dopo un grande successo di pubblico e critica, Miseria&Nobiltà prosegue con la sua lunga tournée italiana facendo tappa in diverse piazze toscane.

Tratto dal testo di Eduardo Scarpetta e reso celebre dal film del ‘54 di Mattoli con Totò, Miseria&Nobiltà è uno dei classici della tradizione napoletana e italiana.

Reinterpretando nuovamente un vero e proprio mito della modernità, Michele Sinisi ci racconta una storia tipicamente italiana, capace di essere attuale e autentica sia dentro che fuori la scena.

La vicenda, ormai nota, è quella di un povero squattrinato che costretto a vivere di espedienti per rimediare a fatica un tozzo di pane, dà vita a una fitta tessitura di trovate dialogiche e di situazioni che rappresentano la summa dell’arte attoriale italiana e di quanto di meglio la storia del teatro (in particolare quella napoletana) abbia prodotto nel tenere il pubblico inchiodato alla sedia:

Lo scrivano Felice Sciosciammocca e il suo amico Pasquale sono due poveracci che vivono alla giornata. Senza uno spicciolo in tasca e affamati, i due amici e le loro famiglie vengono ingaggiati dal marchesino Eugenio perché si fingano suoi nobili parenti presso la casa del futuro suocero, un cuoco arricchito,  con lo scopo strappare il consenso al matrimonio. Colpi di scena ed equivoci renderanno le cose più complicate e nulla andrà secondo i piani.

Nella messa in scena di Sinisi, la farsa di Scarpetta si libera dalla parlata napoletana e con l’uso di diversi dialetti gioca a rappresentare realtà e finzione facendo leva sulle suggestioni evocate da questo testo. La scena volutamente scarna e cupa della prima parte con i suoi personaggi in tuta, magliette usurate e leggins, lascia spazio alla sorpresa dell’allestimento del secondo tempo, pensato dallo scenografo Federico Biancalani con sfarzo solo apparente, dove un lampadario a prima vista sontuoso si rivela poi fatto di cucchiai e mestoli.

Come una canzone pop il cui ritornello potrebbe essere ripetuto all'unisono da tutta la platea, i dialoghi e le scene di Miseria&Nobiltà sono un vero e proprio collante sociale, la ripetizione di un rito collettivo che unisce e diverte. Questo avviene senza dimenticare il lascito del cinema e la potenza espressiva che questo veicola, il grande schermo bianco che compare in scena ne è la prova più efficace. Si aderisce all'originale sì, ma tradendolo continuamente, in un gioco continuo di partiture teatrali.

Miseria& Nobiltà ritorna a quel testo del 1888 solo riscoprendosi rito nell’oggi con una straordinaria squadra di attori che s’impossessano della scena. Dice Sciosciammocca nell’ultimissima battura della storia “Torno nella miseria, però non mi lamento: mi basta di sapere che il pubblico è contento.” Miseria & Nobiltà del mestiere del vivere recitando.


Questo articolo è stato letto 129 volte.


Franco Mare


Alberto Bonfigli


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Lunigiana


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 26 maggio 2017, 20:07

Lega e FI contrarie alla piscina in piazza Libertà a Fivizzano

L’idea portata avanti dall’associazione Mamme di Fivizzano e presentata solo al sindaco Grassi di realizzare una piscina in piazza della Libertà a Fivizzano capoluogo non è piaciuta alla sezione della Lega Nord Fivizzano e al coordinamento di Forza Italia


domenica, 21 maggio 2017, 23:34

Escursionista muore sulle Apuane

Un uomo di 59 ha perso la vita sulle Apuane. Il corpo è stato recuperato nella mattinata dal soccorso alpino: a dare l'allarme la figlia, che non aveva visto rientrare a casa il padre


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 20 maggio 2017, 12:20

Il candidato a sindaco Emanuele Ferdani si presenta: "Per cambiare il futuro bisogna cambiare il presente"

"In questi mesi ho visto troppe cose che non mi sono piaciute - commenta Ferdani -. L'opportunismo, i cambi di casacca: a me piacciono le persone intellettualmente oneste e la nostra generazione non può permettersi di attendere".


venerdì, 19 maggio 2017, 14:25

Giovanni Mura (Lega Nord Fivizzano): “Come mai non è ancora disponibile l’acqua per gli orti?”

Da pochi giorni sono arrivati il caldo e le belle giornate e molti giovani, pensionati e agricoltori, come avviene in gran parte della Lunigiana, si dedicano alla coltivazione di orti e campi per mangiare prodotti della propria terra ma anche per avere un piccolo risparmio economico in tempi di crisi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 18 maggio 2017, 16:39

Raccontare il Medioevo: vincono due scuole della MaB

Sono due scuole della Riserva di Biosfera UNESCO dell'Appennino Tosco Emiliano ad aggiudicassi, insieme a un Istituto Comprensivo di Roma, la vittoria nel concorso nazionale 'Raccontare il Medioevo'.  Gli Istituti di Camporgiano e 'Igino Cocchi' di Licciana Nardi hanno ritirato il premio a Roma, rappresentati da una delegazione di studenti


domenica, 14 maggio 2017, 15:01

Tutti gli uomini (e le donne) di Emanuele Ferdani

Questi i nominativi che affiancheranno il candidato a sindaco del centro destra: Luisito Caldi, Gabriele Ballestracci, Alessandro Ricci, Roberto Manteghetti, Fatima Cucco, Michele Moscatelli, Leandro Pietrini, Marìa Slatineanu


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara