Anno 1°

martedì, 25 luglio 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Sicurezza, legalità, appalti e opere pubbliche: il punto del Movimento 5 Stelle

sabato, 20 maggio 2017, 00:56

di elisa marroni

Oggi pomeriggio, presso la Sala di Rappresentanza del Comune di Carrara, si è tenuta una conferenza organizzata dal Movimento 5 Stelle sui temi della sicurezza e della legalità di appalti e opere pubbliche. Presenti i consiglieri regionali Giacomo Giannarelli e Gabriele Bianchi, insieme all'ex ispettore della DIA Renato Scalia. Assente - per motivi di salute - il senatore pentastellato Mario Michele Giarrusso.

Giannarelli ha evidenziato - sulla base di un rapporto della Guardia di Finanza - come gli illeciti sugli appalti siano triplicati nel corso del 2016. "Per poter vincere la battaglia per la legalità è necessario" ha aggiunto "che gli amministratori abbiano le mani slegate e la fedina penale pulita": in questo senso, risulta essenziale che le varie Procure procedano speditamente e arrivino in fondo alle proprie inchieste.

"Se arriveremo in comune - ha poi concluso - busseremo spesso alla loro porta".

Secondo Bianchi "bisogna ripartire dall'educazione civica": è evidente che - da prima a dopo Tangentopoli - vi sia stato un cambiamento sulle leggi a discapito dei reati di corruzione e abuso d'ufficio, nonché la percezione di tali illeciti da parte della popolazione. Non solo: in certi comuni l'accesso agli atti risulta particolarmente difficoltoso, mentre è fondamentale che nel rapporto fra amministrazione e cittadini "tali accessi debbano avvenire nella massima trasparenza"."Incompetenti" così ha esordito Renato Scalia, riferendosi alle ultime leggi emanate dal governo Gentiloni in tema di sicurezza (in primis la legittima difesa "notturna", ndr). Ma il suo è un affondo sulla lentezza delle procure, con due esempi: il primo, riguardo il terremoto del 24 agosto 2016 - con 265 giorni per arrivare al primi avvisi di garanzia per il crollo del campanile di Accumoli - e il secondo riguardo il cedimento dell'argine del 6 novembre 2014 a Carrara (dove addirittura non vi sono rinvii a giudizio e probabilmente si arriverà alla prescrizione dei reati). La giustizia - secondo Scalia - deve andare fino in fondo, così come fecero a loro tempo i magistrati Falcone, Borsellino e Caponnetto quando mandarono alla sbarra più di 400 mafiosi. Scalia ha concluso affermando che "solo i cittadini possono cambiare questo sistema perverso".

Francesco De Pasquale ha aperto il suo intervento riferendosi agli ultimi avvenimenti di cronaca avvenuti nel territorio comunale (siringhe nei pressi delle scuole, veicoli incendiati, spaccio in Piazza Alberica, risse frequenti) per evidenziare la mancanza di sicurezza "nel quotidiano". Non solo: anche lo stato delle scuole (con un solo edificio provvisto di Certificato Prevenzione Incendi, ndr) o del torrente Carrione rappresentano un rischio per la sicurezza dei cittadini. Per il candidato sindaco pentastellato "la sicurezza a Carrara è un bisogno: l'impresa è impegnativa per poter affrontare i vari problemi, ma per il bene della popolazione non ci si può più tirare indietro". Infine, un accenno alla videosorveglianza della città: dal momento che non si conosce quante telecamere siano in funzione, è difficile stabilirne la loro reale efficacia. Aggiungendo a ciò le esigue risorse a disposizione, nonché le poche forze dell'ordine disponibili, è chiaro che la sicurezza ne risenta di molto. "Mancano i luoghi di aggregazione" ha concluso De Pasquale "e per questo certi ragazzi possono commettere stupidaggini per noia; tutto questo si combatte con la socialità e la creazione di punti di ritrovo. Il tessuto sociale è da ricostruire, ed è cosa fondamentale per una città.


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


lunedì, 24 luglio 2017, 22:20

Apuafarma, l’amministrazione comunale propone Luca Cimino

Il consulente del lavoro è stato individuato per ricoprire il ruolo di amministratore unico della società partecipata. Il sindaco De Pasquale: “Persona competente e specializzata”. Il 1° agosto l’assemblea dei soci


lunedì, 24 luglio 2017, 17:12

Segretariato sociale, Galleni: “Dal Pd notizie prive di fondamento”

L’assessore annuncia l’apertura di un nuovo locale di ascolto all’interno del Comune in cui svolgere il servizio insieme a quello di sportello disabilità


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 23 luglio 2017, 14:55

Bernardi replica sull'Erp alle affermazioni del neo assessore Galleni

Ecco il testo integrale della replica dell'ex assessore all'urbanistica Massimiliano Bernardi al nuovo assessore al sociale Anna Galleni sugli alloggi popolari dell'Erp


sabato, 22 luglio 2017, 19:26

Incidente in cava, De Pasquale: “Asl e Regione devono intensificare i controlli”

“L’ultimo incidente in cava riporta prepotentemente alla ribalta il tema molto più che importante della sicurezza sui luoghi di lavoro e nei bacini marmiferi in particolare”. Sono le prime parole del sindaco di Carrara, Francesco De Pasquale, su quanto successo questa mattina in una strada di arroccamento a Fantiscritti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 22 luglio 2017, 19:23

Tutela del tracciato della Ferrovia Marmifera: la giunta incontra i funzionari

La nuova amministrazione a 5 Stelle di Carrara da subito si adopera per la tutela del tracciato della Ferrovia Marmifera. Venerdì 21 luglio si è svolto un incontro insieme ai funzionari della Soprintendenza di Lucca, Massa e Carrara


sabato, 22 luglio 2017, 19:02

Rossi sulla sentenza Tar su cave Apuane: "Vittoria per l'ambiente e per il lavoro"

Il presidente Enrico Rossi commenta con soddisfazione la sentenza del Tar della Toscana depositata ieri sera, con cui la prima sezione ha respinto il ricorso promosso da una società di escavazione delle Apuane contro il Pit-piano paesaggistico approvato dalla Regione d'intesa con il Mibac


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara