Anno 1°

martedì, 22 agosto 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

“Qualcuno sta mentendo”: perplessità e dubbi di Carrara Bene Comune e DemA sul caso Del’Amico-Scaletti

sabato, 12 agosto 2017, 22:05

Una lettera aperta delle due liste civiche che hanno sostenuto Claudia Bienaimè nelle scorse elezioni in merito alle scelte dell’attuale amministrazione sulla posizione di Dell’Amico e della Scaletti. Ecco il testo integrale:

“In merito alla vicenda che vede il coinvolgimento dell’ Assessore Sarah Scaletti, riteniamo che qualche dubbio sia legittimo: procediamo con ordine, premettendo che al momento non si ravvisa nessuna violazione di legge nel comportamento dell' ing. Scaletti, ma si tratta eventualmente di opportunità politica ed etica.

Le società fiduciaria di diritto estero in Italia vengono usate per tenere occulta la provenienza dei capitali e di chi li detiene, per questo richiedono degli amministratori di fiducia che mantengano la riservatezza. 

Riportiamo la parte del comunicato ufficiale dell'amministrazione pentastellata: 

“La gestione fiduciaria consiste cioè nell’amministrazione di attività patrimoniali e finanziarie appartenenti a terzi. Nel caso di specie, semplicemente la EcoFid aveva l’incarico di detenere fiduciariamente le quote della Sviluppo Immobiliare e quindi di esserne intestataria. Ha svolto questo incarico dal 2009 al 2014, amministrando l’immobile. In questo periodo l’unica attività della Sviluppo Immobiliare è stata legata alla gestione dell’unico immobile precedentemente acquistato. A seguito della vendita di tale immobile è venuto meno il ruolo di EcoFid, pertanto le quote della Sviluppo Immobiliare sono state reintestate agli originari detentori. Successivamente le mie quote sono state cedute alla Franchi Umberto Marmi Srl nel novembre 2016, ovvero in tempi precedenti rispetto alla compravendita dell’area Fermet”.

La Ecofid società fiduciaria, aveva il compito di celare i veri titolari dei capitali che finanziavano sviluppo immobiliare, l' ingegner Scaletti amministrava i beni e chiuse la società fiduciaria.  A quel punto Scaletti diventa titolare delle quote. Detto ciò la domanda sorge spontanea: per conto di chi?

Successivamente cede le quote  a Franchi e sorge la seconda domanda: a titolo oneroso o no? Per conto di chi le cede? 

Alla luce di questa analisi,  la  richiesta del PD di pubblicazione dei curricula degli assessori fa sorridere, visto che gli assessori sono nomine di fiducia del sindaco. Ben diversa è invece la nomina degli amministratori di società, che dovrebbe avvenire per bando pubblico gestito dall' amministrazione, come richiede l’ avviso pubblico sottoscritto nella scorsa legislatura dall'attuale sindaco.

Crediamo sia legittimo, in mancanza di una legge sulle lobby, chiedere ad un politico e a un amministratore chiarezza su suoi rapporti: il nostro invito non è a rendere pubblici i curricula degli assessori, ma la firma dell’intera giunta alla Carta di Pisa contro la mafia e per la trasparenza assoluta di chi fa politica.

 

Per quanto riguarda la Progetto Carrara  ricordiamo che il comunedetiene il 99,3% delle quote  e rappresenta l’azionista di maggioranza della municipalizzata. Infatti, oggi lo stesso Dell’Amico dichiara:"Dopo le elezioni ho rimesso il mandato nelle mani della nuova amministrazione, ma lo stesso è stato respinto in relazione ai risultati conseguiti e alla natura tecnica dell'incarico. In ogni caso per legge la società dovrà cessare ogni attività d'impresa entro il 31 dicembre 2017». Qualcuno dunque sta mentendo:  l'amministrazione,  ha fatto passare il messaggio ambiguo che non poteva che rinnovare il mandato a Dell'amico , quasi fosse un automatismo stante il rinnovo a giugno della giunta Zubbani, oggi Dell'amico chiarisce che il rinnovo è avvenuto perché è stata confermata la fiducia da parte dell'attuale amministrazione: qualsiasi professionista competente in materia avrebbe potuto sostituirlo, ma l'amministrazione ha accettato di confermarlo, ci chiediamo perché, visto che a parole il Movimento 5 Stelle fa dell’etica virtuosa una bandiera da sventolare nelle campagne elettorali , dal momento che per la trasparenza,  ogni amministratore e collaboratore deve essere in grado di sottoscrivere la carta di Pisa e Dell’Amico  non sembra averne le caratteristiche! Sviluppiamo inoltre una serie di dubbi per i quali chiediamo una risposta  anche sulla sua nomina a liquidatore fatta con assemblea dei soci presso il  Notaio Carozzi  il 13 giugno, ancora amministrazione Zubbani, durante la quale per il sindaco era presente Andreazzoli  : nell’atto che abbiamo ricercato in Comune, si dichiara che non ci sono incompatibilità che invece a noi sembrano chiaramente riscontrabili, se non dal punto di vista della formalità legale lo sono dal punto di vista etico e politico.

Infine ribadiamo l'esigenza che si proceda celermente alla sottoscrizione da parte di giunta e consiglio comunale, e di tutti gli amministratori comunali della Carta di Pisa:avviso pubblico, un codice di comportamento che permette di eliminare dubbi e sospetti e che hanno rappresentato nella passata legislatura una battaglia del m5s è il di Carrara Bene Comune con Claudia Bienaimè.”

DemA  (Democrazia e Autonomia – agorà di Carrara)

Carrara Bene Comune

 


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


lunedì, 21 agosto 2017, 15:56

PSI: "L'asilo di Bergiola deve restare aperto"

Anche la segreteria comunale del Partito Socialista Italiano – PSI di Carrara scende in campo e si schiera contro la decisione, presa dall'amministrazione grillina guidata dal sindaco De Pasquale, di chiudere l'asilo di Bergiola


lunedì, 21 agosto 2017, 15:51

Asilo di Bergiola, DemA e Carrara Bene Comune scrivono una lettera aperta al sindaco

La decisione presa senza alcun tipo di consultazione coi cittadini ha, inevitabilmente, suscitato perplessità non solo negli abitanti del paese che lamentano la perdita di un servizio preservato da anni e mantenuto a livelli di eccellenza ma anche in quelle liste civiche che avevano reso pubblico il sostegno ai grillini...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 20 agosto 2017, 12:23

Chiusura scuola materna Bergiola, il Pd: "Soluzione decisa al chiuso"

"La "soppressione" della scuola di Bergiola è stata decisa al chiuso delle stanze di Palazzo Civico, alla viglia di Ferragosto, a un mese dall'inizio dell'anno scolastico". Così il gruppo consiliare del pd illustra l'interrogazione presentata all'amministrazione comunale sulla delibera 364 del 9 agosto scorso


sabato, 19 agosto 2017, 17:44

Chiusura scuola materna Bergiola, il sindaco: “Decisione difficile. Garantiremo scuolabus”

Pochi alunni, costi elevati, necessità di preservare la scuola di Bedizzano, reperire risorse per la ristrutturazione degli edifici scolastici. Sono queste, in estrema sintesi, le ragioni che hanno spinto l’amministrazione comunale a compiere la difficile scelta di chiudere la scuola dell’infanzia comunale di Bergiola in via Fratelli Bandiera, 23


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 19 agosto 2017, 17:40

Cella (Lega Nord): "Il sindacato ha ragione, in provincia forze dell'ordine abbandonate a sé stesse"

"Quanto denunciato dal segretario provinciale della confederazione sindacale autonoma di polizia è sconcertante". Interviene così il segretario provinciale della Lega Nord, Andrea Cella, sulla mancanza di mezzi e personale a disposizione delle forze dell'ordine nella provincia di Massa Carrara


sabato, 19 agosto 2017, 14:50

Ridare identità alla sinistra: nasce a Massa "Verso l'alleanza di sinistra"

Riaprire il dialogo con chi non si riconosce nell'attuale centro sinistra, grazie a un progetto-cantiere che cerca di ridare un'identità alla sinistra, fuori dal Pd e a contatto diretto con la popolazione. Nasce il gruppo: "Verso l'alleanza a sinistra"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara