Anno 1°

venerdì, 22 settembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Affrontiamo le alluvioni con i ravaneti-spugna"

mercoledì, 13 settembre 2017, 15:32

di legambiente carrara

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera di Legambiente Carrara in merito all'alluvione di Livorno ed alcune considerazioni sui danni che un'analoga precipitazione avrebbe fatto nella zona di Carrara.

Le drammatiche immagini della vicina Livorno sono per noi un monito ineludibile: con ogni probabilità, infatti, un’analoga precipitazione (di oltre 200 mm) avrebbe avuto un esito tragico anche nella nostra città.

Condividiamo quindi la sollecitazione dell’ing. Faggioni ad attuare subito alcuni degli interventi indicati dal prof. Seminara. Ne siamo convinti, tanto che oggetto del nostro primo incontro, un mese fa, con la nuova amministrazione comunale è stato proprio il rischio alluvionale. E, del resto, il tema dell’alluvione è stato un argomento qualificante all’interno del dibattito pubblico che abbiamo organizzato in occasione delle elezioni amministrative.

In tale incontro abbiamo focalizzato l’attenzione sul miglioramento del comportamento idrologico del bacino montano attraverso la risistemazione dei ravaneti (da smantellare e ricostruire con le sole scaglie pulite, eliminando le frazioni fini: terre e marmettola).

Si tratta di ribaltare il ruolo svolto dai ravaneti (da fattore di rischio a fattore di sicurezza) convertendoli in gigantesche spugne che, trattenendo al monte enormi quantità di acqua, riducano l’entità delle piene che colpiscono Carrara. Abbiamo anche spiegato, in più occasioni, che in tal modo, assieme alla riduzione del rischio idraulico, si conseguirebbero altri vantaggi: fiumi puliti, protezione delle sorgenti dall’inquinamento da terre e marmettola, maggior alimentazione dell’acquifero carsico, con riduzione delle crisi idriche da siccità.

Abbiamo pertanto chiesto al sindaco di attivarsi affinché la Regione affidi l’incarico di ricerca per stimare l’efficacia idrologica dei ravaneti ripuliti e di prevedere, nel frattempo, la riconversione dei ravaneti nel regolamento degli agri marmiferi e nei piani attuativi di bacino estrattivo.

Nel suo intervento, l’ing. Faggioni suggerisce di iniziare col ripristino degli alvei dei torrenti montani, cementati o tombati, e con la realizzazione di alcune briglie (riferendosi presumibilmente agli sbarramenti a bocca tarata, con formazione di un invaso temporaneo).

Sono sicuramente interventi necessari: ma ancor più lo è la grande opera che la relazione Seminara prevede relativamente allo smantellamento e alla rimozione dai ravaneti di marmettola e terre (sebbene limitamente allo strato superficiale) e al conseguente studio sull’efficacia idrologica dei ravaneti ripuliti. È questo un punto che condividiamo totalmente, soprattutto allorché la relazione Seminara pone gli interventi sui ravaneti esplicitamente tra quelli da eseguirsi preventivamente al fine di non vanificare l’efficacia degli altri interventi strutturali previsti (sbarramenti compresi).

Pertanto, consapevoli che lo stato attuale del bacino montano rappresenta un rilevante fattore di aggravamento del rischio alluvionale, richiamiamo l’attenzione di tutti sulla nostra proposta: rimozione radicale di marmettola e terre dai ravaneti.

Occorre infine evitare di aggravare le criticità già esistenti alla foce del Carrione. L’attuale primo lotto del water front, infatti, per realizzare l’accesso dei camion al porto, prevede, oltre al pennello per prolungare la foce a mare, un ponte molto largo che tomberebbe la foce e che, assieme agli attuali due ponti strettamente adiacenti, in caso di ostacolo al deflusso potrebbe generare rigurgito idraulico e alluvioni a Marina. Su questo punto presenteremo a breve una proposta alternativa che prevede, invece, un grande ampliamento della foce del Carrione.

 

 

                                                                                       

 


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 20 settembre 2017, 15:35

Il derby delle polemiche, il diesse Audax Carrara replica a Vinicia Tesconi

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera, lunga invero, inviataci dal direttore sportivo dell'Audax Carrara in merito all'articolo apparso sul nostro giornale a firma Vinicia Tesconi al termine della sfida tra Cmc e Audax


martedì, 19 settembre 2017, 14:35

"Questo territorio può e deve vivere di turismo, ma il sindaco non l'ha ancora capito"

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera aperta del comitato turistico indirizzata al sindaco di Montignoso, Gianni Lorenzetti, in merito all'operato del primo cittadino per cioè che riguarda la promozione del comune e il degrado


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 17 settembre 2017, 14:13

"Non dimenticare Bergiola Foscalina è un dovere"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento di un cittadino di Bergiola, Lucio Gigli, sulla strage di Bergiola Foscalina in cui invita i concittadini e le istituzioni a non dimenticare


giovedì, 7 settembre 2017, 09:43

"La presidenza del consiglio censura la mia lettera sulla gestione del Parco di Ricortola"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa protesta di Giuseppe Giuseppini, dell’associazione Alto Tirreno, nei confronti della presidenza del consiglio di Massa per non aver inviato ai consiglieri comunali la lettera di un cittadino dopo averla ricevuta


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 6 settembre 2017, 10:23

Raccolta rifiuti, non solo... differenziata

AREA 2018 è convintamente a favore di una raccolta differenziata spinta che si ponga l’obiettivo dei “rifiuti zero” attraverso il massimo potenziamento della raccolta “porta a porta” sull’intero territorio comunale


sabato, 2 settembre 2017, 22:46

"Cara Boldrini scenda dalla torre..." (prima che qualcuno ce la butti)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa splendida lettera aperta scritta al presidente della Camera Laura Boldrini nella quale l'autore smonta pezzo per pezzo il Pensiero Unico cui si ispira la terza carica dello Stato e ne segnala le responsabilità circa la tragica situazione in cui si trova il nostro Paese:


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara