lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

domenica, 19 agosto 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

Povera Italia

venerdì, 17 agosto 2018, 15:24

di mario giordano

Dal libro di Mario Giordano “Avvoltoi”: un estratto dal capitolo sulle autostrade. “L’ex ministro Di Pietro la definì «una cuccagna». Che c’è di meglio che gestire l’autostrada? Stai lì al casello, aspetti che passino le auto e fai i soldi. A ogni Capodanno, cascasse il mondo, arriva l’aumento delle tariffe. Ormai fa parte della tradizione: ci sono il veglione, il panettone, zampone, lenticchie, il conto alla rovescia a Times Square. E i rincari al casello. Dal 1999 a oggi le tariffe autostradali sono aumentate del 75 per cento, a fronte di un aumento dell’inflazione solo del 37 per cento. Non basta? Macché.  Infatti nel gennaio 2018, puntuale come il botto dello spumante, è arrivato il botto di un ulteriore aumento: in media 2,7 per cento in tutta Italia, ma con punte del 12,89 per cento sulla appena citata Strada dei Parchi, del 13,91 per cento sulla Milano-Genova nel tratto Milano-Serravalle e del 52,69 per cento sull’Aosta-Morgex. Ci sono state proteste, rivolte di pendolari, sindaci in piazza con tanto di fascia tricolore, il magistrato anticorruzione Cantone ha aperto un’inchiesta, Milena Gabanelli si è indignata sul «Corriere» («perché tutti parlano dei sacchetti di plastica e nessuno interviene sui pedaggi?»). Ma nessuno è riuscito a rispondere alla domanda fondamentale: perché le tariffe dell’autostrada aumentano anche quando gli altri prezzi restano fermi? E soprattutto: dove finiscono quei soldi?...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Se 4 mila euro al mese vi sembran pochi

martedì, 14 agosto 2018, 16:54

di barbara pavarotti

Tremano tutti coloro che hanno più di 4000 euro netti al mese di pensione, più ovviamente tredicesima e quattordicesima. Pare siano tanti e molto molto arrabbiati: dirigenti, professionisti, intellettuali di vario genere e grado. In questi giorni sto ricevendo molte telefonate di colleghi giornalisti preoccupati, che inveiscono contro questo governo e mi chiedono: “Ma tu non sei angosciata?”. Risposta: “No, perché la mia pensione non arriva nemmeno alla metà di 4000. E se ci arrivasse, sarei ben contenta di privarmi di 200-300 euro a favore di un fondo che finanzi l’aumento delle pensioni minime, che sono oggettivamente troppo basse”. Replica dei giornalisti-colleghi: “Ma non ha senso! Chi prende la pensione minima non ha mai lavorato un giorno in vita sua, non se li merita nemmeno quei 500 euro”. E ancora: “Io non posso vivere con meno di 4000 al mese, non ce la faccio, ho troppe spese”. Ve le elenco, sempre in base al vissuto delle mie conoscenze: figli trentenni super viziati da mantenere perché – abituati ad avere tutto gratis da mamma e papà – ancora devono conquistare la fatidica laurea triennale; ville sparse un po’ dovunque; abitudine a cene da 70 euro a testa; viaggi in capo al mondo senza badare a spese. E tanto altro...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Espone nel bar una foto di Mussolini: una cliente chiama i carabinieri che denunciano il titolare

lunedì, 13 agosto 2018, 15:03

di loreno bertolacci

Quello che è accaduto pochi giorni fa a Modica, in Sicilia, ha del grottesco ed è la testimonianza di come, in Italia, ormai esiste una sorta di dittatura del Pensiero Unico Dominante a cui tutti, dai politici alle forze di polizia agli intellettuali, si sono regolarmente prostituiti. Una giovane cliente del locale si accorge che dietro il bancone è esposta una foto di Mussolini con scritta anche una citazione. Senza tanti complimenti chiama i carabinieri i quali, ovviamente per non trovarsi sbattuti in prima pagina dai soliti giornali e giornalisti politically correct, sequestrano l'immagine e denunciano il proprietario del bar per apologia del fascismo. Ma vi rendete conto in che razza di Paese viviamo, ormai? Siamo arrivati al punto in cui la Sinistra, che alle elezioni è stata soronamente sconfitta, riemerge grazie ai mass media che detiene in gran quantità e grazie a quel Pensiero Mondialista che tutto vuole uniformare ai propri diktat. Esporre una foto di Mussolini, quindi, è apologia di reato. E' questa la democrazia? A quasi cento anni di distanza dall'avvento del fascismo al potere c'è ancora chi ha paura dei fantasmi? Certo che no, si tratta soltanto dell'ultima e unica arma in possesso della Sinistra per tentare di arginare in qualche modo l'ondata populista, sovranista, in realtà Italiana, formata da tutti coloro che hanno aperto finalmente gli occhi e sono stanchi di essere irregimentati secondo i criteri di distinzione dei progressisti a un tanto al chilo... 


Ce n'è anche per Cecco a cena

Ci ha rovinati Berlinguer

lunedì, 6 agosto 2018, 00:53

di barbara pavarotti

Il partito democratico? Gira una definizione divertente: è il partito della ZTL, rinchiuso in un recinto fortemente arroccato al proprio interno e alimentato dalla convinzione della propria superiorità morale. Il partito che non ha più nessun rapporto con il popolo che definisce, anzi, populista. Il partito della “casta” che disprezza i “barbari” che l’hanno bocciato alle elezioni. Elettori - la stragrande maggioranza degli italiani – che non hanno capito nulla e si sono affidati ad altri barbari moralmente inferiori. Il Pd è sorretto in questo giudizio dalla quasi totalità della stampa e tv che, non a caso, viene sempre più snobbata dai cittadini “barbari”. In questa melassa propagandistica gli articoli davvero interessanti, che dicono qualcosa di nuovo sono rari. Abbastanza clamoroso è dunque uno del direttore responsabile di “Libero”, Pietro Senaldi, che rovescia un mito fin qui intoccabile, a sinistra come a destra: quello di Enrico Berlinguer. Scrive Senaldi: “A rovinare la sinistra per le future generazioni fu Enrico Berlinguer, quasi quarant'anni fa...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Aldo Grandi kaputt! Luigi Briganti e l'incoerenza dei pasdaran della rivoluzione

sabato, 28 luglio 2018, 18:59

di loreno bertolacci

Si chiama Luigi Briganti, di origini calabresi, ma abitante a Lucca, simpatizzante di Liberi ed Eguali, già vice direttore di una radio pesciatina nonché appassionato di Lucca Comics & Games, collaboratore di Fanpage.it e giornalista pubblicista fino a due anni fa quando scelse di cancellarsi dall'Albo. E' lui che, evidentemente, rimasto affezionato al vecchio ordine professionale, ha pensato bene di presentare un esposto contro Aldo Grandi - è già il secondo - già direttore della Gazzetta di Lucca e della Gazzetta di Viareggio, per l'articolo in cui questi se la prendeva con la ex presidente della Camera Laura Boldrini. Luigi Briganti si è recato fino a Roma per confermare quanto denunciato in precedenza ed è stato ascoltato dal collegio di disciplina che, successivamente, ha comminato la sanzione di tre mesi di sospensione al giornalista professionista lucchese. Aldo Grandi ha chiesto a Luigi Briganti il cui profilo è su facebook se era stato lui a denunciarlo e, ricevutane risposta affermativa, ha fatto notare che un ex giornalista pubblicista si è cancellato dall'ordine e due anni dopo si è rivolto allo stesso ordine abbandonato affinché giudicasse l'articolo di un giornalista regolarmente iscritto. A questo punto Luigi Briganti ha risposto di averlo fatto perché quel giornalista - Grandi - ha gettato discredito sull'intera categoria. Aggiungendo che esiste un codice deontologico che non è stato fatto per figura e che non autorizza nessuno ad augurare la morte agli avversari. Lodevole l'intento educativo del Briganti, peccato solo che sul proprio profilo, in un suo post datato 1 giugno, si leggono...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Largo ai giovani, gli 'anziani' hanno stufato

lunedì, 23 luglio 2018, 12:19

di barbara pavarotti

Ma cosa devono fare i giovani e i neolaureati per farsi rispettare in questa nostra società gerontofila e baronale? Come fanno a farsi un curriculum se nessuno dà loro un’opportunità? Esemplare il caso della nuova responsabile della segreteria al ministero del Lavoro e a quello dello Sviluppo Economico, Assia Montanino, 26 anni, voluta da Di Maio. Sua compaesana, di Pomigliano d’Arco, laureata in Economia e figlia di un commerciante che ha denunciato i suoi usurai. Contro questa scelta si è scatenato il mondo. Accuse di favoritismo, senza tener conto che per legge, come è accaduto in tutti i precedenti governi, il capo della segreteria particolare di un ministro è scelto sulla base di un rapporto fiduciario con il titolare del dicastero e la sua nomina spetta, appunto, come è sempre stato, al ministro. Polemiche anche sul suo stipendio che è regolato per legge, 72.000 euro lordi annui che, netti, fanno circa la metà. Assia ha replicato che si tratta di un impegno serio, sette giorni su sette, senza limiti di orario e quindi i 3.300 euro al mese sono più che giustificati. Ma la frase decisiva è un’altra: “E’ triste notare come un giovane in Italia debba costantemente difendersi dalle accuse di incompetenza solo per un fattore legato all’età anagrafica”. Cosa che i detrattori hanno puntualmente fatto: “Non ha alle spalle alcuna esperienza in ruoli apicali”. E citano ovviamente la più “illuminata” scelta fatta dall’ex ministro Calenda...


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Ultime notizie brevi


lagazzetta spazio pubblicità


domenica, 19 agosto 2018, 10:03

Joe Denti, aneddoti e curiosità sul cinema a Carrara

Vuoi rivivere con gli aneddoti e le curiosità più divertenti dei mostri sacri della cinepresa? Appuntamento allora a lunedì 20 agosto alle 21 presso la Sala Leo Gestri della Biblioteca Civica Cesare Vico Lodovici, in Piazza Gramsci, 2, a Carrara. Ingresso Libero."Vieni a conoscere un volto del cinema - spiega l'Associazione...


sabato, 18 agosto 2018, 10:21

Pontremoli, scadenza richieste di inserimento nel sistema di controllo "Farina di castagne D.O.P. della Lunigiana"

Il consigliere delegato all'agricoltura Patrizio Bertolini porta a conoscenza della cittadinanza che il 30 agosto scade il termine di presentazione delle richieste di inserimento nel sistema di controllo "Farina di castagne D.O.P. della Lunigiana".


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 18 agosto 2018, 08:58

Bergamini (FI): "Blitz anti-abusivismo, eliminare il problema alla radice"

"Il blitz anti abusivismo effettuato dalla giunta nei giorni scorsi sul litorale apuano pare non aver avuto l'efficacia prevista. I frequentatori delle spiagge libere e degli stabilimenti balneari della costa lamentano la presenza di venditori abusivi ancora più insistenti e verbalmente molesti in caso di rifiuto di acquisto della loro...


venerdì, 17 agosto 2018, 16:51

Tour enogastronomico di Pontremoli: Tourday Experience

Il prossimo 22 agosto, scopri in centro storico di Pontremoli nelle sue bellezze e… nei suoi sapori! Le guide di Sigeric - Servizi per il turismo, in collaborazione con Farfalle in Cammino, propongono un itinerario enogastronomico della cittadina, ripercorrendo le tappe del più importante evento gastronomico della Lunigiana: il Tourday [turdei].


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 17 agosto 2018, 11:59

Carrara, servizio di vigilanza stradale sugli attraversamenti pedonali davanti alle scuole

L’amministrazione comunale intende assegnare alle associazioni di volontariato, anche per il prossimo anno scolastico, il servizio di vigilanza degli attraversamenti pedonali situati davanti alle scuole, per l’entrata e l’uscita degli alunni dai plessi scolastici.


giovedì, 16 agosto 2018, 15:36

Il giornalista ed editore brasiliano Fabrício Rodrigues Valle all'archivio di Stato di Massa

Martedì 14 agosto l'Archivio di Stato di Massa, in Via Carlo Sforza, ha ricevuto la visita del giornalista ed editore brasiliano Fabrício Rodrigues Valle, proveniente da Goiânia, capitale dello Stato di Goiás, a circa 200 chilometri dalla capitale federale Brasilia.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 16 agosto 2018, 14:29

II edizione "Corri per la Speranza"

Domani si terrà la seconda edizione del "Corri per la Speranza", una gara podistica non competitiva e camminata ludico motoria di 6 chilometria scopo benefico. Gli organizzatori sono : il Centro senologico di Carrara, l'azienda Toscana Nord Ovest e la Pro Avis di Castelnuovo Magra.


giovedì, 16 agosto 2018, 12:04

Consorzio, la minoranza: "Alghe estive, perchè non si interviene sulle cause?"

Il gruppo di minoranza in assemblea del Consorzio di Bonifica, composto da Fortunato Angelini, Pietro Casali e Rolando Guidi, interviene sul tema delle alghe estive e chiede di intervenire sulle cause.


giovedì, 16 agosto 2018, 12:03

Eccedenze alimentari, dalla Regione 200 mila euro per progetti di raccolta e redistribuzione

La Regione mette a disposizione degli enti del terzo settore 200.000 euro per progetti di raccolta e redistribuzione di generi alimentari, con il duplice scopo di evitare sprechi e andare incontro all'emergenza della povertà alimentare. Lo stabilisce una delibera presentata dall'assessore al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi...


martedì, 14 agosto 2018, 16:51

Ferragosto, l'appello del sindaco Francesco De Pasquale: "Divertitevi con rispetto"

Nessuna ordinanza anti-gavettoni ma un accorato appello a divertirsi nel rispetto di tutti. Il sindaco Francesco De Pasquale conferma che anche per questo Ferragosto non firmerà nessun atto formale per "vietare" i gavettoni. «Lo scorso anno non abbiamo avuto grossi problemi e dunque anche per questo Ferragosto ho deciso di...