lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

domenica, 21 gennaio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

Non è la razza bianca ad essere a rischio estinzione, ma la nostra identità

martedì, 16 gennaio 2018, 22:46

di aldo grandi

Eravamo immersi nelle nostre disperazioni natalizie, frutto di esperienze passate, presenti e, probabilmente, anche future e per un po' di giorni, diciamo pure un paio di settimane, ci siamo volontariamente allontanati dall'arena. Quale? Semplice, quella dove, ogni giorno del calendario, si ascoltano scontrarsi gli imbecilli vestiti di rosso con gli imbecilli vestiti di nero. A dire il vero il numero dei primi supera, abbondantemente, il numero dei secondi, non foss'altro perché questi ultimi, almeno, hanno quasi sempre il buon gusto di tenere la bocca chiusa perché intenti a lavorare o a fare qualcosa di utile per se stessi e, di riflesso, per la società in cui vivono. E' scoppiato, in questi giorni, un pandemonio, suscitato ad arte dai soliti giornalisti e intellettuali leccaculo del PUD (Pensiero Unico Dominante), a seguito delle dichiarazioni di tale Attilio Fontana ex sindaco di Varese ed esponente della Lega Nord. Egli, come se niente fosse e, effettivamente, niente è stato, ha giustamente fatto notare che andando avanti di questo passo e accogliendo milioni di clandestini ogni anno, si rischia seriamente di mettere a repentaglio la razza bianca. Apriti cielo. I comunisti del Pd e della Sinistra Intollerante ossia tutta, hanno gridato come tante vacche al macello accusando di razzismo Fontana e giù a invocare l'antifascismo dei padri putativi del PUD i quali, a onor del vero, di fronte a una Sinistra del genere fatta di tutto fuorché di quello con cui loro l'avevano forgiata, si rivolterebbero nella tomba se fossero ancora capaci di muoversi. Quello che il signor Fontana...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Anche questa volta a votare con un solo obiettivo: abbattere il Pensiero Unico Dominante

domenica, 14 gennaio 2018, 19:45

di aldo grandi

I soliti giornalai e i consueti giornalisti amano, in occasione delle consultazioni elettorali, dedicarsi al cosiddetto toto-deputati e toto-senatori. Che gusto ci sia è una cosa che il sottoscritto non solo non ha mai capito, ma neppure mai compreso visto che nella classe politica non ha mai avuto particolare fiducia. Doversi, poi, arrabattare per far emergere quello o quell'altro probabile candidato, poi, è una cosa che ha, a nostro modesto avviso, dell'abominevole. Anzi, come i nostri lettori sanno, chi scrive ha ricominciato a votare solamente di recente perché per decenni aveva preferito restarsene, come amava scrivere Romain Rolland in ben altri tempi e ben altre circostanze, senza dubbio più serie e, purtroppo, tragiche, au dessus de la melée (al di sopra della mischia). Negli ultimi anni, tuttavia, qualcosa, se non proprio la classe politica, è cambiato e si tratta di questioni particolarmente serie nel senso che i politici che una volta si occupavano di tutto fuorché di modificare il senso delle cose, con l'avvento al Potere della Sinistra, hanno iniziato a distruggere non soltanto il senso stesso, ma il significato delle medesime. Gli ultimi anni di Governo Pd sono stati il trionfo del Pensiero Unico Dominante, il PUD, quella sorta di mélange in cui l'unica cosa che si fa fatica a trovare è il buonsenso poiché il senso, purtroppo, diventa persino troppo evidente. Noi andremo a votare e come sempre, lo faremo appena aperto il seggio, consapevoli che un voto non cambia l'esistenza di un Paese, ma che migliaia di voti insieme possono contribuire ad evitare che resti tutto com'è...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Dottor Giubilaro perché ha escluso la giornalista della Gazzetta dalla conferenza stampa in procura?

sabato, 13 gennaio 2018, 00:30

di aldo grandi

Chi scrive non ha mai incontrato il procuratore della Repubblica di Massa e Carrara Aldo Giubilaro pur conoscendone le capacità e apprezzandone l'assoluta autonomia e indipendenza operativa. Per puro caso, l'altra mattina, però, si trovava in tribunale per essere ascoltato in qualità di persona informata sui fatti in merito a una vicenda di scarso rilievo. In questa circostanza, il sottoscritto ha dovuto prendere atto che la Gazzetta non era stata invitata alla conferenza stampa indetta dal procuratore stesso con il comandante provinciale dei carabinieri Rosati e il comandante della compagnia di Massa Marchi. Non è la prima volta che ciò accade nel senso che, nonostante abbiamo più volte dato il nostro indirizzo di posta elettronica, nessuno ci ha mai avvisato. Questa volta, tuttavia, la collega Vinicia Tesconi era venuta a conoscenza dell'incontro fissato con tutti i mezzi di informazioni non solo locali e, quindi, si era presentata per poter partecipare all'evento. Al momento di entrare nella sala dove si sarebbe tenuta la conferenza stampa, il procuratore stesso, trovandosi di fronte la Tesconi che gli tendeva la mano in segno di saluto, non ha ricambiato e le ha detto, davanti a tutti i colleghi, che avrebbe preferito non averla presente perché scorretta....


Ce n'è anche per Cecco a cena

Silvano Piacentini au revoir

lunedì, 8 gennaio 2018, 21:49

di aldo grandi

Dopo essere stato per diversi anni direttore territoriale della ex Casse di Risparmio di Lucca Pisa Livorno nonché Banco Popolare e direttore generale di Cassa di Risparmio di San Miniato, Silvano Alberto Piacentini da oggi non è più nel consiglio di amministrazione della banca di San Miniato entrata nell'orbita del colosso bancario Crédit Agricole. Con la globalizzazione e l'acquisizione delle banche più piccole da parte di quelle più grosse - inversione di tendenza rispetto a quanto si auspicava e accadeva nemmeno tanti lustri or sono - sono destinati a scomparire non soltanto ragioni sociali, tradizioni, nomi e cognomi, ma, soprattutto e purtroppo, i rapporti umani che, in fondo, costituiscono ancora, fino a prova contraria, una delle poche e nemmeno tanto trascurabili ragioni di essere per chi nella banca lavora e per chi, all'opposto, della banca si serve. Noi non ci dilungheremo in analisi di carattere socio-economico che non ci competono e, per di più, nemmeno ci troverebbero particolarmente preparati. Preferiamo soffermarci sul fronte umano, l'unico sul quale, questo sì, riteniamo di avere voce in capitolo non foss'altro che per avergli tributato sempre l'importanza che merita. Abbiamo conosciuto Silvano Piacentini la prima volta tanti anni fa, lui a Lucca in sella al cavallo vincente che allora era l'ex Casse di Risparmio di Lucca Pisa Livorno, piovuto a queste latitudini direttamente da Lodi dove era cresciuto professionalmente...


Ce n'è anche per Cecco a cena

"Caro Grandi non molli, in un mondo di servi e puttane lei fa la figura di voler lavorare in un bordello senza perdere la verginità"

lunedì, 1 gennaio 2018, 18:41

di aldo grandi

Abbiamo voltato pagina, per l'ennesima volta, per l'ennesimo giro di valzer, per l'ennesimo ultimo giorno di un anno che è appena finito e di un altro che è andato a cominciare. Siamo nell'anno di (dis)grazia 2018 e sembra, davvero, incredibile oltreché impensabile esserci arrivati quando, nemmeno tanto tempo fa, sembrava che l'anno Duemila fosse l'ultimo di tutti gli anni possibili e immaginabili. Invece no, il mondo corre, corre così veloce che a malapena riusciamo a stargli dietro. Ormai l'universo delle Gazzette ha preso la sua strada, ma essa, senza il vostro aiuto, di voi lettori, di voi inserzionisti pubblicitari senza i quali noi non potremmo nemmeno lontanamente esistere, sarebbe già conclusa da un pezzo. Mai come in questi ultimi anni chi scrive sente di dover dire grazie a voi tutti, indistintamente, e a quei tre soci che, un paio di anni fa, vollero provare a condividere un percorso che era una scommessa e si è rivelata una battaglia. A volte il sottoscritto si domanda che cosa deve aver mai combinato per sentire così tanto affetto nei suoi confronti, così tanta spinta a non mollare, così tanto sprone ad andare avanti nonostante le arrabbiature, le liti giudiziarie, le minacce e le aggressioni di varia natura tutte, fortunatamente, tutto tranne che fisiche. Un lettore, Daniele Papi, che il sottoscritto non conosce, ha voluto inviare due righe dopo aver percepito, nell'ultimo Cecco a cena natalizio, una sorta di amara consapevolezza, una specie di triste presa di coscienza. Vogliamo pubblicarle perché ci sembra rispecchino in pieno tutto ciò che in questi anni chi scrive ha provato, bene o male, a fare per non cedere mai, anche quando può aver esagerato, anche quando può aver commesso un errore. Caro Grandi, ho letto stamani il suo pezzo natalizio e i dubbi che ha espresso in merito alla sua posizione. Non molli, non faccia l'italiano rassegnato. Sappia che per chi come me vive lontano dalla Versilia, il suo giornale e sopratutto i suoi pezzi di fondo, sono gli unici a darmi la sensazione di sentire una notizia così com'è. Non c'entra il pensiero politico, lei le canta a tutti ed è sempre pronto a ricredersi. Non molli, anzi, alzi la voce. In un mondo di servi e puttane, lei fa la figura di voler lavorare in un bordello senza perdere la verginità. Ma oggi abbiamo proprio bisogno di sognare, non ci resta altro, e la sua voce ci fa sognare un mondo che possa guarire. non mi privi del piacere di sentirle le cantare a chi lo merita. ci sarà sempre una maggioranza che se oggi è silenziosa, domani potrebbe svegliarsi per le sue urla. Sono troppi quelli che vanno esclusi, per arrendersi. Al prossimo pezzo e che il 2018 le porti soddisfazioni...

 

 


Ce n'è anche per Cecco a cena

Chi non muore si... rilegge

mercoledì, 27 dicembre 2017, 18:26

di aldo grandi

E' probabile, anzi, quasi certo che sarete mancati sicuramente più voi lettori al sottoscritto che non il contrario, impegnati come sarete stati a trascorrere le feste di Natale se non sotto l'albero, almeno sopra il tavolo. Chi scrive, al contrario, complice una influenza burrascosa e un colpo basso sul quale, al momento, è meglio sorvolare, ha trascorso il 25 dicembre e giorni precedenti e successivi sdraiato al calduccio nel proprio letto, intendo a contare le pecorelle smarrite e a domandarsi se portare avanti questo tipo di giornalismo senza padroni e senza rispetto per il Potere Costituito abbia non solo un senso, ma anche un valore. Sono, ormai, diversi mesi che un po' da tutte le parti ci sparano addosso a noi delle Gazzette, nemmeno si trattasse della presa di Omaha Beach sulle spiagge della Normandia il D-Day. Il più delle volte ce le siamo cercate, quale altra volta le abbiamo anche volute, dispiace, però, soprattutto, quando riteniamo di non averle assolutamente meritate. La realtà è che stiamo vivendo un Evo estremamente variabile e volubile, dove l'unica certezza è l'incertezza dominante, dove alla sicurezza della tradizione abbiamo sostituito la vacuità del denaro e della globalizzazione, dove ai confini e agli steccati che ogni popolo, da quando esiste la Storia, ha avvertito il bisogno di erigere per identificarsi e delimitarsi oltreché legittimarsi, sono stati aggiunti e imposti ectoplasmi virtuali che tutto rendono eguale a ogni latitudine e longitudine sia geografica sia di linguaggio annullando e annientando ogni differenza con il risultato che, alla fine, sorgerà un Regno di Replicanti e di Automi senza identità e senza coscienza, manovrabili facilmente da un potere isolato dal resto del pianeta. La gente continua a festeggiare un Natale che non esiste più, soprattutto in chi, Chiesa e papa in primis, dovrebbero fare di tutto per coltivare. Ha ragione Socci quando dice che, ormai, papa Bergoglio vede solo e soltanto migranti dappertutto anche a messa e anche il 25 dicembre...


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Ultime notizie brevi


lagazzetta spazio pubblicità


sabato, 20 gennaio 2018, 19:10

Maltempo, codice giallo fino a domenica mattina per vento e mare mosso

Peggioramento delle condizioni meteo a partire dal pomeriggio di oggi, sabato 20 gennaio, con temporaneo rinforzo del vento e del moto ondoso. Per questo la Sala operativa della protezione civile regionale ha emesso un codice giallo che interessa le province di Livorno, Lucca, Massa Carrara, Pisa e Firenze.


venerdì, 19 gennaio 2018, 18:41

Annullato lo spettacolo Grease: modalità di rimborso

Lo spettacolo GREASE, in programma dal 19 al 21 gennaio, non potrà essere recuperato nel nuovo Teatro Tenda in quanto la compagnia non ha più date disponibili per la stagione 2017/2018 ma si è resa disponibile per la prossima stagione.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 19 gennaio 2018, 16:48

Santini (Lega Nord): "Quella del centro-sinistra è una politica distante dai bisogni delle realtà locali"

Il coordinatore del movimento giovanile della Lega Nord Michael Santini commenta la mozione presentata in Consiglio Regionale da Giacomo Bugliani (PD) finalizzata ad evitare la chiusura delle filiali di banca nelle zone montane e disagiate del nostro territorio.


venerdì, 19 gennaio 2018, 16:35

Le aziende della sezione meccanica di Confindustria Livorno Massa Carrara sponsorizzano "Eureka! Funziona!"

Alcune aziende della Sezione Meccanica di Confindustria Livorno Massa Carrara, anche quest’anno, sponsorizzeranno le edizioni provinciali di Eureka! Funziona!


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 19 gennaio 2018, 14:45

Agenzia delle entrate: selezione pubblica per tre posti per iscritti negli elenchi speciali (legge 68/99)

L'agenzia delle entrate seleziona tre persone facenti parte  iscritti negli elenchi  speciali di cui alla legge 68/99 e ss.mm in possesso  dei requisiti della categoria richiesta per la qualifica di ausiliario. Di seguito il bando:


venerdì, 19 gennaio 2018, 13:00

La Regione finanzia ventuno progetti di formazione professionale per il dopo licenza media

Un investimento di 5,6 milioni di euro per finanziare ventuno percorsi di Istruzione e formazione professionale del sistema duale per il conseguimento della qualifica regionale. Avranno una durata triennale, saranno distribuiti in ognuna delle dieci province toscane e costituiranno una nuova opportunità per gli alunni in uscita dalle scuole medie.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 19 gennaio 2018, 12:33

Maltempo, codice giallo per mareggiate

Codice giallo per mareggiate nella giornata di oggi. Sono possibili fenomeni occasionalmente pericolosi per l'incolumità delle persone, in grado di causare disagi e danni a carattere locale.Sono possibili localizzati e temporanei problemi ai tratti stradali a ridosso della battigia con localizzate interruzioni della viabilità.


venerdì, 19 gennaio 2018, 12:31

Riapre la piscina comunale di Carrara

La struttura di via Sarteschi sarà fruibile per il nuoto libero dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.30 alle 15.00 e dalle 19.00 alle 21.00, il sabato dalle ore 10.30 alle 15.00 e dalle 18.00 alle 20.00, la domenica dalle ore 10.00 alle ore 12.30.


venerdì, 19 gennaio 2018, 11:17

Reddito d’inclusione: aumentano i poveri beneficiari, in Toscana uno su due

Aumentano le famiglie povere che potranno accedere al reddito d'inclusione in Toscana. Dal primo luglio potranno fare richiesta dell'assegno di 5 mila euro l'anno circa una famiglia povera su due. E' una stima dell'impatto che avranno le modifiche ai requisiti per il ReI, previste dalla legge di Bilancio.


venerdì, 19 gennaio 2018, 10:35

Torna la Passeggiata della Salute a Marina di Massa

Lunedì  22 gennaio, con orario  per l'autunno-inverno, perciò alle 15,30, la pro loco Marina di Massa invita la cittadinanza alla Passeggiata della Salute con ritrovo all'entrata del Parco dei Conigli lato Frigido.  La passeggiata si realizza con la partecipazione della sezione di Massa dei veterani dello sport e della sezione provinciale della Lilt, partecipate tutti, ...