lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

venerdì, 23 febbraio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Molestie sessuali, ormai una consuetudine per chi sa di poter restare impunito

venerdì, 6 ottobre 2017, 21:58

di aldo grandi

Leggete il resoconto dell'articolo della collega Vinicia Tesconi sul caso di molestie sessuali avvenuto nel pomeriggio alla stazione ferroviaria di Carrara-Avenza. Una ragazza di 21 anni, dalle, si desume, belle gambe, al momento di salire sul treno accompagnata da un amico, è stata ripetutamente palpeggiata da un nordafricano, una risorsa umana boldriniana, il quale, di fronte alle grida di protesta della giovane, non si è scomposto più di tanto e, senza tanti problemi, ha risposto al controllore intervenuto per sedare l'accaduto che la ragazza aveva belle gambe e a lui andava di toccarle. Ragazzi qui non siamo sulla spiaggia di Rimini alle 3 di notte dove, comunque, la violenza sessuale ai danni della polacca stuprata selvaggiamente avrebbe meritato la pena di morte. Qui siamo a Carrara, città anarchica, comunista, antifascista, si dovrebbe anche aggiungere femminista. Bene, il controllore che, ovviamente e come tutti i controllori mandati soli sui treni regionali in mano agli extracomunitari, si è limitato a dire che se l'immigrato lo avesse rifatto, lui, udite udite, avrebbe chiamato la polizia.

Detto questo, secondo lui e secondo tutti, mettiamoci una pietra sopra e chissenefrega, in fondo è stata solamente una toccata di culo. Eh no, la ragazza, vittima del sopruso e dell'abuso, non ci è stata e ha deciso di rivolgersi alla polizia e presentare denuncia. E ha fatto bene. Lei, una donna, ha capito, ancor più di quelli che la accompagnavano direttamente (l'amico) o indirettamente (il controllore) che l'unico modo per non far passare sotto silenzio le violenze di chiunque, rosso, bianco o nero e, comunque, in questo caso, straniero, bastardo senza se e senza ma, è non cedere alla voglia di lasciar correre. Non si può mollare, non si deve altrimenti accadrà anche qui quello che sta avvenendo in Gran Bretagna, in Germania, in Francia, ovunque i seguaci di Allah considerano le donne occidentali poco meno delle troie e perdonateci il francesismo, ma nella loro cultura le nostre donne sono, solo e solamente, se non delle puttane, poco ci manca. 

Quindi, prima noi ce ne rendiamo conto e prima siamo pronti a reagire. Senza pietà. Non ci deve essere tolleranza per qualunque tipo di violenza, anche la più piccola, nei confronti della donna perché essa è l'anticamera del permissivismo, della tolleranza e della concessione di spazi e gesti sempre più ampi e sempre più audaci da parte di chi considera la tolleranza un segno di debolezza e non, come pensano i peracottari della Sinistra ideologizzata, di forza che, poi, forza non è, ma debolezza allo stato puro.

Una cosa dobbiamo ricordare: se non saremo noi a difendere ciò che abbiamo ritenendolo scontato, non potremo poi lamentarci se qualcuno riuscirà a togliercelo.


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


domenica, 18 febbraio 2018, 02:43

La miglior medicina per combattere il fascismo? Studiarlo

L'imminente scadenza elettorale e il rischio, concreto per fortuna, di scomparire o quasi dalle poltrone di Palazzo Madama e di Montecitorio, spinge la Sinistra a inventarsi un inesistente problema ossia un presunto pericolo fascista. Ci manca solo la riesumazione del pericolo di un colpo di Stato ad opera delle destre...


lunedì, 12 febbraio 2018, 00:00

A Sinistra vampiri assetati di sangue

Ormai è chiara la ricostruzione di ciò che è accaduto a Pamela Mastropietro, la diciottenne uccisa a coltellate, poi tagliata, fatta a pezzi, probabilmente anche vittima di cannibalismo e, infine, lavata con dieci litri di candeggina e chiusa in due trolley abbandonati in mezzo alla via.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 9 febbraio 2018, 23:42

Cristiana Francesconi, una leonessa a difesa della libertà di stampa

Se lo merita. Senza ombra di dubbio. Da sette anni da quando, cioè, è nata la Gazzetta di Lucca fondata da questo umile scribacchino di provincia, lei, a titolo gratuito, ha accettato di assistere in qualità di avvocato il suo direttore dalle innumerevoli cause per diffamazione a cui è stato sottoposto.


domenica, 4 febbraio 2018, 15:03

L'uomo a una... rossa dimensione

L'idiota che a Macerata ha esploso diversi colpi di pistola contro ignari immigrati di colore ha fatto solo il gioco della Sinistra e di coloro, tutti sistematicamente verniciati di rosso, che hanno bisogno, per esistere e sperare alle prossime elezioni di evitare il crollo, della caccia al fascista.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 28 gennaio 2018, 13:59

Grazie professor Canesi

Chi scrive appartiene a quella generazione alla quale, tanti anni fa, si usava fare di regalo, tra i pochi che ha avuto, anche un mappamondo, di quelli che, attaccata la spina alla presa del muro, si illuminavano fornendo un incredibile mosaico di colori in corrispondenza di ogni continente.


martedì, 16 gennaio 2018, 22:46

Non è la razza bianca ad essere a rischio estinzione, ma la nostra identità

Eravamo immersi nelle nostre disperazioni natalizie, frutto di esperienze passate, presenti e, probabilmente, anche future e per un po' di giorni, diciamo pure un paio di settimane, ci siamo volontariamente allontanati dall'arena. Quale? Semplice, quella dove, ogni giorno del calendario, si ascoltano scontrarsi gli imbecilli vestiti di rosso con gli...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara