lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

mercoledì, 18 luglio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Dottor Giubilaro perché ha escluso la giornalista della Gazzetta dalla conferenza stampa in procura?

sabato, 13 gennaio 2018, 00:30

di aldo grandi

Chi scrive non ha mai incontrato il procuratore della Repubblica di Massa e Carrara Aldo Giubilaro pur conoscendone le capacità e apprezzandone l'assoluta autonomia e indipendenza operativa. Per puro caso, l'altra mattina, però, si trovava in tribunale per essere ascoltato in qualità di persona informata sui fatti in merito a una vicenda di scarso rilievo. In questa circostanza, il sottoscritto ha dovuto prendere atto che la Gazzetta non era stata invitata alla conferenza stampa indetta dal procuratore stesso con il comandante provinciale dei carabinieri Rosati e il comandante della compagnia di Massa Marchi. Non è la prima volta che ciò accade nel senso che, nonostante abbiamo più volte dato il nostro indirizzo di posta elettronica, nessuno ci ha mai avvisato. Questa volta, tuttavia, la collega Vinicia Tesconi era venuta a conoscenza dell'incontro fissato con tutti i mezzi di informazioni non solo locali e, quindi, si era presentata per poter partecipare all'evento. Al momento di entrare nella sala dove si sarebbe tenuta la conferenza stampa, il procuratore stesso, trovandosi di fronte la Tesconi che gli tendeva la mano in segno di saluto, non ha ricambiato e le ha detto, davanti a tutti i colleghi, che avrebbe preferito non averla presente perché scorretta. Vinicia Tesconi, che mette molta passione nelle cose che fa e nel modo di dedicarsi a questo mestiere, è rimasta di stucco e avrebbe desiderato una spiegazione che, però, non le è stata data. Chi scrive, nella veste di direttore responsabile della testata, ha chiesto ufficialmente, più tardi, di poter incontrare il procuratore Giubilaro il quale ci ha fatto sapere che non desiderava affatto parlare con noi. A questo punto siamo caduti dalle nuvole, poiché non avendo mai avuto occasione di incontrarci, ci siamo rimasti onestamente di stucco così come peggio c'è rimasta la collega Tesconi che ha dovuto ingoiare un brutto rospo.

Ora, l'autore di queste righe si domanda perché un procuratore capo della Repubblica e, nella fattispecie il procuratore capo della Repubblica di Massa e Carrara arriva a negare l'accesso ad una giornalista regolarmente iscritta all'ordine professionale della Toscana senza un motivo plausibile o, almeno, senza che ci sia un chiarimento in proposito? In fondo anche la Tesconi, così come il sottoscritto fanno parte, con le Gazzette, dell'universo dei mass media e come tali avrebbero tutto il diritto di prendere parte alle conferenze stampa indette dalle autorità a meno che non ostino alla partecipazione ragioni particolarmente deplorevoli o gravi in tutta la loro evidenza.

Come direttore della Gazzetta di Massa e Carrara, il sottoscritto rinnova la richiesta di un incontro con il procuratore capo così da poter spiegare quello che è accaduto e fare il possibile affinché non accada più. Anche noi, nel nostro piccolo, siamo giornalisti e non per il farlo on line migliori o peggiori di tutti gli altri. Quindi crediamo che ognuno debba poter svolgere il proprio lavoro se alla base della sua attività ci sono la buona fede, l'onestà intellettuale, la volontà di andare a fondo nelle cose. Noi crediamo che il dottor Giubilaro dovrebbe consentire alla Gazzetta innanzitutto e alla sua collaboratrice Vinicia Tesconi di poter lavorare poiché quest'ultimo è un diritto fondamentale della persona e della libera informazione.

Dispiace che sia accaduto questo episodio, ma nessuno vuole specularci sopra. Ci piacerebbe poter parlare, almeno una volta, con il dottor Giubilaro perché solo dal confronto diretto e sincero si possono superare malintesi e incomprensioni.


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


lunedì, 16 luglio 2018, 17:39

Il giornale di Chicco e le Gazzette

Tutti inneggiano al nascituro quotidiano online di Enrico Mentana che darà lavoro pagato ai giovani e farà lavorare gratis i “vecchi”, ovvero i giornalisti già affermati, con uno stipendio o una pensione, nel ruolo di maestri.


lunedì, 25 giugno 2018, 01:07

Una sconfitta che fa male

Per la prima volta nella sua storia democratica, la città di Massa vede l'elezione a sindaco del candidato del centrodestra. Francesco Persiani ha vinto e sarà per i prossimi cinque anni il primo cittadino dei massesi, una vittoria su cui nessuno era pronto a giurare, ma che, alla fine, ha...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 21 giugno 2018, 20:39

Italiani si nasce, comunisti si diventa

Hanno in mano le reti televisive pubbliche grazie a giornalisti assunti per raccomandazione e amici degli amici. Detengono la maggior parte dei quotidiani cartacei, quelli che, una volta, si dicevano ad alta tiratura mentre oggi, ormai, ne è rimasto solo il ricordo.


lunedì, 18 giugno 2018, 22:03

Si può essere italiani senza essere fascisti

Gli intellettuali progressisti, i politicanti verniciati di rosso, i giornalisti servi del Regime non riescono a capacitarsene e stanno andando in overdose. Non sanno, infatti, come spiegarsi, loro, unica avanguardia delle masse e unici deputati a rappresentarle, il fatto che gli italiani sono, in grande maggioranza, dalla parte di Salvini...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 11 giugno 2018, 17:31

Si Salvi... ni chi può

Dopo anni e anni di ministri e capi di Stato incapaci di riuscire a far valere i propri diritti e a rispettare il volere e la sovranità popolari, ecco che Matteo Salvini, attuale ministro dell'Interno di un governo apertamente antisistema, raggiunge un primo, clamoroso e inaspettato successo.


domenica, 10 giugno 2018, 01:56

Guerra civile o colpo di stato?

I mistificatori del Pensiero Unico Dominante stanno cominciando a mobilitarsi. Di fronte alla nascita di un governo apertamente nato contro il sistema, essi si ergono, con la scusa di combattere un risorgente, ma inesistente nazionalismo, a difensori degli organismi sovranazionali.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara