lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

sabato, 20 gennaio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Dottor Giubilaro perché ha escluso la giornalista della Gazzetta dalla conferenza stampa in procura?

sabato, 13 gennaio 2018, 00:30

di aldo grandi

Chi scrive non ha mai incontrato il procuratore della Repubblica di Massa e Carrara Aldo Giubilaro pur conoscendone le capacità e apprezzandone l'assoluta autonomia e indipendenza operativa. Per puro caso, l'altra mattina, però, si trovava in tribunale per essere ascoltato in qualità di persona informata sui fatti in merito a una vicenda di scarso rilievo. In questa circostanza, il sottoscritto ha dovuto prendere atto che la Gazzetta non era stata invitata alla conferenza stampa indetta dal procuratore stesso con il comandante provinciale dei carabinieri Rosati e il comandante della compagnia di Massa Marchi. Non è la prima volta che ciò accade nel senso che, nonostante abbiamo più volte dato il nostro indirizzo di posta elettronica, nessuno ci ha mai avvisato. Questa volta, tuttavia, la collega Vinicia Tesconi era venuta a conoscenza dell'incontro fissato con tutti i mezzi di informazioni non solo locali e, quindi, si era presentata per poter partecipare all'evento. Al momento di entrare nella sala dove si sarebbe tenuta la conferenza stampa, il procuratore stesso, trovandosi di fronte la Tesconi che gli tendeva la mano in segno di saluto, non ha ricambiato e le ha detto, davanti a tutti i colleghi, che avrebbe preferito non averla presente perché scorretta. Vinicia Tesconi, che mette molta passione nelle cose che fa e nel modo di dedicarsi a questo mestiere, è rimasta di stucco e avrebbe desiderato una spiegazione che, però, non le è stata data. Chi scrive, nella veste di direttore responsabile della testata, ha chiesto ufficialmente, più tardi, di poter incontrare il procuratore Giubilaro il quale ci ha fatto sapere che non desiderava affatto parlare con noi. A questo punto siamo caduti dalle nuvole, poiché non avendo mai avuto occasione di incontrarci, ci siamo rimasti onestamente di stucco così come peggio c'è rimasta la collega Tesconi che ha dovuto ingoiare un brutto rospo.

Ora, l'autore di queste righe si domanda perché un procuratore capo della Repubblica e, nella fattispecie il procuratore capo della Repubblica di Massa e Carrara arriva a negare l'accesso ad una giornalista regolarmente iscritta all'ordine professionale della Toscana senza un motivo plausibile o, almeno, senza che ci sia un chiarimento in proposito? In fondo anche la Tesconi, così come il sottoscritto fanno parte, con le Gazzette, dell'universo dei mass media e come tali avrebbero tutto il diritto di prendere parte alle conferenze stampa indette dalle autorità a meno che non ostino alla partecipazione ragioni particolarmente deplorevoli o gravi in tutta la loro evidenza.

Come direttore della Gazzetta di Massa e Carrara, il sottoscritto rinnova la richiesta di un incontro con il procuratore capo così da poter spiegare quello che è accaduto e fare il possibile affinché non accada più. Anche noi, nel nostro piccolo, siamo giornalisti e non per il farlo on line migliori o peggiori di tutti gli altri. Quindi crediamo che ognuno debba poter svolgere il proprio lavoro se alla base della sua attività ci sono la buona fede, l'onestà intellettuale, la volontà di andare a fondo nelle cose. Noi crediamo che il dottor Giubilaro dovrebbe consentire alla Gazzetta innanzitutto e alla sua collaboratrice Vinicia Tesconi di poter lavorare poiché quest'ultimo è un diritto fondamentale della persona e della libera informazione.

Dispiace che sia accaduto questo episodio, ma nessuno vuole specularci sopra. Ci piacerebbe poter parlare, almeno una volta, con il dottor Giubilaro perché solo dal confronto diretto e sincero si possono superare malintesi e incomprensioni.


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


martedì, 16 gennaio 2018, 22:46

Non è la razza bianca ad essere a rischio estinzione, ma la nostra identità

Eravamo immersi nelle nostre disperazioni natalizie, frutto di esperienze passate, presenti e, probabilmente, anche future e per un po' di giorni, diciamo pure un paio di settimane, ci siamo volontariamente allontanati dall'arena. Quale? Semplice, quella dove, ogni giorno del calendario, si ascoltano scontrarsi gli imbecilli vestiti di rosso con gli...


domenica, 14 gennaio 2018, 19:45

Anche questa volta a votare con un solo obiettivo: abbattere il Pensiero Unico Dominante

I soliti giornalai e i consueti giornalisti amano, in occasione delle consultazioni elettorali, dedicarsi al cosiddetto toto-deputati e toto-senatori. Che gusto ci sia è una cosa che il sottoscritto non solo non ha mai capito, ma neppure mai compreso visto che nella classe politica non ha mai avuto particolare fiducia.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 8 gennaio 2018, 21:49

Silvano Piacentini au revoir

Dopo essere stato per diversi anni direttore territoriale della ex Casse di Risparmio di Lucca Pisa Livorno nonché Banco Popolare e direttore generale di Cassa di Risparmio di San Miniato, Silvano Alberto Piacentini da oggi non è più nel consiglio di amministrazione della banca di San Miniato entrata nell'orbita del...


lunedì, 1 gennaio 2018, 18:41

"Caro Grandi non molli, in un mondo di servi e puttane lei fa la figura di voler lavorare in un bordello senza perdere la verginità"

Abbiamo voltato pagina, per l'ennesima volta, per l'ennesimo giro di valzer, per l'ennesimo ultimo giorno di un anno che è appena finito e di un altro che è andato a cominciare. Siamo nell'anno di (dis)grazia 2018 e sembra, davvero, incredibile oltreché impensabile esserci arrivati quando, nemmeno tanto tempo fa, sembrava...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 27 dicembre 2017, 18:26

Chi non muore si... rilegge

E' probabile, anzi, quasi certo che sarete mancati sicuramente più voi lettori al sottoscritto che non il contrario, impegnati come sarete stati a trascorrere le feste di Natale se non sotto l'albero, almeno sopra il tavolo.


giovedì, 21 dicembre 2017, 22:29

E' tornato il re, viva il re!

E' passato, praticamente, in sordina il ritorno in Italia delle spoglie dell'ex re d'Italia Vittorio Emanuele III deceduto ad Alessandria d'Egitto il 28 dicembre 1947 esattamente, quindi, settanta anni fa e la coincidenza è tutt'altro che casuale.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara