lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

sabato, 19 gennaio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Di che sesso sei? X

venerdì, 14 settembre 2018, 14:29

di barbara pavarotti

“Oggi è un giorno storico per New York”, ha detto il portavoce del consiglio comunale. Che è successo? Sono state ricostruite tali e quali le Torri Gemelle? E’ scomparsa all’improvviso la criminalità? La metropoli è diventata un Eden? Figuriamoci. Il traguardo storico si concretizza in una scritta: dal primo gennaio 2019 sui certificati di nascita sarà possibile scrivere “genere X”. Non solo maschile o femminile, ma X. Incerto, appunto, non definito.

Siccome i neonati non sono in grado di scriverselo da soli, spetterà ai genitori decidere quale genere attribuire al proprio figlio.  Naturalmente anche tutti gli adulti che lo desiderano potranno cambiare il proprio certificato di nascita senza presentare nessuna certificazione medica.

E’ stato il Consiglio della salute cittadino a votare la fondamentale novità, fortemente voluta dal sindaco democratico De Blasio e che viene salutata come perfetto modello di rispetto e di uguaglianza. Grazie al genere X, New York, dice sempre il portavoce del City Council, si conferma città leader nei diritti umani.

Neonati e non, che trionfo! Potrà avanzare una generazione X. Finalmente è stata decretata ufficialmente l’abolizione della prima e ultima grande divisione esistente al mondo: quella tra maschi e femmine, quella su cui si basa l’origine della vita e tutto ciò che ne consegue. Finalmente anche questo muro è stato abbattuto e ne vedremo delle belle. E’ solo l’inizio. Pensate a tutti quei documenti che, nella loro burocratica ottusità, ti chiedono di specificare il sesso, dai moduli delle assicurazioni alle tessere fedeltà dei supermercati. Basta, è discriminazione. Perché dichiarare al mondo se si è maschi o femmine? Noi siamo X e che nessuno si permetta di metterlo in dubbio. New York è l’apripista di una nuova era e infatti continua a non capire perché abbia vinto Trump.

In Italia ormai in molte scuole è già stato cancellato, nei libretti degli studenti, ogni riferimento a padre e madre, sostituiti da “genitore 1”  e “genitore 2”. Perché mica è detto che un padre debba essere uomo e una madre femmina, sono categorie obsolete. Poi è arrivato Salvini il troglodita e ha deciso di far cancellare sul sito del ministero dell’Interno, dai moduli per la carta di identità elettronica, questi genitori 1 e 2 per rimetterci madre e padre. Accidenti, come stiamo tornando indietro in Italia. Meno male che a New York il democratico sindaco sta mettendo le cose a posto. Certo, che un genitore decida quale sesso attribuire al figlio e affibbiargli, prima che lui possa rendersene conto, una bella X suona decisamente strano. Arbitrario e del tutto irrispettoso della libertà individuale. Magari il figlio da grande si incavola o potrebbe crescere con qualche problemino. Ma che volete, si tratterebbe pur sempre di piccoli incidenti di percorso  nel glorioso cammino verso l’abbattimento di ogni schema e categoria. E chissenefrega della biologia, siamo all’alba del nuovo mondo fatto di X.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


lunedì, 14 gennaio 2019, 11:36

Di Cesare Battisti, per noi, ce n'è solo uno e non è quello arrestato in Bolivia

Con quel nome e quel cognome c'è da domandarsi come abbia fatto, poi, a divenire quel che è stato. Cesare Battisti da Cisterna di Latina, nato nel 1954, è un ex terrorista accusato e condannato per vari reati e latitante dopo essere fuggito dal carcere in cui si trovava, a...


sabato, 5 gennaio 2019, 18:13

Italiani e no

La Sinistra è votata al suicidio. Politico, ovviamente. Invece di cercare di capire perché gli elettori si sono allontanati, continua a rivolgersi e a prendere come punti di riferimento e di militanza gli extracomunitari. Così facendo, dimostra ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, ma è dai tempi delle...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 31 dicembre 2019, 17:32

Auguri di buon anno a tutti (fascisti compresi)

Noi non sappiamo se questa giunta possiede il dono del buonsenso, ma, a volte, ne dubitiamo. Il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini ha fatto approvare una delibera sugli spazi pubblici da assegnare solo a chi farà espressa manifestazione di fede antifascista, ma nei confronti di CasaPound come pensa di agire...


lunedì, 24 dicembre 2018, 12:04

E digeriamolo questo fascismo

Sono, esattamente, 36 anni che questo pennivendolo di provincia con aspirazioni nazionali, studia, analizza, passa al setaccio il fascismo sin dalle sue origini fino alla tragedia della guerra, senza mai cedere al rimpianto o alla nostalgia del tempo che fu e che, per fortuna, non è più tornato.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 16 dicembre 2018, 19:56

Né col papa né con la Sinistra

Non tutti sono arrivati alle medesime conclusioni e nemmeno in tanti ci hanno provato. Tuttavia, a coloro i quali non hanno ancora svenduto il cervello sui banchi del Pensiero Unico Dominante, un interrogativo balza di questi tempi all'attenzione: come è possibile che due forze all'apparenza così antitetiche come la Chiesa...


mercoledì, 12 dicembre 2018, 16:19

Un anno vissuto pericolosamente

Era il 22 dicembre 2017. La telefonata sul cellulare arrivò mentre chi scrive era steso su un letto al Casone di Profecchia, alta Garfagnana 1400 metri di altezza, con un febbrone da cavallo. Dall'altra parte del 'filo' la polizia postale di Lucca invitava a recarsi immediatamente presso il suo ufficio...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara