lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

domenica, 5 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

La tata è come il primo amore, non si scorda mai. Beau geste dei Marcucci

sabato, 8 febbraio 2020, 22:03

di aldo grandi

Sgombriamo subito il terreno dai dubbi o dalle sicure perplessità che albergheranno in coloro che leggeranno la notizia che pubblichiamo di apertura ossia il compleanno, i 100 anni addirittura, di Maria Gianfranceschi a Montignoso. La signora Maria è stata la tata della famiglia Marcucci e, tra gli altri, ha allevato il senatore Andrea. Ebbene, oggi pomeriggio, alla festa organizzata presso la casa di riposo a Montignoso, hanno voluto essere presenti tutti e tre i fratelli Marcucci, con Marialina che si è portata dietro, addirittura, Burlamacco da Viareggio. Noi abbiamo seguito con la collega Donatella Beneventi l'evento e non lo abbiamo certamente fatto per piaggeria, non avendo mai noi dimenticato, ma perdonato sì, la causa da 180 mila euro che il senatore e la famiglia ha intentato contro di noi qualche anno fa. Al di là di questo, però, se abbiamo deciso di seguire questa festa è stato perché ci è piaciuto il gesto. In fondo non è da tutti, è vero, avere una tata, ma nemmeno, se la si è avuta, seguirla fino al compimento dei 100 anni di età e andare, addirittura, ricordandosene, alla celebrazione. Un punto, quindi, a favore di tutti e tre i big brothers della Media Valle e della Garfagnana che hanno mostrato, effettivamente, non solo di avere un  cuore, ma anche di saperlo usare.

Non sapevamo nulla della ricorrenza, ma in mattinata il sindaco di Montignoso aveva diffuso una breve comunicazione in cui annunciava il centenario, la festa e l'arrivo del senatore che aveva avuto un legame affettivo profondo con la signora Maria Gianfranceschi. 

Ci è parsa subito una notizia, se un senatore per di più capogruppo del Pd - anche se, da quando se ne è andato Matteo Renzi, è sceso in un imperscrutabile silenzio - si ricorda e va a festeggiare il centenario non di un familiare stretto, ma di una tata che lo ha allevato, è bene dirlo, per tutta l'infanzia e l'adolescenza o quasi. Così abbiamo mandato la Dony e quando abbiamo visto le foto che ha scattato siamo stati ancora più convinti di aver fatto la scelta giusta. 

La riconoscenza non è, in fondo, dovuta e, casomai, spesso è ricercata proprio là dove dovrebbe esserci e non c'è. Invece Andrea, Paolo e Marialina hanno dedicato una mezza giornata del proprio prezioso tempo per stare insieme a chi aveva dato loro molto più di qualcosa riuscendo a non farsi mai dimenticare. Non è facile, né da una parte, né dall'altra. Quindi, e sempre specificando la nostra proverbiale e rinomata antipatia per la galassia Pd e della Sinistra in genere, apprezziamo il gesto e facciamo, anche noi, tanti auguri a nonna Maria.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 12 giugno 2020, 16:20

Summer Festival, la Lucca dei lunghi coltelli: stop al linciaggio

Noi non abbiamo, per fortuna, l'abitudine di frequentare facebook se non, ogni tanto, per postare un nostro articolo o una nostra immagine. I social sono, a tutti gli effetti, un boomerang devastante e nel momento in cui diventano una schiavitù, assumono la forma di una dipendenza ossessiva.


sabato, 30 maggio 2020, 11:00

Mascherine sul viso? No, mutande di latta

Non gli basta averci terrorizzato, ridotti alla fame, allontanati gli uni dagli altri, insinuato negli animi e nei cuori oltreché, purtroppo, nei cervelli la paura di un virus che agisce a mezzo servizio e uccide soltanto in determinate circostanze.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 18 maggio 2020, 21:25

Polli da allevamento

Se un risultato, oltre ai tanti che hanno tentato, riuscendoci, di inculcarci, questo virus ha ottenuto, è stato quello di produrre milioni di polli da allevamento e carne da macello. Tradotto in parole povere, ha permesso alle élites dominanti che non sono, certamente, i poveri debosciati pentapallati o i piddini...


domenica, 10 maggio 2020, 21:22

Silvia Romano? Regaliamole anche il... biglietto di ritorno

La prima cosa che ci è balzata agli occhi e alla testa tutt'altro che devastata dal clima di terrore inculcato in questi mesi dai teorici del lockdown spinto all'estremo - questa razza di bastardi senza gloria - è stata che, a nostro modesto avviso e, se non altro, per una...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 29 aprile 2020, 18:48

Il Coronavirus ha spazzato via la Chiesa e la scuola

Tra i tanti interventi apparsi un po' ovunque in questi quasi due mesi di lockdown e attinenti l'emergenza sanitaria, nessuno o quasi ha affrontato quello che, dopo l'emergenza economica e psicologica delle masse, è stato ed è, a nostro avviso, il risultato più evidente e devastante della cosiddetta deresponsabilizzazione della...


domenica, 26 aprile 2020, 23:27

Giù la testa, coglioni

Ma allora avevamo ragione noi! Ci hanno preso per il culo da due mesi e ci prenderanno per il culo anche per tre. Dopo aver letto, non sentito perché soltanto ascoltarlo ci fa venire nausea e vomito, il discorso di Giuseppe Conte, ci siamo messi le mani non nei capelli,...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara