lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

giovedì, 13 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Con-vivere scrive direttora nel comunicato: ci dispiace, ma noi ci rifiutiamo di cambiare la nostra lingua e continueremo a usare la parola direttore

mercoledì, 29 luglio 2020, 20:03

di aldo grandi

Siamo nati nel 1961 e, pochi giorni fa, sotto il segno del leone, abbiamo compiuto la non più giovane età di 59 anni. Siamo cresciuti in un mondo dove le parole avevano un loro significato e, soprattutto, insindacabile e ineluttabile, frutto di usi e consuetudini secolari. Siamo andati a scuola dove ci hanno insegnato la grammatica e non solo con particolare e maggiore attenzione, sicuramente, di quanto non si faccia ora. In più non ci fracassavano quotidianamente i coglioni, né sui banchi, né alla Tv - rigorosamente in bianco e nero e su due soli canali, anche troppi - né, tantomeno, sui giornali, con le Nuove Disposizioni Linguistiche tanto care a Laura Boldrini e a tutti coloro che hanno, negli ultimi anni, semplicemente devastato e rovesciato il buonsenso e il vocabolario italiano in nome e per conto di non si sa bene chi. Abbiamo avuto, già alle elementari, compagne di scuola con il grembiule bianco e noi con quello nero, ma non ci siamo mai sognati di voler provare il bianco per vedere che cosa si provasse. E viceversa. Eppure non eravamo discriminatori né discriminanti. Giocavamo insieme e per noi che eravamo maschi c'erano, all'opposto, ma accanto, le femmine ed era così anche per l'altro sesso con cui giocavamo volentieri alla bottiglia, a nascondino, ad acchiappino. Identità di genere? Boh, all'epoca e anche dopo ci è sempre suonato ai limiti della incomprensibilità. Infatti, che cosa vuol dire identità di genere? Identità significa una cosa ben specifica, attribuibile e attribuita. Diremmo, quasi, definita aprioristicamente e antropologicamente. Ora, invece, ci hanno aggiunto il 'di genere'.

La casalinga di Voghera, siamo sicuri, farebbe fatica a capire, ma non si può dire in questa società politicamente corretta dove vogliono devastarci non soltanto l'identità, ma anche l'anima e ciò che di più caro abbiamo dopo la... moneta: la lingua.

Così, oggi, mentre leggevamo il comunicato inviatoci da Con-vivere ci siamo imbattuto nella parola 'direttora' e ci è sembrata una cosa inconcepibile, che nessuna insegnante degli anni della nostra beata incoscienza avrebbe accettato. Anzi, l'avrebbe sicuramente barrata con un bello scarabocchio di colore rosso. E avrebbe avuto ragione. Questa moda, ridicola, assurda, offensiva verso le donne, sta prendendo piede non perché la gente sia convinta, ma perché preferisce rinunciare a combattere preferendo lasciar perdere e pensando che sia una sciocca disquisizione. Ma non è così. Attenzione, è da queste cose che si comincia a rinunciare alla propria esistenza.

Tanti anni fa, quando frequentavamo la facoltà di Scienze Politiche dell'università La Sapienza di Roma, intervistammo decine di intellettuali ed ex giovani cresciuti durante il ventennio fascista divenuti, poi, dopo la guerra e la sua tragedia, la nuova classe dirigente - più che digerente come quelle successive - del secondo dopoguerra. Una di essi si chiamava Tullia Romagnoli Carettoni ed era la figlia di Ettore Romagnoli, uno dei più illustri grecisti di questo disgraziato paese senza memoria. Aveva militato nelle file del Partito d'Azione - a proposito, ma le sardine odierne lo sanno cos'era? - poi era divenuta socialista. Donna di straordinaria eleganza, la incontrammo alla direzione dell'istituto italo-africano ai Parioli. 

Durante l'incontro, raccontando le sue aspirazioni di giovane cresciuta sotto un regime dove le donne erano, per lo più, destinate al focolare, ci disse un suo sogno era quello di diventare ambasciatore. Le suggerimmo la parola ambasciatrice, ma lei ribatté senza ombra di dubbio: "No, no, ambasciatore, ma quale ambasciatrice". Imparate donne di oggi. Non serve cambiare la desinenza delle parole, serve acquisire indipendenza di giudizio e autonomia di pensiero. A qualunque sesso o latitudine si appartenga.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:14

Covid-19, il paese degli eunuchi: stop al massacro contro il Seven Apples

E' uno schifo. Una vergogna. Un insulto alla ragione e al buonsenso. L'ennesima dimostrazione che la burocrazia dei mediocri e la deresponsabilizzazione delle coscienze stanno uccidendo il sistema socio-economico di questa povera Italia divenuta, ormai, un Paese di castrati senza attributi né orgoglio o dignità.


lunedì, 10 agosto 2020, 09:03

Cinzia Chiappini lei, come il sindaco, è pagata anche con i soldi di chi non la pensa come lei. Avete occultato una notizia, dovreste dimettervi entrambi se aveste gli attributi per farlo

Quello che è accaduto in queste ore al sindaco di Carrara Francesco De Pasquale e alla sua portavoce Cinzia Chiappini - toh, guarda un po' chi si rivede - è di una gravità inaudita. Un addetto stampa e il primo cittadino, pagati più o meno profumatamente, con soldi pubblici anche...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 8 luglio 2020, 09:39

Gioventù bruciata? No, maturità senza spina dorsale

Innanzitutto chiediamo scusa per questa prolungata assenza, ma anche Cecco a cena, a volte, sente il bisogno di mettersi a... dieta (si fa per dire) e riflettere. Torniamo, quindi, dopo aver guazzabugliato un po' in riva al mare ed aver fatto scorta di pazienza per non incazzarci ad ogni piè sospinto...


venerdì, 12 giugno 2020, 16:20

Summer Festival, la Lucca dei lunghi coltelli: stop al linciaggio

Noi non abbiamo, per fortuna, l'abitudine di frequentare facebook se non, ogni tanto, per postare un nostro articolo o una nostra immagine. I social sono, a tutti gli effetti, un boomerang devastante e nel momento in cui diventano una schiavitù, assumono la forma di una dipendenza ossessiva.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 30 maggio 2020, 11:00

Mascherine sul viso? No, mutande di latta

Non gli basta averci terrorizzato, ridotti alla fame, allontanati gli uni dagli altri, insinuato negli animi e nei cuori oltreché, purtroppo, nei cervelli la paura di un virus che agisce a mezzo servizio e uccide soltanto in determinate circostanze.


lunedì, 18 maggio 2020, 21:25

Polli da allevamento

Se un risultato, oltre ai tanti che hanno tentato, riuscendoci, di inculcarci, questo virus ha ottenuto, è stato quello di produrre milioni di polli da allevamento e carne da macello. Tradotto in parole povere, ha permesso alle élites dominanti che non sono, certamente, i poveri debosciati pentapallati o i piddini...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara