lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

sabato, 31 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Cinzia Chiappini lei, come il sindaco, è pagata anche con i soldi di chi non la pensa come lei. Avete occultato una notizia, dovreste dimettervi entrambi se aveste gli attributi per farlo

lunedì, 10 agosto 2020, 09:03

di aldo grandi

Quello che è accaduto in queste ore al sindaco di Carrara Francesco De Pasquale e alla sua portavoce Cinzia Chiappini - toh, guarda un po' chi si rivede - è di una gravità inaudita. Un addetto stampa e il primo cittadino, pagati più o meno profumatamente, con soldi pubblici anche nostri, ossia di chi non la pensa come loro né, tantomeno, li ha votati, hanno deciso di venire meno alle regole fondamentali su cui si basa il loro lavoro. Avrebbero, cioè, nel caso di Casa Betania, dovuto diffondere la notizia dei contagiati completa, compresa, quindi, la nazionalità, nigeriana, degli stessi invece di tacerla. Loro, come ha spiegato bene il sindaco, hanno preferito una notizia neutrale, dove non si comprende quale sia il significato di questa parola. Forse De Pasquale che non ci sembra una cima, ha voluto dire che se avessero detto che i contagi riguardavano degli immigrati la notizia sarebbe stata strumentale? Ieri, al telefono, il sindaco ci ha spiegato che siamo in campagna elettorale e che, quindi, non era giusto fornire un assist a chi cavalca questo tipo di argomentazioni e si riferiva, ovviamente, alla Lega e a Fratelli d'Italia. Ma, allora, questo sindaco dà le notizie in base al periodo e, soprattutto, alla convenienza politica? Qual è, allora, la sua affidabilità e quale quella della sua portavoce che, già in passato, ha dimostrato di non essere proprio il top della gamma in materia di comunicazione?

Se un'amministrazione comunale - peraltro di Pentapallata, esattamente come quella al Governo che si comporta allo stesso modo grazie ad un Rocco Casalino che, al massimo, può fare il concorrente al Grande Fratello - consapevolmente oscura e deforma ciò che deve comunicare alla popolazione, cosa farebbe qualora si trovasse nel bel mezzo di una emergenza? E' una domanda che non possiamo non porci.

Fatta questa premessa, è evidente che se Chiappini e De Pasquale avessero un minimo di senso della misura e di responsabilità, si dimetterebbero senza se e senza ma. La loro è stata, né più né meno, una straordinaria figura di merda. Da vergognarsi e da chiudersi in casa e gettare via la chiave. Noi, almeno, al loro posto, avremmo fatto così. Ma non siamo tutti uguali e, presumibilmente, la coppia resterà al suo posto in attesa di nuove performances del genere.

Il sottoscritto sente di dover chiedere scusa ai suoi lettori. Quando i Grullini vinsero le elezioni amministrative, pensò che sarebbe stata una svolta. Ecco, pensò male e visti i risultati, anche nazionali, questi stanno distruggendo, unitamente ai loro amici verniciati di rosso, questo paese che, ormai, è diventato una barzelletta. In nome, come in Francia, del cosiddetto très bien vivre ensemble: una stronzata in termini.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 30 ottobre 2020, 09:42

Processano Salvini, ma se ci fosse stato lui al Governo i tre cristiani francesi sarebbero ancora vivi

Processano Matteo Salvini (sul Covid troppo defilato: che abbiano terrorizzato anche lui?) per aver fatto quello che ogni italiano in quanto tale avrebbe fatto - chi sta a Sinistra, oggi e da almeno un ventennio, non è italiano - ma non hanno il coraggio, la dignità, l'onestà intellettuale di ammettere...


lunedì, 26 ottobre 2020, 22:44

Squilli di rivolta

Lo abbiamo sempre detto. Da anni stiamo predicando, invano, che andando avanti di questo passo, con frontiere aperte a cani e porci e italiani considerati alla stregua di ospiti indesiderati in casa propria, con misure coercitive degne di una repubblica sudamericana e sistematicamente destinate a mettere in croce le classi...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 17 ottobre 2020, 20:22

Heil Covid

Qual è, invero, la funzione di un giornalista? Quella di scribacchiare su furti di galline e ladri di polli, su eventi cui partecipano quattro gatti e nessun cane, su mediocrità assistite di una città e un Paese ipocriti e senza spina dorsale, su cronache sportive ormai lontane anni luce dalla...


martedì, 6 ottobre 2020, 09:49

Trovato l'unico vaccino efficace contro il Covid-19: smettere di guardare la Tv e di leggere i giornali

Il vero, unico vaccino contro questa epidemia lo ha scovato chi cerca di andare oltre l'apparenza e, soprattutto, si occupa di curare i danni che questi dementi elevati a sapienti hanno provocato e stanno provocando. Gli psicologi e gli psichiatri, almeno quelli che hanno la schiena dritta, autonomia di pensiero...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 10 settembre 2020, 22:00

La scuola come la Chiesa: insegnanti e genitori hanno abdicato al loro ruolo come i sacerdoti

Forse non tutti si stanno rendendo conto di ciò cui stiamo andando incontro e di che cosa sta per accadere. Questa finta emergenza sanitaria, questa malattia pressoché inesistente attualmente e con una carica virale che non ha ucciso nessuno in queste ultime settimane se non qualche persona che era, ormai,...


venerdì, 4 settembre 2020, 20:27

Pezzi di merda. E noi votiamo Susanna Ceccardi

Saremo brutali. L'atto vandalico contro la sede della Lega a Carrara e, soprattutto, il silenzio delle altre forze politiche sempre pronte a sciacquarsi la bocca - e anche il culo - con le parole dell'antifascismo e della costituzione, ci fanno decidere senza ombra di dubbio che voteremo per Susanna Ceccardi...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara