lagazzetta spazio pubblicità

Anno VIII

venerdì, 22 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Ce n'è anche per Cecco a cena

Marzia Paita, una donna in... croce: le sue dimissioni il trionfo dell'ipocrisia. Dalla Gazzetta totale e incondizionata solidarietà

sabato, 18 settembre 2021, 10:04

di aldo grandi

Ha scritto un post sul suo profilo facebook e per questo l'hanno messa in croce. E' una donna, se fosse stato un uomo lo avrebbero lapidato o messo al muro, ma la sostanza non cambia. Quando tocchi certi argomenti, in questo Paese allo sfascio, finisci alla gogna. E menomale che non l'hanno tacciata di essere fascista. Ma che cosa ha scritto di tanto vituperabile il consigliere comunale cinquestelle Marzia Paita? Ecco qua: Per far carriera o mantenersela... i pompini vanno sempre di moda... Attenzione, leggete bene il testo prima di scandalizzarvi, anime pie. La grillina presa a pesci in faccia e offesa oltre ogni decente e ragionevole misura non ha scritto che per fare carriera o mantenersela bisogna fare pompini a iosa. No, ha scritto, molto più realisticamente e razionalmente, che per fare carriera o anche mantenersela, i pompini non passano mai di moda. Ebbene, esiste qualcuno, facce di bronzo per non dire da carta igienica, cosa avete da ridire su questa affermazione che, a noi, sembra di una logicità disarmante? O forse vogliamo chiudere gli occhi e negare che fare pompini, per uomini o donne a seconda dei gusti sessuali insindacabili, o darla o anche darlo via può senza dubbio contribuire ad aumentare la propria posizione professionale? Invece no, eccoli, tutti, indistintamente, dal parlamentare Martina Nardi che non perde occasione per aprire bocca e inviare comunicati anche quando nessuno glieli chiede, a colleghi di tutti i partiti dell'arco incostituzionale, a sparare e straparlare senza senso e senza un minimo di intelligenza se non personale quantomeno politica. Ma il peggio, in tutta questa storia, lo ha dimostrato il sindaco di Carrara Francesco De Pasquale il quale si è ben guardato dal difendere il proprio consigliere comunale, anzi, della serie prima ti togli dai coglioni e prima ci levi il problema. 

Invece, guarda caso, il sottoscritto che non conosce Marzia Paita, che non sa nemmeno se è di destra o di sinistra, che neanche, invero, sin pone il problema tantomeno la domanda, sta con lei, totalmente e incondizionatamente. Sul proprio profilo facebook la signora Paita può dire e scrivere quello che vuole e in risposta a un tale politico di destra locale di cui non rammentiamo e nemmeno ci interessa, il nome, che ha detto che la forma e lo stile sono sostanza, bene, allora che cominci a guardare la sostanza di quello che Paita ha fatto svolgendo il suo ruolo istituzionale che, a quanto pare, ha riscosso soltanto elogi da Cavazzini, ad esempio, ma non soltanto.

Ipocriti che non siete altro. Vi dovreste vergognare. Volete apparire delle educande, ma siamo convinti che anche voi, sotto sotto, avete sempre pensato la stessa cosa scritta dalla Paita. Solo che avete paura di essere tacciati di maschilismo, di antifemminismo, di misoginia. Noi che, al contrario, ce ne sbattiamo di tutte queste, si fa per dire, stronzate, vorremmo solo sottolineare, in primis, che i pompini per fare carriera non sono o non sarebbero solo una prerogativa delle donne, ma, visti i tempi e le tendenze, anche degli uomini. In secondo luogo è come sostenere che con i soldi si comprano favori professionali. E' forse un'accusa verso i dipendenti pubblici? Non facciamo ridere. Sappiamo bene che l'occasione fa l'uomo ladro e che la natura umana, per quanto ci si possa sforzare di adeguare la realtà all'Ideologia, resterà, fortunatamente, sempre la stessa. 

Quindi, bestiacce ipocrite, lasciate in pace la Paita e, soprattutto, cara Marzia, non mollare. Noi siamo con te.

A proposito, ora denunciateci al (dis)ordine dei giornalisti tanto per cambiare.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


lagazzetta spazio pubblicità


sabato, 9 ottobre 2021, 23:47

Le Gazzette da sole contro il Green Pass: no pasaran

Quello che sta accadendo e che sta per accadere in Italia è qualcosa di raccapricciante e nessuno, tra i giornalisti e gli intellettuali a un tanto al chilo prezzolati dei e dal mainstream sembrano volersene accorgersene.


lunedì, 13 settembre 2021, 10:49

Confesso che non mi vaccinerò: risposta al sermone del professor Lingiardi

Abbiamo appena finito di leggere il resoconto dettagliato, a firma Francesca Vatteroni, della conferenza tenutasi alla manifestazione Con-vivere da parte del professor Vittorio Lingiardi e non ci saremmo dedicati a rispondergli se non fosse che il suo sermone anti-no vax e le sue oscure e nefaste previsioni sul futuro dell'umanità...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 31 agosto 2021, 21:48

Se arrivano i talebani...

Dal 16 al 22 agosto i numeri ufficiali segnalano in media, in Italia, 71 casi di contagio ogni 100 mila abitanti. Quindi, se ogni 100 mila abitanti la media è di 72 contagi, in un ristorante con, mettiamo, 60 posti a sedere, quante probabilità ci sono di restare contagiati? Per...


martedì, 17 agosto 2021, 13:33

Kabul è caduta al Governo i talebani: l'Unione Europea fa schifo. O l'Italia ritrova se stessa e chiude le frontiere oppure un giorno Roma sarà come Kabul

Kabul è caduta e la domanda, allora, sorge spontanea: a cosa sono serviti 20 anni di occupazione e di morti se siamo di nuovo daccapo con i fondamentalisti islamici alla guida dell'Afghanistan pronti a fare da faro per tutti i movimenti estremisti islamici che, adesso, rialzeranno la testa contro l'Occidente...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 10 agosto 2021, 21:43

La libertà? A puttane

La costituzione italiana, carta straccia ormai con cui, sistematicamente, la Sinistra e anche la destra al seguito si sciacquano la bocca e si puliscono il fondoschiena un giorno sì e l'altro pure, dice, all'articolo 13, che la libertà personale è inviolabile.


sabato, 31 luglio 2021, 00:28

No Green Pass (and no tampone), no Party

Mai e poi mai avremmo pensato, nemmeno nei giorni più bui di questa pandemia spacciata per una peste bubbonica di dimensioni colossali, che ci saremmo trovati a sentirci emarginati e appestati, sia pure orgogliosamente, fino a questo punto.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara