Anno 1°

domenica, 29 novembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Confcommercio

"Non siamo fantasmi": parte la nuova campagna nazionale di Federmoda

mercoledì, 4 novembre 2020, 12:32

A seguito dell'impatto dei decreti del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il sindacato Federmoda Confcommercio lancia una nuova campagna nazionale per accendere un faro sulla situazione di grave crisi dei negozianti. I negozi di moda non vogliono sentirsi "fantasmi" agli occhi delle istituzioni e pertanto, sottolineando come il settore sia un importante pilastro dell'economia nazionale, il sindacato chiede a gran voce sostegni economici incisivi e veloci per la loro tutela. 

"Federmoda – spiega Federico Lanza, presidente del sindacato per le province di Lucca e Massa Carrara - stima una perdita complessiva di 20 miliardi di euro di consumi nel solo dettaglio moda a fine anno, con la chiusura definitiva di 20 mila negozi in Italia e la conseguente ricaduta sull'occupazione di oltre 50 mila addetti. Però pare che siamo fantasmi, dato che le istituzioni non sembrano accorgersi dei gravi danni subiti dai negozi di moda che vivono di collezioni stagionali. E hanno investito ingenti capitali in prodotti che rischiano di restare fermi sugli scaffali". 

"Le nostre richieste – prosegue Lanza – sono in sintesi le seguenti: contributi a fondo perduto da parte del Governo, liquidità dalle banche, credito d'imposta per gli affitti, condono tombale sui versamenti tributari e contributivi, detassazione o rottamazione dei magazzini, sospensione dei mutui e dei leasing bancari, prosecuzione della cassa integrazione fino a tutto il 2021". 

Confcommercio Lucca Massa Carrara invita i negozianti dei territori di riferimento ad aderire alla nuova iniziativa di Federmoda esponendo una locandina in negozio e condividendola al massimo sui social network, accompagnata dagli hashtag #nonsiamofanstasmi #viviAMOlecittà #sottocasacipiace #FederazioneModaItalia #Confcommercio #alserviziodelleimprese.


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

Banca dinamica Carismi

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Confcommercio


carispezia


lunedì, 23 novembre 2020, 17:42

Confcommercio 'rompe' con la Cgil e risponde per le rime: era ora

Il sindacato Filcams Cgil aveva criticato duramente lo sciopero fiscale annunciato da chi lavora e produce ricchezza, ma ha trovato il muro alzato dall'associazione al quale noi ci associamo volentieri


venerdì, 20 novembre 2020, 20:03

"Scegli con il cuore, aiuta i negozi vicini": parte la campagna di Confcommercio

Un appello a tutti i cittadini e consumatori in vista del Natale: "La tua spesa può salvare una attività"


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 20 novembre 2020, 12:15

"Stop a tasse e imposte": Confcommercio lancia lo sciopero fiscale per 50 mila imprese toscane

Confcommercio Toscana lancia lo sciopero fiscale per 50 mila imprese della nostra regione. E Confcommercio Province di Lucca e Massa Carrara si allinea, rilanciando con forza questo messaggio anche sui territorio di propria competenza


martedì, 17 novembre 2020, 12:46

Confcommercio: "Disparità tra negozi e supermercati, Giani intervenga"

Confcommercio chiede al governatore della Regione Giani una ordinanza immediata per porre fine a questa palese ingiustizia


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 16 novembre 2020, 15:30

"Dal Governo decisioni e parole sconcertanti, dai comuni serve di più per sopperire all'inadeguatezza di Roma"

Il nuovo grido di allarme di Confcommercio dopo l'entrata in vigore della "zona rossa" in Toscana: nel mirino anche l'operato della Regione


venerdì, 13 novembre 2020, 12:37

Confcommercio scrive alla Regione e chiede aiuti immediati per la filiera moda

Lanza: "Situazione drammatica, servono azioni rapide e concrete". Il paradosso: negozi aperti e senza clienti, ma senza il diritto ai "ristori"