Anno 1°

domenica, 12 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Confcommercio

Mobilitazione nazionale #riapriamoilcommercio: la parola ai commercianti di Carrara

lunedì, 4 maggio 2020, 18:18

di donatella beneventi

La prima giornata della fase due per l'emergenza Covid-19 è stata contraddistinta a livello nazionale, dalla mobilitazione dei commercianti, i quali, tenendo le luci accese dei loro negozi, puntano a sensibilizzare il governo affinché si faccia carico di misure economiche e fiscali che possano aiutare i negozianti ad affrontare la crisi peggiore dal secondo dopoguerra e che sta mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro e di chiusura di attività.

Anche Carrara, ha aderito, seppur tiepidamente, alla iniziativa, voluta e sostenuta da Confcommercio Massa Carrara e Lucca: forte è la demotivazione e il senso di smarrimento di tanti negozianti che vivono questi giorni con tanta preoccupazione per gli adempimenti che devono assolvere e con la certezza di non incassare a sufficienza per coprire le spese e per vivere.

Fra gli esercizi commerciali aderenti, il bar di Andrea Ghinoi, che è anche consigliere regionale di Confcommercio: "Questa manifestazione è nata per accendere i riflettori sulla nostra situazione - dice - perché le misure adottate dal governo sono a nostro parere, insufficienti; 600 euro non possono coprire le spese che dobbiamo sostenere a livello di bollette e altri oneri e il ricorso alle banche per tanti di noi significa indebitarsi ulteriormente".

"A nostro parere - conclude - il governo dovrebbe darci dei finanziamenti a fondo perduto per evitarci di chiudere".

Anche Nadia Cavazzini, notissima ristoratrice di Carrara e vice presidente di Confcommercio, conferma quanto sopra esposto: "Il governo non sta dando risposte adeguate allo stato di urgenza economica: non è ancora arrivata la cassa integrazione ai dipendenti e tutto ciò è gravissimo, oltre che a non aver preso, fino ad oggi, provvedimenti efficaci per la gestione del dopo apertura, con la richiesta di un alleggerimento dei costi per poter ripartireIo personalmente - prosegue - in questi giorni mi sono rapportata con il sindaco De Pasquale e con l'assessore al commercio Macchiarini affinché anche il comune prenda in considerazione la nostra categoria, cancellando la tassa sul suolo pubblico per esempio; lo spazio all'aperto sarà una necessità, per i bar e per i ristoranti e un'esigenza per i clienti che vorranno consumare in sicurezza. Come vice presidente di Confcommercio e come presidente dei ristoratori, ho insistito affinché l'amministrazione comunale si adoperi in tal senso, a costo di andare in deficit, perché di mezzo c'è l'occupazione e la vita di tante persone".

Alla manifestazione hanno aderito anche i Balneari di Marina di Carrara, la cui presidente Stefania Frandi, ha espresso in un comunicato, tutto il dissenso verso il governo e le istituzioni che non si sono espresse chiaramente sulla prossima stagione balneare: "Basta giocare con il nostro futuro - esordisce l'associazione - abbiamo bisogno di risposte. Grave la mancanza di chiarezza del governo, manca ancora una data per la ripresa delle nostre attività e soprattutto,  protocolli di azione per garantirne la sicurezza. L'allestimento di una spiaggia,operazione complessa che richiede dai 20 ai 40 giorni, può iniziare solo nel momento in cui vi sono precise direttive e il ministro Franceschini non ci ha dato indicazioni esaustive, mentre il turismo ha bisogno di programmazione e pianificazione, nonché di promozione e comunicazione efficace".

"La balneazione - prosegue - è costituita da 30.000 aziende in Italia e di 100.000 addetti diretti e 1.000.000 di quelli indiretti, che hanno bisogno urgentemente di provvedimenti per poter ripartire in un quadro già estremamente complesso per la questione sanitaria".Infine anche il sindaco De Pasquale, ha dato il suo appoggio alla manifestazione, facendo presente che come amministrazione si stanno attivando quanto più possibile per il comparto economico della città, ma chiarendo che i poteri dei comuni, già piuttosto limitati, sono legati alle decisioni del governo".

Video Mobilitazione nazionale #riapriamoilcommercio: la parola ai commercianti di Carrara


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

Banca dinamica Carismi

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Confcommercio


carispezia


venerdì, 10 luglio 2020, 19:41

E' ufficiale, Rodolfo Pasquini nuovo presidente

Rodolfo Pasquini è il nuovo presidente di Confcommercio Imprese per l'Italia-Province di Lucca e Massa Carrara. La sua nomina è arrivata giovedì sera con la unanimità dei presenti aventi diritto al voto


venerdì, 26 giugno 2020, 15:55

Inizio dei saldi estivi posticipato e vendite promozionali consentite: Confcommercio ricorda le regole

A causa del coronavirus, come noto, quest'anno i saldi estivi prenderanno il via il prossimo 1 agosto anziché – come da tradizione – il primo sabato di luglio


lagazzetta spazio pubblicità


giovedì, 25 giugno 2020, 15:24

Confcommercio: "Sagre estive, necessario un anno di stop per non affondare la ristorazione tradizionale"

Prende posizione l'associazione di categoria Confcommercio, in merito alla questione delle sagre estive, chiedendo un anno di stop a favore della tradizionale ristorazione


giovedì, 18 giugno 2020, 13:26

Rodolfo Pasquini è il nuovo presidente

Entro il 9 giugno dovevano essere presentate le candidature, ma ce n'è solamente una: la sua. Ritratto di un uomo che è la memoria storica dell'associazione più importante di categoria


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 17 giugno 2020, 12:37

Confcommercio e associazione 50 & Più piangono la scomparsa di Dina Rosati

Esprime commozione Confcommercio nell'apprendere la notizia della avvenuta scomparsa di Dina Rosati,, da tutti conosciuta come Rita, storica commerciante di Massa alla guida per tanti anni del negozio di abbigliamento boutique Evangelisti di viale Chiesa, poi passato nelle mani della figlia


martedì, 26 maggio 2020, 12:46

Elezione nuovo presidente Confcommercio: le votazioni a Palazzo Sani

Le candidature ufficiali, unitamente alle firme di presentazione, dovranno essere depositate a cura degli stessi candidati presso l'ufficio del direttore dell'associazione