Anno VIII

sabato, 17 aprile 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Confcommercio

Confcommercio scrive ai comuni: ecco le richieste per aiutare le imprese

giovedì, 1 aprile 2021, 11:10

Abbattimento dei costi fissi per le imprese rimaste chiuse a causa delle restrizioni anti covid, suolo pubblico gratuito sino alla fine del 2021, riduzione dei canoni demaniali laddove previsti e misure sui fondi commerciali a favore dei locatori, in modo che questi accordino a loro volta sconti sugli affitti agli imprenditori.

Sono questi solo alcuni dei punti di un corposo documento che Confcommercio Imprese per l'Italia – Province di Lucca e Massa Carrara ha provveduto ad inviare tramite Pec a tutte le amministrazioni comunali dei due territori provinciali di competenza.

"Considerato il perdurare della pandemia – inizia la lettera rivolta ai sindaci e agli assessori alle attività produttive di ciascuno dei Comuni chiamati in causa – e la grave difficoltà attraversata dalle imprese per le continue chiusure, chiediamo alle istituzioni un'importante azione in loro supporto.

Nello specifico domandiamo in primo luogo la riduzione di costi fissi di Tari, Imu e tutte le tasse e tributi di vostra competenza per le imprese rimaste chiuse; la concessione del suolo pubblico gratuito sino alla fine dell'anno. prevedendo l'estensione di superficie autorizzabile per quelle attività che ne avessero bisogno nel periodo estivo al fine di garantire ed ampliare il distanziamento sociale".

"Altre richieste – prosegue la lettera – riguardano la riduzione dei canoni demaniali, laddove previsti. E agevolazioni per i proprietari dei fondi commerciali, così che a loro volta possano accordare sconti sull'affitto agli imprenditori. Al tempo stesso domandiamo la semplificazione burocratica per la trasmissione di eventuali procedure telematiche, eventualmente eliminando la presentazione delle richieste con "assolvimento del bollo" per tutto il 2021".

"Ma oltre alla questione tributaria – insiste il documento di Confcommercio – occorre pensare sin da ora alla fase della ripartenza: ecco perché chiediamo di riattivare prima possibile il circuito degli eventi, manifestazioni e fiere nelle città d'arte o zone con architetture monumentali (ambienti aperti, massima sicurezza con il rispetto dei protocolli già previsti per i mercati), cercando una intesa con la Soprintendenza per snellire per l'anno in corso le tempistiche autorizzative".

"Il dialogo fra le associazioni di categoria come la nostre e le amministrazioni comunali – termina Confcommercio – ha saputo produrre in altri territori ottimi risultati come ad esempio a Firenze, ragion per cui crediamo sia necessario che lo stesso debba accadere anche da noi. La sopravvivenza delle nostre aziende passa anche da qua".


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

Banca dinamica Carismi

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Confcommercio


sabato, 17 aprile 2021, 09:16

La crescita dell'usura ai tempi del Covid al centro di "Legalità, ci piace"

Martedì 20 aprile alle 11 torna l'evento nazionale di Confcommercio in diretta streaming, con gli interventi del presidente Sangalli e del ministro Lamorgese. Come seguire l'evento


giovedì, 15 aprile 2021, 14:26

Gli ambulanti scendono in piazza a Firenze per chiedere di ripartire

Lunedì 19 aprile alle 16 gli ambulanti toscani scendono in piazza a Firenze. Non sarà per un mercato, questa volta, ma per tornare a chiedere di lavorare con la certezza di non subire più restrizioni e chiusure dettate dal passaggio dei colori, con l'unico impegno di rispettare i protocolli di sicurezza...


lagazzetta spazio pubblicità


martedì, 13 aprile 2021, 17:56

Da Firenze il grido disperato del commercio toscano: "Fateci riaprire o riapriamo da soli"

Successo per la manifestazione regionale organizzata da Confcommercio: presente anche una folta delegazione di imprenditori di Lucca e Massa Carrara


lunedì, 12 aprile 2021, 16:56

Ristoratori e baristi Confcommercio in piazza a Firenze favorevoli al passaporto sanitario e alla vaccinazione

"Le nostre attività sono chiuse, più o meno a singhiozzo, da oltre un anno. Il contagio, nel frattempo, invece che scendere è aumentato. È evidente che non sono i negozi, i bar e i ristoranti, le palestre, i cinema e i teatri, a diffondere il virus"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 9 aprile 2021, 18:59

“Fateci riaprire o riapriamo da soli": martedì 13 aprile il mondo del terziario a Firenze per protestare

“Imprenditori esasperati dopo un anno di scelte incomprensibili da parte del Governo, ora basta”: era ora


venerdì, 9 aprile 2021, 13:04

Riqualificazione di piazza Liberazione, Ciuffi: “Operazione ok, ma timori per posti auto perduti”

Prende la parola Bruno Ciuffi, presidente provinciale di Confcommercio Massa Carrara, in merito al progetto di riqualificazione di piazza Liberazione a Massa