prenota

massautosin
massauto

Anno 1°

giovedì, 29 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

L’attenzione alla qualità e al cliente di Alf Pausa Caffè: il punto ristoro nel nuovo ospedale a misura d’uomo

venerdì, 25 maggio 2018, 09:24

di vinicia tesconi

“La mia linea è sempre quella della ricerca della miglior qualità nei prodotti: materie prime freschissime, di prima scelta. E poi c’è il lato umano, che per noi è fondamentale, nell’approccio psicologico al cliente, per il quale  la cordialità diventa un obbligo imprescindibile.”.

Esordisce  di Pierpaolo Vivaldi, il responsabile di Alf Pausa Caffè, il bar interno al nuovo Ospedale delle Apuane, facendo il bilancio di quasi tre anni di attività sotto la sua direzione: “Ormai la nostra attività, iniziata con l’apertura dell’ospedale nel novembre 2015, si è consolidata ed abbiamo un ottimo riscontro dalla clientela composta sia da personale dell’ospedale sia da esterni – spiega Vivaldi – Ogni giorno dall’inizio, senza mai una sosta, apriamo alle 6,30 del mattino e lavoriamo fino alle 20 nei giorni feriali e alle 19 nei festivi. E’ una sorta di ciclo continuo dalle colazioni, alle pause caffè ai pranzi, per i quali cerchiamo sempre di migliorare l’offerta in varietà e in qualità. Nel corso del pomeriggio il ritmo rallenta un po’ anche se, spesso accogliamo le richieste di chi ci chiede piatti da asporto per persone ricoverate  nel tardo pomeriggio.”.

Nel locale che è al primo piano della struttura del nuovo ospedale  lavorano una decina di addetti  tra cucina e caffetteria. Ogni mattina arriva il rifornimento fresco di pasticceria e prodotti da forno che vengono portati dall’esterno mentre invece tutte le preparazioni del buffet vengono realizzate dalla cucina di Alf.  “Abbiamo uno chef molto preparato che stabilisce anche i menù sulla base dei prodotti di stagione. Abbiamo dato molto spazio al biologico anche nella sezione caffetteria dove ci appoggiamo ai prodotti Natfood per ginseng, orzo e crema al caffè mentre per il caffè abbiamo la Covim. Per quanto riguarda  la cucina, cerchiamo di andar incontro il più possibile ai gusti dei clienti ma anche a chi ha problemi di intolleranze alimentari.  Ci sono sempre piatti che alternano  alcuni prodotti di base per poter offrire una possibilità di scelta per tutti, inoltre sul banco del buffet teniamo un libro mastro che riporta tutti gli ingredienti che usiamo nelle preparazioni, in modo che chi sa di aver un’allergia a qualche elemento possa verificare che questo non sia contenuto nel piatto che ha scelto.” Vivaldi conferma la grande attenzione ai regolamenti alimentari e agli sprechi, che è la politica del gruppo A.L.F. srl che da anni gestisce l’ospedale milanese di Legnano e quello di Luca, gemello del nuovo ospedale delle Apuane. 

“La nostra offerta comprende sempre piatti caldi e piatti freschi, tutti sempre nutrienti e leggeri. La cura del piatto anche nella preparazione tiene conto  anche del fatto che abbiamo richieste anche da persone ricoverate che necessitano quindi di piatti semplici e di ottima qualità.”.

Altro must della catena A.L.F. è la pulizia che nel caso del bar del nuovo ospedale è affidata ad una ditta specializzata diversa da quella che opera nell’ospedale.  “Sono con A.L.F. sin dai tempi di Lucca – conclude Vivladi – e qui a Massa ci sono dall’inizio: non posso che concludere con un bilancio decisamente positivo e con grande soddisfazione che viene dai riscontri che ci ha dato e ci dà quotidianamente la clientela.”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 29 ottobre 2020, 16:30

Covid, 523 positivi e cinque morti di 91, 93, 86, 82 e 83 anni

Nell’azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 29 ottobre, sono 523. In provincia di Massa e Carrara sono 118


giovedì, 29 ottobre 2020, 13:34

Addio alla signora Vittoria del bar Arlecchino: un pezzo di storia del commercio carrarese che se ne va

Ha passato gran parte della sua lunga vita dietro al bancone del bar pasticceria Arlecchino, locale storico e molto famoso di Carrara, ed era conosciuta da tutti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 29 ottobre 2020, 13:33

Protesta dei cittadini contro l’ultimo Dpcm: venerdì 30 ottobre sara il d-day nei comuni di Massa e Carrara

Comincerà il gruppo di Assemblea Pubblica Apuana - quelli che si sono già incontrati una volta il 27 ottobre sia a Massa, sia a Carrara - che ha dato appuntamento a tutti i cittadini per le 16 in piazza Aranci per un presidio autoconvocato


mercoledì, 28 ottobre 2020, 17:47

Morte in cava, il sindaco proclama il lutto in concomitanza con i funerali della vittima

Il sindaco Francesco De Pasquale ha appreso con sgomento della morte di un cavatore carrarese avvenuta oggi nel bacino del Monte Corchia


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 28 ottobre 2020, 17:46

Tragedia in cava, domani sciopero dei sindacati

Dopo l'incidente mortale sul lavoro oggi in una cava a Levigliani (Stazzema), dove un operaio è rimasto schiacciato da un mezzo durante una operazione in una galleria, Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil di Lucca e Massa Carrara, per dire "basta alle morti sul lavoro", hanno proclamato uno sciopero...


mercoledì, 28 ottobre 2020, 16:21

Tragedia in cava, muore operaio di Avenza

Si trasforma in tragedia il giorno di lavoro all'interno della cava Borra Larga nel bacino del Monte Corchia. Un operaio di 59 anni, Andrea Figaia, residente ad Avenza, è rimasto intrappolato tra un macchinario e la parete rocciosa riportando uno schiacciamento addominale fatale


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara