prenota
prenota

Anno 1°

lunedì, 15 ottobre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Nuovi accertamenti sulla situazione del fosso Lavello da parte di Arpat

giovedì, 9 agosto 2018, 16:44

In seguito a segnalazioni di cittadini relative alla presenza sul fosso Lavello (nel comune di Massa) di materiali galleggianti, dichiarati di presumibile origine fecale, e di intense maleodoranze, tecnici del locale Dipartimento ARPAT sono intervenuti sul posto il 1° luglio scorso e di nuovo il 7 agosto, nel primo caso insieme ad operatori della polizia municipale e nel secondo di militi della Capitaneria di porto.

Sia in data 1 luglio, sia in data 7 agosto, i tecnici del Dipartimento hanno provveduto a:

  • percorrere l’asta del fosso dalla foce fino a monte degli scarichi di reflui urbani, arrivando in prossimità del tratto tombato del Lavello;
  • effettuare rilievi fotografici,
  • effettuare campionamenti dell’acqua del fosso,
  • effettuare campionamenti dell’acqua scaricata dai due depuratori di reflui urbani presenti sul fosso,
  • prelevare in data 7 agosto il materiale in sospensione nel fosso (presente sia a monte che a valle degli scarichi),
  • ispezionare visivamente i canali destinati a raccogliere l’acqua piovana dell’area industriale presenti in riva sinistra del Lavello.

In data odierna sono stati trasmessi a tutti gli enti interessati gli esiti degli accertamenti effettuati, che si possono così riassumere:

  • è stata rilevata la presenza di pesci morti nel fosso Buzzone, avvisando quindi l’Istituto Zooprofilattico affinché procedesse, se del caso, alle specifiche attività diagnostiche per la ricerca delle cause di morte della fauna ittica;
  • lungo il fosso Lavello, a valle del ponte di accesso all’impianto di depurazione Lavello, sono stati rilevati  accumuli di plastiche e altri rifiuti che in caso di temporali potrebbero essere trascinate in mare;
  • il fosso risulta ricco di nutrienti, situazione favorita da:
    - materiale vegetale (vivo e morto) presente nel fosso,
    - scarichi dei depuratori di reflui urbani che, in ogni caso, rilasciano sostanze organiche,
    - presenza di scarichi domestici non allacciati alla rete fognaria da verifificare da parte degli Enti preposti,
    - possibile presenza di scarichi occasionali non identificabili al momento del sopralluogo, perché non attivi.

Come anche negli anni passati (vedi ad esempio nel 2017) le problematiche che si verificano, soprattutto nella stagione estiva, sono determinate dallo scarso apporto idrico del fosso, che essendo un fosso di drenaggio in estate non ha molta acqua e non è soggetto ai fenomeni tipici dei fiumi e dei torrenti, quali le piene, che favoriscono l’allontanamento delle sostanze vegetali che si depositano sul fondo dopo morte.

Questi problemi sono più marcati in prossimità della foce per via della disponibilità di nutrienti dovuta agli scarichi dei due depuratori di reflui urbani (circa 180.000 AE in totale).

Per limitare il disagio descritto è possibile pensare ad interventi atti a creare una maggiore ossigenazione delle acque, all’asportazione meccanica di parte della sostanza organica presente, all’immissione di acque non inquinate da sostanze organiche che aumentino la velocità di scorrimento dell’acqua e ne abbassino le temperature.

Nell’immediato è stato suggerito agli Enti preposti di attivarsi con urgenza per la rimozione delle carcasse dei pesci morti nel fosso Bozzone e di assicurare la rimozione delle plastiche e di altri rifiuti presenti a valle del campo nomadi.


Questo articolo è stato letto volte.


suncar


prenota


prenota_spazio


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 15 ottobre 2018, 15:32

Trauma cranico per un bambino all’uscita della Finelli ad Avenza: la madre lo ha spinto a terra per salvarlo da un’auto che stava per investirlo

E’ stata proprio la mamma a salvare il figlio dalla collisione con l’auto in corsa, ma, il provvidenziale intervento ha procurato al piccolo una caduta a terra e un trauma cranico per il quale adesso è ricoverato in ospedale ed è sotto osservazione


lunedì, 15 ottobre 2018, 15:17

Furbetti del cartellino: nessuna riamissione al lavoro, la procura ha rinnovato la richiesta per la sospensione di tutti i dipendenti pubblici indagati

Sono stati ancora i carabinieri del nucleo operativo di Massa, guidati dal tenente colonnello Tiziano Marchi a smascherare uno dei 29 dipendenti pubblici indagati per assenteismo nell’indagine della procura di Massa sui “ furbetti del cartellino” degli uffici di provincia e del genio civile, che  aveva portato una documentazione  a...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 15 ottobre 2018, 14:06

Pedone investito davanti al Carrefour

Un pedone è stato investito da un'auto alle 12.45 davanti a Carrefour a Massa riportando un politrauma importante. Era presente sul posto una dottoressa che lavora a Cisanello e che ha prestato le prime cure. Notizia in aggiornamento


lunedì, 15 ottobre 2018, 10:22

SP4 Antona e Sp 73 della Foce: ultimato rifacimento segnaletica orizzontale

La provincia di Massa-Carrara ha ultimato i lavori di rifacimento della segnaletica orizzontale che hanno interessato due arterie importanti della viabilità provinciale sulla costa: la Sp 4 di Antona, nel comune di Massa, e la Sp 73 della Foce, tra i comuni ci Massa e Carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 14 ottobre 2018, 14:45

"Io non ci sto": ex preside di Marina contro i fatti di Lodi

Sull’onda dello sdegno per la separazione dei bambini extracomunitari da quelli italiani nella mensa scolastica di Lodi, la ex preside ha lanciato un appello pubblico ai suoi colleghi per schierarsi sullo stesso fronte di questa nuova battaglia, i cui echi sinistri, tuttavia, hanno radici molto antiche


sabato, 13 ottobre 2018, 17:24

Era scappata dall’inferno in cerca di una vita migliore: il destino infame di Gladys, la ragazza travolta dal treno

L’Italia era stata la sua speranza, la carta, pagata a caro prezzo, per provare a giocarsi un futuro più sereno, il sogno di una vita migliore che incredibilmente, meravigliosamente, si stava avverando


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara