Anno 1°

sabato, 16 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Nuovi accertamenti sulla situazione del fosso Lavello da parte di Arpat

giovedì, 9 agosto 2018, 16:44

In seguito a segnalazioni di cittadini relative alla presenza sul fosso Lavello (nel comune di Massa) di materiali galleggianti, dichiarati di presumibile origine fecale, e di intense maleodoranze, tecnici del locale Dipartimento ARPAT sono intervenuti sul posto il 1° luglio scorso e di nuovo il 7 agosto, nel primo caso insieme ad operatori della polizia municipale e nel secondo di militi della Capitaneria di porto.

Sia in data 1 luglio, sia in data 7 agosto, i tecnici del Dipartimento hanno provveduto a:

  • percorrere l’asta del fosso dalla foce fino a monte degli scarichi di reflui urbani, arrivando in prossimità del tratto tombato del Lavello;
  • effettuare rilievi fotografici,
  • effettuare campionamenti dell’acqua del fosso,
  • effettuare campionamenti dell’acqua scaricata dai due depuratori di reflui urbani presenti sul fosso,
  • prelevare in data 7 agosto il materiale in sospensione nel fosso (presente sia a monte che a valle degli scarichi),
  • ispezionare visivamente i canali destinati a raccogliere l’acqua piovana dell’area industriale presenti in riva sinistra del Lavello.

In data odierna sono stati trasmessi a tutti gli enti interessati gli esiti degli accertamenti effettuati, che si possono così riassumere:

  • è stata rilevata la presenza di pesci morti nel fosso Buzzone, avvisando quindi l’Istituto Zooprofilattico affinché procedesse, se del caso, alle specifiche attività diagnostiche per la ricerca delle cause di morte della fauna ittica;
  • lungo il fosso Lavello, a valle del ponte di accesso all’impianto di depurazione Lavello, sono stati rilevati  accumuli di plastiche e altri rifiuti che in caso di temporali potrebbero essere trascinate in mare;
  • il fosso risulta ricco di nutrienti, situazione favorita da:
    - materiale vegetale (vivo e morto) presente nel fosso,
    - scarichi dei depuratori di reflui urbani che, in ogni caso, rilasciano sostanze organiche,
    - presenza di scarichi domestici non allacciati alla rete fognaria da verifificare da parte degli Enti preposti,
    - possibile presenza di scarichi occasionali non identificabili al momento del sopralluogo, perché non attivi.

Come anche negli anni passati (vedi ad esempio nel 2017) le problematiche che si verificano, soprattutto nella stagione estiva, sono determinate dallo scarso apporto idrico del fosso, che essendo un fosso di drenaggio in estate non ha molta acqua e non è soggetto ai fenomeni tipici dei fiumi e dei torrenti, quali le piene, che favoriscono l’allontanamento delle sostanze vegetali che si depositano sul fondo dopo morte.

Questi problemi sono più marcati in prossimità della foce per via della disponibilità di nutrienti dovuta agli scarichi dei due depuratori di reflui urbani (circa 180.000 AE in totale).

Per limitare il disagio descritto è possibile pensare ad interventi atti a creare una maggiore ossigenazione delle acque, all’asportazione meccanica di parte della sostanza organica presente, all’immissione di acque non inquinate da sostanze organiche che aumentino la velocità di scorrimento dell’acqua e ne abbassino le temperature.

Nell’immediato è stato suggerito agli Enti preposti di attivarsi con urgenza per la rimozione delle carcasse dei pesci morti nel fosso Bozzone e di assicurare la rimozione delle plastiche e di altri rifiuti presenti a valle del campo nomadi.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota_spazio


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 15 febbraio 2019, 23:19

La storia del clochard aggredito in Via Roma e un appello per i testimoni del fatto

Le parole, come ormai è prassi di tutti, le ha affidate a Facebook, Giancarlo Mottini, titolare del Circolo dei Baccanali di Carrara e con esse la difficilissima storia del clochard aggredito in via Roma e un appello per chi ha visto a testimoniare in favore del mendicante


venerdì, 15 febbraio 2019, 17:00

Psichiatria di Massa: attivato un audit dopo l'episodio di violenza

In relazione all’episodio di violenza che si è verificato nel reparto di psichiatria di Massa, la ASL informa che è stato tempestivamente attivato un audit per analizzare i fatti e porre in atto eventuali azioni di miglioramento


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 15 febbraio 2019, 15:51

Salvadori (Uil Fpl): "All'ospedale aggredite e picchiate infermiere e oss"

E' il segretario della Uil Fpl, Claudio Salvadori, a denunciare l'episodio di violenza che si è verificato al Nuovo Ospedale delle Apuane pochissime ore fa, l'ennesimo caso di aggressione ai dipendenti delle strutture sanitarie pubbliche


venerdì, 15 febbraio 2019, 14:36

“Un cuore in movimento”, iniziativa per l’acquisto di cinque defibrillatori

“Un cuore in movimento”, questo il nome dell’iniziata promossa dal Circolo Ricreativo di CTT Nord e sostenuta dall’Azienda con la collaborazione del dottor Maurizio Cecchini e di Laura Masino. L’iniziativa prevede l’acquisto di cinque defibrillatori destinati ad assicurare un’assistenza di urgenza sia per il personale dipendente che per la comunità


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 15 febbraio 2019, 14:26

Caso mensa, Apuafarma non gestisce i pasti alla scuola Gentili

Apuafarma Spa, a tutela delle proprie dipendenti e della propria immagine, tiene a precisare che non gestisce le mense scolastiche delle quattro scuole primarie dell’Istituto comprensivo Fossola-Gentili, dove nei giorni scorsi, come noto, in particolare alla mensa della scuola Gentili, sono stati trovati degli insetti nella minestra servita ai bambini


venerdì, 15 febbraio 2019, 14:10

Gioco d'azzardo patologico, una campagna della regione e un numero verde

La campagna comprende grandi affissioni su strada, dinamica bus e tramvia, arredo urbano su tutto il territorio regionale; pagine sui quotidiani regionali cartacei e online; otto passaggi al giorno su una ventina di emittenti radiofoniche; banner sponsorizzato su Facebook, Twitter e Instagram. Brochure informative saranno distribuite sul territorio


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara