prenota
prenota

Anno 1°

lunedì, 10 dicembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Nuovi accertamenti sulla situazione del fosso Lavello da parte di Arpat

giovedì, 9 agosto 2018, 16:44

In seguito a segnalazioni di cittadini relative alla presenza sul fosso Lavello (nel comune di Massa) di materiali galleggianti, dichiarati di presumibile origine fecale, e di intense maleodoranze, tecnici del locale Dipartimento ARPAT sono intervenuti sul posto il 1° luglio scorso e di nuovo il 7 agosto, nel primo caso insieme ad operatori della polizia municipale e nel secondo di militi della Capitaneria di porto.

Sia in data 1 luglio, sia in data 7 agosto, i tecnici del Dipartimento hanno provveduto a:

  • percorrere l’asta del fosso dalla foce fino a monte degli scarichi di reflui urbani, arrivando in prossimità del tratto tombato del Lavello;
  • effettuare rilievi fotografici,
  • effettuare campionamenti dell’acqua del fosso,
  • effettuare campionamenti dell’acqua scaricata dai due depuratori di reflui urbani presenti sul fosso,
  • prelevare in data 7 agosto il materiale in sospensione nel fosso (presente sia a monte che a valle degli scarichi),
  • ispezionare visivamente i canali destinati a raccogliere l’acqua piovana dell’area industriale presenti in riva sinistra del Lavello.

In data odierna sono stati trasmessi a tutti gli enti interessati gli esiti degli accertamenti effettuati, che si possono così riassumere:

  • è stata rilevata la presenza di pesci morti nel fosso Buzzone, avvisando quindi l’Istituto Zooprofilattico affinché procedesse, se del caso, alle specifiche attività diagnostiche per la ricerca delle cause di morte della fauna ittica;
  • lungo il fosso Lavello, a valle del ponte di accesso all’impianto di depurazione Lavello, sono stati rilevati  accumuli di plastiche e altri rifiuti che in caso di temporali potrebbero essere trascinate in mare;
  • il fosso risulta ricco di nutrienti, situazione favorita da:
    - materiale vegetale (vivo e morto) presente nel fosso,
    - scarichi dei depuratori di reflui urbani che, in ogni caso, rilasciano sostanze organiche,
    - presenza di scarichi domestici non allacciati alla rete fognaria da verifificare da parte degli Enti preposti,
    - possibile presenza di scarichi occasionali non identificabili al momento del sopralluogo, perché non attivi.

Come anche negli anni passati (vedi ad esempio nel 2017) le problematiche che si verificano, soprattutto nella stagione estiva, sono determinate dallo scarso apporto idrico del fosso, che essendo un fosso di drenaggio in estate non ha molta acqua e non è soggetto ai fenomeni tipici dei fiumi e dei torrenti, quali le piene, che favoriscono l’allontanamento delle sostanze vegetali che si depositano sul fondo dopo morte.

Questi problemi sono più marcati in prossimità della foce per via della disponibilità di nutrienti dovuta agli scarichi dei due depuratori di reflui urbani (circa 180.000 AE in totale).

Per limitare il disagio descritto è possibile pensare ad interventi atti a creare una maggiore ossigenazione delle acque, all’asportazione meccanica di parte della sostanza organica presente, all’immissione di acque non inquinate da sostanze organiche che aumentino la velocità di scorrimento dell’acqua e ne abbassino le temperature.

Nell’immediato è stato suggerito agli Enti preposti di attivarsi con urgenza per la rimozione delle carcasse dei pesci morti nel fosso Bozzone e di assicurare la rimozione delle plastiche e di altri rifiuti presenti a valle del campo nomadi.


Questo articolo è stato letto volte.


suncar


prenota


prenota_spazio


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 8 dicembre 2018, 10:15

Giornata di prevenzione nazionale dedicata ai poveri della mensa Caritas di Cervara di Massa

Una giornata di prevenzione nazionale organizzata dalla Misericordia di Massa si terrà sabato 15 dicembre in ambulatori appositamente allestiti nei locali della Chiesa della Madonna Pellegrina – Via Ferdinando Martini a Massa


venerdì, 7 dicembre 2018, 16:01

ASL: "Nessuna emergenza scabbia. Fornite alle famiglie e alle scuole tutte le indicazioni per una corretta gestione"

L’azienda USL Toscana nord ovest ribadisce che non c’è alcuna emergenza scabbia. Si ribadisce infatti che questo acaro non è nelle pareti degli edifici, o delle palestre, ma è addosso alle persone e si trasmette con il contatto fisico prolungato, dormendo nelle stesse lenzuola o indossando gli stessi vestiti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 7 dicembre 2018, 09:19

"Non si può morire a 23 anni": il cordoglio di Massa per la scomparsa di Giulia Dani

La diagnosi per una malattia spietata era arrivata solo alla fine dell'estate. Forse Giulia Dani, 23 enne massese e la sua famiglia avevano sperato in un po' più di tempo e nell'efficacia delle cure sempre più avanzate.


giovedì, 6 dicembre 2018, 09:47

Oltre 36 mila euro di tributi non pagati: nei guai due stabilimenti balneari

Contestato a due stabilimenti balneari del litorale di Marina di Massa l'omesso versamento di tributi locali Imu Tasi e Tari per oltre 36 mila euro. E' quanto emerso da un controllo effettuato dai finanzieri della sezione operativa navale della guardia di finanza di Marina di Carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 5 dicembre 2018, 21:40

Giovane massese in manette per droga

Gli uomini delle Volanti, in sinergia con il personale del Reparto Prevenzione Crimine Toscana, nella serata del 3 dicembre hanno tratto in arresto un giovane massese, incensurato, trovato in possesso di un considerevole quantitativo di sostanze stupefacenti


mercoledì, 5 dicembre 2018, 14:55

Appello ai donatori dal centro trasfusionale, persiste una grave carenza di sangue

La dottoressa Anna Baldi nel rinnovare l'invito  ai donatori , precisa che sul nostro territorio, e più in generale, nella Regione Toscana, a causa delle patologie respiratore invernali,  persiste una grave carenza di sangue, in particolare dei gruppi sanguigni zero positivo e zero negativo, ma anche di A e B negativi, fermo restando che...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara