prenota
prenota

Anno 1°

mercoledì, 14 novembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Sfregio alla statua del Partigiano Vico: coperta con un sacco da immondizia

venerdì, 14 settembre 2018, 12:47

di vinicia tesconi

E’ salita alla ribalta  dell’attenzione pubblica dopo la richiesta, fatti pochi giorni fa, dal presidente del consiglio comunale Stefano Benedetti, di spostarla dalla sua sede originaria, l’atrio del comune di Massa, a quella dell’Anpi e forse per questo, oggi, qualcuno ha pensato di essere autorizzato addirittura a coprirla con un sacco nero di quelli che si usano per la spazzatura. Oggetto dello sfregio è il busto del partigiano Vico, il cui vero nome era Alfredo Gianardi, che fu uno degli eroi della Resistenza massese. 

L’insulto storico, ovviamente compiuto da ignoti,  in effetti  è durato pochissimi minuti: il tempo di documentare fotograficamente il gesto e poi il sacco è stato rimosso ma, nel mondo virtuale dal quale ormai nessuno può più prescindere, l’immagine dello sfregio alla lotta partigiana e alla storia di Massa resterà in eterno e ha già fatto indignare moltissime persone.

La prima ad affidare la sua indignazione alla rete è stata la consigliera comunale dell’opposizione Elena Mosti che ha commentato: “Massa città per la Pace. Massa medaglia d'oro al merito civile. Oggi ferita ulteriormente da questo schifoso atto. La statua del Partigiano Vico è stata coperta da un sacco nero .Un gesto indegno che spiega bene il clima di odio che si sta promuovendo. Chiedo ai nostri parlamentari e consiglieri regionali di occuparsi di quanto accaduto e al Sindaco di di Massa di intervenire immediatamente. Lunedì 17 alle 18 dobbiamo essere in tante e in tanti in comune. È compito nostro. Chiedo il vostro sostegno. Chiedo la partecipazione di tutti coloro i quali credono nella libertà e nell' antifascismo. "Tempi bui vi aspettano, bisogna scegliere tra ciò che è facile e ciò che è giusto".

E’ stata proprio la consigliera Mosti a scoprire l’insulto perpetrato ai danni del busto del partigiano Vico e lei stessa ha provveduto ad avvertire la segreteria del sindaco ma quando il dirigente della segreteria è arrivato davanti alla statua, qualcuno aveva già provveduto a liberarla dalla sua degradante copertura. 

Il destino del busto non è ancora stato deciso perché non c’è stata ancora alcuna delibera né presa di posizione da parte della giunta che accolga la richiesta fatta da Benedetti per cui, per il momento, la statua continuerà a stare al suo posto  che, tuttavia, è un luogo in cui passa ogni genere di persona, il che renderà difficile risalire all’autore dello squallido gesto.


Questo articolo è stato letto volte.


suncar


prenota


prenota_spazio


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 13 novembre 2018, 22:07

Scritte indecorose sulle impalcature del palazzo della Provincia

Scritte indecorose sulle impalcature del palazzo della Provincia lasciate dai manifestanti contro il ddl Pillon: Benedetti chiede al presidente della Provincia di provvedere alla pulitura


martedì, 13 novembre 2018, 20:00

Si ferisce ad una mano operaio della SKF: trasportato al CTO di Firenze

Ha riportato un forte trauma da schiacciamento ad una mano mentre stava svolgendo il suo lavoro, un  operaio  di 48 anni della ditta SKF di Massa che produce componenti in metallo e ricambi auto. L’incidente è avvenuto verso le 17 di oggi pomeriggio 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 13 novembre 2018, 17:59

Armi, munizioni e ingenti quantità di polvere da sparo trovati dalla polizia in un capanno privato: due denunce

E’ stata una normale azione di controllo, svolta regolarmente dalla Polizia presso i titolari di porto d’armi da fuoco, a rivelare la presenza di una sorta di arsenale illegale nei pressi dell’abitazione di un cittadino carrarese di 68 anni


martedì, 13 novembre 2018, 09:02

A Massa visite gratuite per la prevenzione dei tumori mammari

La prevenzione oncologica di Fondazione ANT Delegazione Massa-Carrara Lucca torna il 23/11/2018 con 16 visite gratuite progetto mammella rivolto alle donne di età inferiore ai 45 anni d’età


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 12 novembre 2018, 20:47

Davide Trentini, in aula escussi i testi di accusa e difesa

Questa mattina erano presenti entrambi gli imputati Marco Cappato e Mina Welby, rispettivamente tesoriere e co-presidente dell'Associazione Luca Coscioni, entrambi accusati ai sensi dell'art. 580 del codice penale


lunedì, 12 novembre 2018, 20:44

Massa, i carabinieri ricordano i caduti di Nassirya

Erano il 12 novembre di 15 anni fa a Nassiriya, in Iraq, quando alle 10.40 ora locale, le 08.40 del mattino in Italia, un’autocisterna imbottita di esplosivo, con sopra due attentatori suicidi, fu fatta saltare davanti all’ingresso della base italiana che ospitava il contingente MSU (Multinational Specialized Unit) dei carabinieri,...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara