prenota

Anno VIII

mercoledì, 28 luglio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Davide Trentini, in aula escussi i testi di accusa e difesa

lunedì, 12 novembre 2018, 20:47

di anna vagli

Basta dolore. La cosa principale è il dolore, bisogna focalizzarsi sulla parola dolore. Tutto il resto è di più. 

In pochi conoscono la storia di Davide Trentini. Davide era un barista affetto da sclerosi multipla dal lontano 1993. A causa del progressivo incedere della malattia, dopo 25 anni di sofferenza, nell'estate del 2016 aveva deciso di porre fine alla propria sofferenza rivolgendosi all'Associazione Luca Coscioni. Il barista aveva infatti maturato il proposito di ricorrere al suicidio assistito presso una clinica di Basilea, in Svizzera, ma le sue condizioni economiche non gli consentivano di coprire i costi dell'operazione. È morto a Basilea il 13 aprile 2017.

Di nuovo in aula, quindi, presso la Corte d'Assise di Massa. Questa mattina erano presenti entrambi gli imputati Marco Cappato e Mina Welby, rispettivamente tesoriere e co-presidente dell'Associazione Luca Coscioni.

Sul fronte processuale "Davide Trentini", sono stati escussi i testimoni del Pm e della difesa: la madre di Davide, Anna Maria Masetti, la sorella Katia Trentini e l'ex compagna Rossella Gozzani.

Il capo di imputazione è quello previsto dall'art. 580 c.p. "istigazione o aiuto al suicidio" per cui Cappato e Welby rischiano dai 5 ai 12 anni di reclusione.

La Welby ha infatti affiancato e aiutato il Trentini a sbrigare le pratiche burocratiche con la clinica e lo ha accompagnato nel suo ultimo viaggio. Il leader radicale, invece, è accusato di aver raccolto tramite l'Associazione Soccorso Civile Sos Eutanasia (di cui è membro insieme a Gustavo Fraticelli e alla stessa Welby) i fondi mancanti per effettuare il bonifico.

Sulla scia di quanto avvenuto nella vicenda del Dj milanese, Fabiano Antoniani, Marco Cappato e Mina Welby di ritorno dalla Svizzera si sono autodenunciati presso la stazione dei carabinieri di Massa.

Nonostante la recente pronuncia della Consulta, il processo presso la Corte d'Assise di Massa segue il suo corso. Anche nel caso di Davide Trentini dovrà essere dimostrato che non c'è stato né aiuto né rafforzamento del proposito suicidario. La Corte potrebbe infatti condannare i due imputati, assolverli o, in ultimo, individuare una nuova questione di costituzionalità.

La prossima udienza è fissata per il 14 gennaio 2019 per l'esame degli imputati.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 27 luglio 2021, 20:51

Protesta il personale di Master srl: "Rumori e polvere non ci permettono di lavorare"

I dipendenti della Master srl, la società posseduta dal comune deputata alla riscossione dei tributi e delle entrate patrimoniali, sono molestati da rumori di martelli pneumatici e relative polveri da più di un mese


martedì, 27 luglio 2021, 10:50

Il Parco inaugura il "Lapidarium Apuanum" ad Equi Terme: "la storia scritta sul marmo"

È una piccola collezione archeologica di blocchi e semilavorati di marmo, che ripercorrono quasi duemila anni di storia, dall'età romana fino ai giorni nostri


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 26 luglio 2021, 13:51

In casa e nell’orto custodiva un arsenale da guerra: arrestato 57enne di Avenza

Scoperto un vero e proprio museo di residuati bellici della Seconda Guerra Mondiale a casa di un 57enne di Avenza che li teneva in bella mostra nella camera da letto, dove è stata trovata anche una scorta di marijuana insieme a un’ingente quantità di materiale scaricato dalla rete relativo alla...


lunedì, 26 luglio 2021, 10:20

Inaugurata panchina rossa contro la violenza di genere

E’ stata come una festa di paese l’inaugurazione della panchina rossa contro la violenza di genere: Pariana ha accolto con entusiasmo l’iniziativa voluta dalla locale Compagnia Maggian Cantando, su richiesta di Ida Angeloni


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 25 luglio 2021, 15:12

Anche Massa... disobbedisce: "Libertà!"

Così come a Lucca, anche a Massa una folla di persone si è riversata in piazza al grido di 'libertà!' per ribellarsi alla dittatura del virus. Foto


domenica, 25 luglio 2021, 13:03

Alpinismo lento, belle avventure nel post-pandemia

In questi giorni una composita rappresentanza dell’associazione Mangia Trekking, ha portato a compimento una interessante attività sui crinali delle montagne


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara