prenota
prenota

Anno 1°

giovedì, 15 novembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Non c'è diffamazione, assolto Aldo Grandi

giovedì, 8 novembre 2018, 00:19

Assolto. Il giudice monocratico presso il tribunale di Lucca dottoressa Lucrezia Fantechi ha assolto questa mattina il direttore della Gazzetta di Lucca dall'accusa di diffamazione a mezzo stampa che gli era stata formulata dalla presunta parte lesa, ossia Gabriella Cisoni. Quest'ultima, tramite il suo legale di fiducia Sabrina Serroni del foro di Pistoia, aveva querelato il giornalista perché si era ritenuta offesa da un titolo apparso in calce ad una lettera pubblicata dalla Gazzetta di Lucca il 12 settembre 2014. La lettera firmata era una risposta inviata al giornale  nella quale la Cisoni replicava, portando prove a suo sostegno, alle accuse mossegli dall'ex compagno Alessandro Bianchi assegnato all'epoca agli arresti domiciliari per il reato di stalking

Il titolo contestato recita così: "Sono una mamma, non sono una puttana". Il giudice ha assolto l'imputato, assistito dall'avvocato Cristiana Francesconi (nella foto) del foro di Lucca perché il fatto non costituisce reato. Il pubblico ministero aveva chiesto l'assoluzione. La parte civile aveva chiesto la condanna e il pagamento di 5 mila euro a titolo di risarcimento danni.

"Finalmente si chiude questa storia - ha commentato Aldo Grandi - Il titolo era la dimostrazione non di una diffamazione, ma dell'opposto ossia la rivendicazione da parte della Cisoni delle proprie qualità materne che nessuno, tantomeno il sottoscritto, ha mai voluto mettere in discussione. Tra l'altro, il titolo medesimo non riguardava un articolo, ma una lettera che la stessa Cisoni tramite il suo legale aveva chiesto di pubblicare". 

Avvocato Francesconi un'altra causa giudiziaria con l'accusa smontata dal giudice. Soddisfatta?

Sono molto contenta del risultato perché era incomprensibile questo rinvio a giudizio. Credo che ci sia stato un fraintendimento dei contenuti e del titolo fin dal deposito della querela, forse dovuto anche dal contenuto della stessa, tenuto conto di quanto poi emerso in giudizio, ma quello che mi ha davvero lasciata perplessa è stato l'atteggiamento della Cisoni che è parsa più interessata a voler attaccare il testimone della difesa che a voler dimostrare la presunta diffamazione.

Il suo assistito, il direttore Aldo Grandi, ha dichiarato di non aver mai voluto mettere in dubbio le qualità materne della Cisoni. Perché, allora, l'accusa ha ritenuto di doverne chiedere il processo e la condanna?

Credo che ci dovrebbe essere un maggior filtro dalla procura in queste situazioni, soprattutto quando lo stesso pm chiede l'assoluzione.

Avvocato non si è ancora stancata di difendere un direttore così frequentemente chiamato a rispondere di accuse per diffamazione?

No non mi sono stancata... è il mio lavoro difendere e... la diffamazione è un reato che mi è ormai molto familiare così come il direttore. Nessuna stanchezza ma pronti a difendere anche il prossimo attacco alla libertà di stampa e/o alla strumentalizzazione di titoli per ottenere vendette private. 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


suncar


prenota


prenota_spazio


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 13 novembre 2018, 22:07

Scritte indecorose sulle impalcature del palazzo della Provincia

Scritte indecorose sulle impalcature del palazzo della Provincia lasciate dai manifestanti contro il ddl Pillon: Benedetti chiede al presidente della Provincia di provvedere alla pulitura


martedì, 13 novembre 2018, 20:00

Si ferisce ad una mano operaio della SKF: trasportato al CTO di Firenze

Ha riportato un forte trauma da schiacciamento ad una mano mentre stava svolgendo il suo lavoro, un  operaio  di 48 anni della ditta SKF di Massa che produce componenti in metallo e ricambi auto. L’incidente è avvenuto verso le 17 di oggi pomeriggio 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 13 novembre 2018, 17:59

Armi, munizioni e ingenti quantità di polvere da sparo trovati dalla polizia in un capanno privato: due denunce

E’ stata una normale azione di controllo, svolta regolarmente dalla Polizia presso i titolari di porto d’armi da fuoco, a rivelare la presenza di una sorta di arsenale illegale nei pressi dell’abitazione di un cittadino carrarese di 68 anni


martedì, 13 novembre 2018, 09:02

A Massa visite gratuite per la prevenzione dei tumori mammari

La prevenzione oncologica di Fondazione ANT Delegazione Massa-Carrara Lucca torna il 23/11/2018 con 16 visite gratuite progetto mammella rivolto alle donne di età inferiore ai 45 anni d’età


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 12 novembre 2018, 20:47

Davide Trentini, in aula escussi i testi di accusa e difesa

Questa mattina erano presenti entrambi gli imputati Marco Cappato e Mina Welby, rispettivamente tesoriere e co-presidente dell'Associazione Luca Coscioni, entrambi accusati ai sensi dell'art. 580 del codice penale


lunedì, 12 novembre 2018, 20:44

Massa, i carabinieri ricordano i caduti di Nassirya

Erano il 12 novembre di 15 anni fa a Nassiriya, in Iraq, quando alle 10.40 ora locale, le 08.40 del mattino in Italia, un’autocisterna imbottita di esplosivo, con sopra due attentatori suicidi, fu fatta saltare davanti all’ingresso della base italiana che ospitava il contingente MSU (Multinational Specialized Unit) dei carabinieri,...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara