massautosin
massauto

Anno 1°

domenica, 24 marzo 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Processo Trentini, vengono ascoltati i disobbedienti civili Cappato e Welby

venerdì, 11 gennaio 2019, 13:08

È fissata per il 14 gennaio la prossima udienza del processo riguardante l’aiuto al suicidio prestato a Davide Trentini, per cui sono imputati Mina Welby e Marco Cappato per la loro disobbedienza civile a Massa presso la Corte di Assise. Proprio in questa udienza è previsto l'esame degli imputati che risponderanno per la prima volta alle domande sulla vicenda in aula. 

La morte di Davide Trentini è avvenuta in Svizzera il 13 aprile 2017. Davide era malato di sclerosi multipla dal 1993. Aveva 53 anni e la sua vita, segnata da una salute progressivamente sempre più deficitaria, era diventata un calvario. Per questo ha contattato Asociazione Luca Coscioni. Marco Cappato e poi Mina Welby per conoscere le modalità e infine accedere alla morte volontaria in Svizzera.

  • Processo Trentini, gli scenari possibili

A conclusione dell’analogo processo che coinvolge Marco Cappato per l’assistenza al suicidio assistito offerto a Dj Fabo, la Corte Costituzionale ha di fatto dato un termine al Parlamento per emanare una legge. Si tratta di una ordinanza senza precedenti dovuta alla rilevazione che l’attuale assetto normativo concernente il fine vita “lascia prive di adeguata tutela determinate situazioni costituzionalmente meritevoli di protezione e da bilanciare con altri beni costituzionalmente rilevanti.

Il processo presso la Corte di Assise di Massa seguirà il suo corso naturale, nonostante l'ordinanza della Corte Costituzionale, perchè innanzitutto bisogna provare che non c'è stata istigazione, nè rafforzamento della volontà di Davide. La Corte di Assise di Massa potrebbe condannare entrambi gli imputati o assolverli, oppure potrebbe individuare una diversa questione di costituzionalità oppure no.

  • La disobbedienza civile di Marco Cappato e Mina Welby e il punto sul processo (di Rocco Berardo, membro di giunta Ass. Luca Coscioni)

 A questo link https://www.associazionelucacoscioni.it/davide-trentini-sul-procedimento-mina-welby-marco-cappato/

  • Approfondimento + video testimonianza (a questo link) – Chi è Davide Trentini

In pochi conoscono la storia di Davide Trentini. Davide era malato di sclerosi multipla dal 1993. Aveva 53 anni e la sua vita, segnata da una salute progressivamente sempre più deficitaria, era diventata un calvario. Per questo ha contattato prima Marco Cappato e poi Mina Welby, per poter conoscere come accedere alla morte volontaria in Svizzera. Dopo vari incontri e dopo l’aiuto di Mina nello sbloccare alcune procedure burocratiche - svolgendo anche il delicato ruolo di interprete in lingua tedesca con la medesima clinica elvetica - Davide ha ricevuto il cosiddetto semaforo verde.

In un messaggio di saluto, che ha voluto lasciare attraverso l’Associazione Luca Coscioni per spiegare e rendere pubblica la sua decisione, ha detto: “Basta dolore”. “La cosa principale è il dolore, bisogna focalizzarsi sulla parola dolore. Tutto il resto è in più”. Così il 13 aprile 2017 in una clinica di Basilea, accompagnato da Mina Welby, ha scelto l’eutanasia, attraverso il suicidio assistito. Si tratta, nello specifico, di una forma di eutanasia, legale in Svizzera, dove a seguito di un iter strettamente regolamentato, e sotto controllo medico, la persona che ne fa richiesta autonomamente si somministra il farmaco, senza intervento di terzi.

Il giorno dopo Mina Welby, che gli era stata affianco e d’aiuto nel viaggio, e Marco Cappato, che aveva raccolto, attraverso l’associazione Soccorso Civile Sos Eutanasia di cui fanno parte entrambi insieme a Gustavo Fraticelli, i fondi mancanti per pagare la clinica Svizzera, si sono presentati presso la Stazione dei carabinieri di Massa per autodenunciarsi. Anche in questo caso, come in quello di Dj Fabo, una disobbedienza civile volta a mettere sotto processo l’art. 580 del codice penale, rubricato “istigazione o aiuto al suicidio”, che sostanzialmente vieta in Italia l’aiuto all’atto di morte volontaria consentito in Svizzera.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota_spazio


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 24 marzo 2019, 11:32

Trovato morto in pineta: overdose?

Il cadavere di un uomo è stato trovato privo di vita questa mattina verso le 8 in pineta a Marina di Carrara


sabato, 23 marzo 2019, 12:31

Se ne andava in giro di notte con una moto rubata: arrestato 32enne clandestino

Un extracomunitario clandestino, con una sfilza di precedenti penali alle spalle e ben otto nomi falsi (“alias”) è stato arrestato martedì notte dai carabinieri, che lo hanno pizzicato in giro per Avenza con una moto rubata una settimana prima in provincia di La Spezia.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 23 marzo 2019, 12:28

Pericolo incendi boschivi, divieto di accensione fuochi

Le belle giornate di questo inizio primavera sono ideali per le prime scampagnate nei boschi; il clima di questi mesi tuttavia crea anche problemi da non sottovalutare


sabato, 23 marzo 2019, 00:03

Lutto nell'Apuania Carrara: è morto Marco Petriccioli

Lutto nell'Apuania Carrara: è morto Marco Petriccioli padre di Massimo e nonno di Matteo, dirigente e atleta della squadra


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 22 marzo 2019, 13:16

Festa dei pionieri e sportivi dell’Aci Apuano

L'Automobile Club di Massa e Carrara inaugura la primavera con una serie di eventi imperdibili, dallo sport all'educazione stradale, fino all'organizzazione di viaggi dedicati ai propri soci, recuperando la storica tradizione delle” gite Aci” che negli anni passati hanno deliziato numerosi viaggiatori


venerdì, 22 marzo 2019, 12:36

Open day degli asili nido comunali per far conoscere ai genitori i servizi offerti

L’iniziativa, promossa dall’assessorato alle politiche educative e scolastiche del comune, è rivolta ai genitori dei bambini che dovranno accedere al servizio Asili Nido per l’anno educativo 2019/2020, al fine di promuovere la conoscenza delle attività formative e dell’offerta didattica proposta nelle varie sedi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara