prenota

massautosin
massauto

Anno 1°

venerdì, 5 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Massa, controlli straordinari dei carabinieri: cinque arresti in sette giorni

sabato, 13 aprile 2019, 19:07

La compagnia carabinieri di Massa, avvalendosi dello sforzo degli uomini delle stazioni di Massa, Maina di Massa, Montignoso, Fivizzano, Casola e Monzone, oltre che del Nucleo Operativo e Radiomobile, ha realizzato nel corso dell’ultima settimana un importante piano operativo di intensificazione dei controlli in ragione dell’incremento del flusso di turisti e del traffico veicolare, sia in Lunigiana che sulla costa apuana. I circa 60 militari messi in campo in questi controlli straordinari hanno cercato di garantire la viabilità nelle maggiori arterie stradali e di controllare gli esercizi pubblici maggiormente frequentati, al fine di prevenire disagi.

Nel corso dell’operazione, durata tutta la settimana, i militari hanno controllato 297 persone e 229 mezzi e sottoposto all’accertamento del tasso alcolemico attraverso l’etilometro decine di utenti della strada, a 3 dei quali è stata ritirata la patente di guida (tutti avevano infatti un tasso auperiore allo 0,5 g/L); elevate 14 contravvenzioni al Codice della Strada per un totale di circa 3500 euro; controllati numerosi locali pubblici, dove non sono state riscontrate irregolarità. Infine sono state arrestate 5 persone.

In particolare, i militari dell’Arma hanno intensificato il contrasto ai fenomeni criminali legati allo spaccio delle sostanze stupefacenti. Questa volta a farne le spese sono stati due fratelli di origine marocchina di 22 e 18 anni, residenti a Marina di Massa, conosciuti dai militari per i loro trascorsi giudiziari, poiché trovati in possesso di 20 gr di cocaina, gran parte della quale già suddivisa e pronta allo spaccio in strada. L’attività è stata condotta da una pattuglia della Sezione Radiomobile che, durante un normale controllo di polizia svolto in via Magliano, ha fermato i due fratelli, il controllo dei quali è stato esteso anche al domicilio. La perquisizione ha consentito ai Carabinieri di trovare, ben nascosti all’interno dell’appartamento, 20 grammi di cocaina, in parte già divisa in dosi, la somma di oltre mille euro, verosimile provento dell’attività di spaccio, ma anche il bilancino e materiale utilizzati per il confezionamento. I due sono stati quindi dichiarati in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e sottoposti agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo, ad esito del quale, dopo la convalida dell’arresto, è stata applicata nei loro confronti la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

Nel corso di un’altra delicata operazione di servizio un 42enne di origine marocchina residente a Montignoso, pregiudicato, è stato arrestato dai militari del NORM – Sezione Radiomobile – della compagnia di Massa.

L’uomo, da svariati mesi, talvolta anche unitamente ad alcuni connazionali ancora non identificati, ogni giorno era solito verso l’ora di pranzo o di cena, recarsi presso un esercizio pubblico posto in città dove, utilizzando metodi arroganti e minacce di devastare il locale, costringeva i vari dipendenti a servirgli panini con kebab, porzioni di verdure, bevande ed altro senza ovviamente pagare alcunché. I vari operai addetti alla somministrazione degli alimenti hanno così sopportato per mesi la situazione.

Tuttavia qualche sera fa, in tardo orario, mentre nell’esercizio pubblico era presente anche il titolare (un signore pakistano di 44 anni, titolare di numerosi esercizi pubblici in varie località della Toscana), il cittadino marocchino si è nuovamente presentato insieme ad altri 2 connazionali; in questo caso il soggetto, armato di una bottiglia che brandiva nelle mani, ha iniziato a minacciare sia il titolare che uno dei dipendenti, di colpirli con l’oggetto e di incendiare l’attività, costringendo così gli addetti alla vendita a consegnargli degli alimenti.

A quel punto, mentre il dipendente per evitare il peggio gli consegnava gli alimenti il titolare è riuscito a defilarsi nel retrobottega ed a chiamare il 112 carabinieri. L’operatore del 112 che, rimasto per tutto il tempo in contatto con la vittima, ha inviato immediatamente in zona due pattuglie di carabinieri che in pochi attimi hanno immobilizzato l’aggressore e raccolto gli elementi investigativi necessari per ricostruire la vicenda, ricostruendo così i continui taglieggiamenti di cui l’uomo si era reso autore in precedenza. Il soggetto, accompagnato presso gli uffici della Plava, è stato poi accuratamente controllato; a suo carico è emerso che il 14 dicembre scorso si era reso responsabile di rapina in danno del supermercato Penny Market di Massa e per questo gli era stata applicata la misura cautelare del divieto di dimora in provincia di Massa.

Alla fine degli accertamenti l’uomo, indagato del flagrante reato di estorsione aggravata e continuata, è stato arrestato e tradotto presso la Casa Circondariale a disposizione del Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Massa. Al 42enne, oltre alla convalida dell’arresto, è stata applicata la misura cautelare della custodia in carcere.

Altre 2 persone sono state infine arrestate su ordine di carcerazione dell’autorità giudiziaria seguito di indagini svolte dal Norm - Sezione Operativa nei confronti di soggetti dediti a reati contro il patrimonio e di spaccio di sostanze stupefacenti.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 5 giugno 2020, 18:20

Coronavirus: due casi a Carrara, uno a Massa, Montignoso e Fivizzano

Nell’area vasta dell’Azienda USL Toscana nord ovest nella settimana dal 29 maggio al 4 giugno 2020 si sono registrati 15 nuovi casi positivi, così suddivisi per zona e per comune di residenza


venerdì, 5 giugno 2020, 17:37

Furti e truffe agli anziani, beccati in tre

Il primo sodalizio disarticolato dalle indagini era costituito da due esperti truffatori provenienti da Napoli (un 51enne pluripregiudicato ed un 25enne incensurato), i quali avevano posto in essere un complesso raggiro, noto negli ambienti investigativi con l’appellativo di “truffa del parente debitore”


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 3 giugno 2020, 18:46

Scuola, nessun taglio per il personale docente

A dirlo l’assessore all’istruzione e formazione Cristina Grieco a conclusione dell’incontro tenutosi oggi con i sindacati di categoria e il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Ernesto Pellecchia, che si è impegnato a scongiurare tagli di organico tramite una proposta operativa, su cui dovrà pronunciarsi il Miur


mercoledì, 3 giugno 2020, 16:24

In pensione il dottor Ferdinando Cellai: in prima linea nell’emergenza Covid

Dal 2002 è divenuto direttore della struttura complessa di Anestesia e rianimazione del presidio ospedaliero della Valle del Serchio e poi dal 2007 anche del presidio ospedaliero di Lucca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 3 giugno 2020, 12:47

Inferno fra le mura di casa: arrestato rumeno violento

Le porte del carcere si sono aperte per un 38enne originario della Romania che oltre alle violenze fisiche e psicologiche ai danni della convivente, l’ha pure costretta a subire rapporti sessuali non consenzienti, inoltre non ha risparmiato nemmeno il figlio 17enne della vittima, che per le botte ricevute è finito...


mercoledì, 3 giugno 2020, 08:44

Franzoni arrestato a Roma e poi rilasciato col foglio di via

Non ha potuto partecipare alla manifestazione del centrodestra di ieri in commemorazione della festa della Repubblica e, da stasera, non potrà più tornare a Roma per due anni


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara