prenota

massautosin
massauto

Anno 1°

venerdì, 5 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Le Misericordie giocano l'ASSO

sabato, 13 aprile 2019, 15:15

Una 'scuola di soccorso' per gli studenti toscani di ogni ordine e grado, dalle elementari alle superiori, che culmina con un corso avanzato di formazione all'uso del defibrillatore, riservato agli studenti dell'ultimo anno delle superiori. E' il progetto Asso (acronimo di A Scuola di SOccorso) lanciato lo scorso anno dalla Federazione regionale delle Misericordie della Toscana, che nella sua prima stagione (l'anno scolastico 2017/2018) ha visto oltre 10 mila partecipanti in tutta la regione e quest'anno sta veleggiando verso il raddoppio del numero di studenti coinvolti. 

Questa mattina il progetto ASSO ha fatto tappa ad Avenza, con una mattina di formazione che ha visto coinvolti gli studenti del Liceo Scientifico Marconi.

"Non avrei mai pensato che nella nostra Provincia potesse esserci un interesse così alto verso il progetto ASSO, un trend che però si conferma in tutta la Toscana, terra dove la Misericordia è ben conosciuta - afferma Fausto Casotti, coordinatore delle Misericordie della provincia di Massa Carrara – e per questo ringrazio i formatori ASSO e il gruppo di formatori delle Misericordie provinciali per l'impegno e la dedizione. In questo momento storico, dove le persone sono sempre più connesse ma sempre più sole. L'esempio di solidarietà che la Misericordia diffonde anche attraverso questo progetto  - prosegue Casotti - serve a far capire ai ragazzi che i bisogni dell'altro, molto spesso, possono essere soddisfatti in maniera semplice, con una parola, un sorriso o una stretta di mano. Invito questi giovani a far parte del mondo delle Misericordie, a condividere questa passione".

"Sapere come comportarsi di fronte a un infortunio, a un incidente o a un malore può ridurne le conseguenze e, in certi casi, salvare delle vite, così come saper usare un defibrillatore" spiega Alberto Corsinovi, presidente delle Misericordie della Toscana. "Ci sembra un bagaglio importante da consegnare agli studenti delle scuole toscane. Per questo, come fanno da 8 secoli, le Misericordie della Toscana si mettono a servizio delle proprie comunità."

Il 'Progetto ASSO' è articolato in due moduli. Il primo è rivolto alle scuole primarie (e consiste in 2 ore di lezione) e alle scuole secondarie di primo e secondo grado (4 ore) e punta a trasmettere agli alunni conoscenze di primo soccorso e del comportamento da attuare in caso di malore ed infortuni. Per i più piccoli l'aspetto fondamentale è la gestione della paura; per medie e superiori sono previste anche alcune nozioni di base di primo soccorso.

Il secondo modulo, rivolto agli studenti delle classi quinte delle secondarie di secondo grado, rappresenta una sorta di 'maturità' del primo soccorso, con la formazione all'utilizzo del defibrillatore automatico esterno.

Al termine del corso (di 5 ore) gli studenti conseguiranno la qualifica di 'esecutore' di BLS-D (Basic Life Support and Defibrillation).

In entrambi i casi i corsi sono tenuti dai formatori della Federazione delle Misericordie toscane (ente accreditato presso la Regione Toscana); tutto il percorso (formazione e certificazione come 'esecutore' di BLS-D) è svolto dalle Misericordie a titolo gratuito.

Sono oltre 1800 gli studenti coinvolti nel Coordinamento della provincia di Massa Carrara dal Progetto ASSO nell'anno scolastico 2018-2019.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 5 giugno 2020, 18:20

Coronavirus: due casi a Carrara, uno a Massa, Montignoso e Fivizzano

Nell’area vasta dell’Azienda USL Toscana nord ovest nella settimana dal 29 maggio al 4 giugno 2020 si sono registrati 15 nuovi casi positivi, così suddivisi per zona e per comune di residenza


venerdì, 5 giugno 2020, 17:37

Furti e truffe agli anziani, beccati in tre

Il primo sodalizio disarticolato dalle indagini era costituito da due esperti truffatori provenienti da Napoli (un 51enne pluripregiudicato ed un 25enne incensurato), i quali avevano posto in essere un complesso raggiro, noto negli ambienti investigativi con l’appellativo di “truffa del parente debitore”


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 3 giugno 2020, 18:46

Scuola, nessun taglio per il personale docente

A dirlo l’assessore all’istruzione e formazione Cristina Grieco a conclusione dell’incontro tenutosi oggi con i sindacati di categoria e il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Ernesto Pellecchia, che si è impegnato a scongiurare tagli di organico tramite una proposta operativa, su cui dovrà pronunciarsi il Miur


mercoledì, 3 giugno 2020, 16:24

In pensione il dottor Ferdinando Cellai: in prima linea nell’emergenza Covid

Dal 2002 è divenuto direttore della struttura complessa di Anestesia e rianimazione del presidio ospedaliero della Valle del Serchio e poi dal 2007 anche del presidio ospedaliero di Lucca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 3 giugno 2020, 12:47

Inferno fra le mura di casa: arrestato rumeno violento

Le porte del carcere si sono aperte per un 38enne originario della Romania che oltre alle violenze fisiche e psicologiche ai danni della convivente, l’ha pure costretta a subire rapporti sessuali non consenzienti, inoltre non ha risparmiato nemmeno il figlio 17enne della vittima, che per le botte ricevute è finito...


mercoledì, 3 giugno 2020, 08:44

Franzoni arrestato a Roma e poi rilasciato col foglio di via

Non ha potuto partecipare alla manifestazione del centrodestra di ieri in commemorazione della festa della Repubblica e, da stasera, non potrà più tornare a Roma per due anni


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara