prenota

massautosin
massauto

Anno 1°

martedì, 28 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

La sfida della Cipriani alla “sindaca” di Massa: diretta dal comune a Pomeriggio 5

martedì, 10 settembre 2019, 23:31

di vinicia tesconi

Versioni contrastanti sull’identità di genere del primo cittadino di Massa sono emerse oggi nel salotto di Barbara D’Urso su Canale 5: per lanciare il collegamento con Francesca Cipriani inviata di Pomeriggio 5 la D’Urso ha mandato in onda un servizio realizzato dalla redazione del programma sulle sanzioni imposte dal regolamento comunale di Massa per chi indossa abiti succinti, nel quale si cita più volte Francesco Persiani indicandolo come “la sindaca”.

Nella scaletta odierna della trasmissione, infatti, tra i più disparati argomenti proposti, c’era anche la storia delle multe a Massa per chi “si veste come una prostituta”, voce inserita nel nuovo regolamento comunale a firma dell’amministrazione di centrodestra. La svista sul sesso del sindaco è probabilmente nata dallo scambio di battute al vetriolo tra alcuni vip e l’amministrazione massese avvenuto nel corso dell’estate. Alessandro Gassman e Fiorella Mannoia, infatti, hanno lanciato tweet molto critici all’indirizzo di Persiani, usando per citarlo la versione al femminile del suo titolo, abitualmente usata dal gruppo della Rete Antisessista di Massa per sottolineare la parità di genere anche tra il femminile e il maschile dei titoli personali e contenuta nell’articolo di denuncia pubblicato dal gruppo proprio sulle multe per gli outfit non consoni al decoro urbano.

Quindi, per ricapitolare: quel "sindaca" già polemico di suo rivolto al primo cittadino leghista, cioè a chi, per scelta politica, non approva commistioni di genere, è rimbalzato dalla polemica contro le multe per gli abiti osè al servizio della redazione di Pomeriggio 5 che, probabilmente, non ha colto il sarcasmo nell’appellativo dato a Persiani e lo ha rimandato credendo che, in realtà, si trattasse di un sindaco donna. E così il sindaco di Massa si è ritrovato citato come femmina nella trasmissione più seguita del pomeriggio televisivo italiano.

Ma il paradosso non si è fermato lì. Il successivo collegamento dalla piazza sotto al palazzo del comune di Massa, se ha restituito a Persiani il suo genere originario – la Cipriani a gran voce lo ha chiamato sindaco – ha riaperto la polemica sulla libertà di look e lo ha fatto per mezzo della Cipriani, nota fan di Salvini, a cui sicuramente è sfuggito che stava attaccando un sostenitore del suo stesso idolo politico. Cioè, in pratica: dopo esser stato scambiato per una donna, Persiani, è finito sotto il fuoco amico. La Cipriani, con la sobrietà che notoriamente le appartiene e con indosso un abito di almeno tre taglie più piccolo della sua, con profusione di tette in vista, ha sollecitato alcuni passanti massesi sull’opportunità di essere multata – ma, guardacaso, essendo tutti maschi gli intervistati, la risposta, anche quella di un vigile urbano, è stata di corale approvazione del look della soubrette. La Cipriani ha poi berciato all’indirizzo dell’ufficio di Persiani per invitarlo a scendere e a rispondere alle sue domande sulla regolarità del suo abbigliamento , ma sia Persiani, sia gli altri membri della sua giunta, si sono guardati bene dallo scendere, per cui la Cipriani, imbronciata, ha potuto solo ribadire che, nel suo caso, l’eventuale multa di cento euro prevista per gli abiti succinti, avrebbe dovuto essere portata a ottocento euro, visto che lei porta un’ottava di reggiseno.

Insomma, tra malintesi, recrudescenze polemiche, serpi in seno, con molto seno e pochissimo senno, alla fine ne è uscita comunque una cartolina della città di Massa. Sicuramente non la più bella.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota_spazio


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 28 gennaio 2020, 18:46

Grande attesa per “Catene di affetti”: due giorni di convegni

E’ stato presentato stamani, in comune a Massa, il convegno didattico scientifico “ Catene di affetti:madri/padri, figli/figlie. Ieri e oggi” curato dall’associazione massese Scritture Femminile Memorie di Donne


martedì, 28 gennaio 2020, 15:11

Mangia Trekking all'opera sull'isola di Palmaria

Con spirito di giusta collaborazione, l’Ente Parco Regionale,il Comune di Porto Venere, el’associazione Mangia Trekking, continuano sulla Palmaria, le attività per garantire il monitoraggio, la manutenzione e la cura della rete sentieristica


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 28 gennaio 2020, 14:25

La polizia passa al setaccio la città, droga e violenze sessuali


lunedì, 27 gennaio 2020, 22:31

Équipe Formativa Territoriale del MIUR: referente Daniela Marzano

Con l’apertura di una speciale piattaforma messa a punto dall’Ufficio Scolastico Regionale della Toscana, è iniziata la fase operativa dell’Équipe Formativa Territoriale del MIUR, un nucleo di 120 docenti selezionati su base nazionale per accompagnare tutte le scuole italiane verso un utilizzo sempre più massiccio delle TIC nella didattica


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 27 gennaio 2020, 20:15

"Occhio alla vista", Cimino (Nausicaa Spa) interviene alla Fondazione Marmo

L'intervento del presidente di Nausicaa Spa, Luca Cimino, durante la conferenza stampa della Fondazione Marmo sul progetto "Occhio alla vista"


lunedì, 27 gennaio 2020, 18:47

I carabinieri ricordano il sacrificio del maresciallo Antonio Taibi

Ricorre oggi l’anniversario dell’uccisione del maresciallo dei carabinieri Antonio Taibi, tragicamente assassinato il 27 gennaio di quattro anni fa, per mano del 77enne Roberto Vignozzi, che aveva teso un agguato al sottufficiale dell’Arma


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara