prenota

massautosin
massauto

Anno 1°

giovedì, 4 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

IMM Carrara, approvato il bilancio 2018

venerdì, 11 ottobre 2019, 09:25

L’Assemblea dei Soci di IMM ha approvato nella seduta di ieri il bilancio 2018 della società IMM Carrara SpA (Internazionale Marmi e Macchine SpA).

"L’approvazione del bilancio - si legge nella nota - arriva dopo mesi di lavoro capillare svolto da IMM, che ha presentato da tempo ai Soci la situazione e ha individuato le linee strategiche e le modalità operative, espresse nel Piano Industriale di risanamento Quinquennale, che intende traguardare al pareggio finanziario prima, in previsione per il 2020, e a quello economico subito dopo.

I risultati raggiunti quest’anno sono di particolare rilievo e rappresentano il frutto dell’importante lavoro svolto dal Presidente Fabio Felici, dal Consiglio di Amministrazione e dal management della Società negli ultimi 4 anni. Occorre infatti ricordare come questa operazione sia partita dall’esercizio 2015, in cui la Società ha registrato un risultato negativo di circa 1,9 milioni di euro, mentre il bilancio appena approvato ha ridotto di oltre la metà la perdita di esercizio, con un risultato, pur in una situazione di difficoltà finanziaria, migliorativo rispetto ad allora di oltre un milione di euro, il tutto senza tagli del personale, mantenendo in portafoglio i prodotti di punta e continuando a creare un indotto territoriale stimato in oltre 10 milioni di euro l’anno.

Come detto il raggiungimento di questo risultato è stato possibile grazie al cambio di passo iniziato nella seconda metà del 2015, frutto della razionalizzazione dei costi senza compromettere la qualità dei servizi, del miglioramento radicale dei prodotti già esistenti e dello studio di nuovi prodotti e di nuovi servizi.

IMM ha cambiato pelle su indicazione del Consiglio di Amministrazione e dei Soci e si è rinnovata anche seguendo le indicazioni ricevute dagli Stakeholders presenti sul territorio di Carrara. Inoltre ha saputo capitalizzare le professionalità presenti all’interno dell’azienda e valorizzarne l’esperienza ventennale nel marketing, nella creazione e realizzazione di eventi  e nella gestione logistica del Quartiere Espositivo.

Nello specifico il bilancio 2018 presenta ancora un EBITDA leggermente negativo per circa 35.000 euro (con un miglioramento rispetto all’anno precedente di circa il 67%), dato che è previsto tornare in positivo dopo anni già nel corso di quest’anno. Vi è stato un incremento degli oneri finanziari a conto economico dovuto all’ingente investimento sostenuto per la messa in sicurezza del padiglione B e per l’approntamento dello stesso per le attività sportive. Complessivamente il Valore della Produzione è cresciuto del 16,16% a fronte di un incremento di costi del 10,01%, migliorando il risultato netto del 7,30%.

Nell’Assemblea odierna i Soci hanno approvato anche il “Piano di Ristrutturazione e Risanamento”, frutto di un lavoro svolto in stretta sinergia con i Soci di maggioranza della Società.

Il management di IMM si è impegnato negli ultimi anni nella ristrutturazione delle attività della società attivando nuovi servizi e valorizzando sul mercato le competenze e gli spazi disponibili.  Sotto l’aspetto societario è già stata completata la fase di riorganizzazione accentrando in IMM tutte le attività precedentemente oggetto di spin off su società controllate quale la Carrara Fiere S.r.l. La ristrutturazione delle attività e l’identificazione delle risorse a sostegno del Piano di Ristrutturazione passano necessariamente anche dal risanamento dell’attuale situazione finanziaria che permetta di porre le basi per l’avvio del piano di ristrutturazione. Il Piano approvato quest’oggi permette quindi di identificare la ristrutturazione del modello di business della società con fonti che permettano il traghettamento delle attività su aree di sostenibilità.

Il Piano porta con sé l’identificazione delle necessità e delle risorse finanziarie per completare i lavori al Padiglione B e per dare impulso alle attività fieristiche, prevedendo anche almeno un nuovo evento a calendario.

Con riferimento alle attività fieristiche è necessario un breve approfondimento circa la situazione che l’azienda si è trovata a fronteggiare nell’arco degli ultimi anni. Il comparto fieristico in tutta Italia ha registrato un vistoso e sensibile calo nell’ultimo decennio, al netto di una leggera ripresa nell’ultimo anno. Anche le attività della società in questo settore non sono state esenti da problematiche. Con riferimento al mondo dei Camper, la fiera di riferimento italiana a Parma aveva messo in atto un progetto di offuscamento delle fiere concorrenti territoriali che ha causato a Tour.it due anni di incertezze. Nonostante questo disturbo, grazie a nuovi accordi, l’edizione 2020 della manifestazione vedrà il ritorno in forze, con il patrocinio di Assocamp, dei principali concessionari di veicoli ricreazionali toscani, con una vasta esposizione di camper e caravan su un’area di 10.000 mq.

Con riferimento al settore dei fuoristrada, la Fiera di Rimini ha tentato di copiare – senza successo - il nostro evento di punta a livello internazionale, 4x4Fest, ma il nostro evento rimane tuttora l’unico Salone in Italia totalmente dedicato al settore e riconosciuto dalla Federazione Italiana Fuoristrada e dalle altre Associazioni di riferimento.

Con riferimento alla Nautica, la grave crisi che ha colpito il settore nautico dal 2008 ha avuto come conseguenza anche l’assottigliarsi del numero di operatori diretti e dell’indotto relativo. La nascita di una nuova associazione di riferimento - oltre a quella confindustriale - e di nuovi eventi fieristici di settore, anche territoriali, hanno avuto un effetto negativo sull’evento professionale Seatec, che ha visto ridursi il numero delle imprese interessate a investire in partecipazioni fieristiche cercando di ottimizzare tali investimenti. Questi fatti hanno eroso l’attrattività di Seatec, anche in considerazione del fatto che ad oggi la stessa non è stata oggetto di contribuzione di alcun genere e, quindi, ha avuto una minor capacità di investimento nell’evento rispetto ad altre realtà.

Per quanto riguarda il settore lapideo, la società nasce storicamente per valorizzare questo settore, particolarmente significativo per il territorio. Per anni la fiera dedicata al settore ha rappresentato a livello internazionale uno dei punti di riferimento per gli operatori. Con il passare degli anni, a causa della forte concorrenza di altri territori con maggiore capacità attrattiva sotto l’aspetto commerciale nonché di forti investimenti pubblici e di disponibilità di spazi, dell’affacciarsi di nuovi potenti competitor (es. la fiera di Xiamen in Cina), IMM ha inevitabilmente subito il calo in termini di contribuzione di tale evento ai propri bilanci, pur continuando a svolgere servizi al settore lapideo di analisi di mercato, consulenziali e di promozione. Se comunque in futuro gli Stackholders riterranno opportuno tornare a organizzare una fiera di riferimento a Carrara, la Società è a disposizione per valutarne la fattibilità e le dinamiche di realizzazione.

Per quanto riguarda invece le altre manifestazioni, ad oggi il quartiere fieristico di Carrara risulta l’unico della Regione che negli ultimi due anni ha saputo valorizzare e mantenere attivi i principali eventi a calendario, capitalizzando nel frattempo un nuovo importante marchio (Carrara Bier Fest).

Il piano di ristrutturazione e di risanamento prevede, in estrema sintesi, due tipologie di interventi:

a)    Riduzione costi fissi e di struttura,

b)    la valorizzazione degli assets: siano essi riferibili a spazi fisici, a strumentazione, a conoscenza e a professionalità dei propri collaboratori.

In merito al primo punto, l’intervento riguarda necessariamente la riorganizzazione interna del lavoro e l’individuazione di percorsi di accompagnamento che permettano di intervenire sul costo del lavoro senza creare situazioni di disagio o di precarietà. Inoltre, sono possibili interventi tesi a ridurre ed efficientare altre tipologie di spesa, ad esempio quella relativa alle utenze.

Per quanta riguarda la valorizzazione degli assets:

-          In riferimento agli spazi fisici, si intende valorizzare la struttura dotandola di più efficienti impianti utilizzatori di energia, integrandoli con sistemi di auto-generazione (fotovoltaico). Inoltre, è prevista la possibilità di estendere l’utilizzo degli spazi, sia al coperto, sia esterni, dotandosi di specifica attrezzatura volta ad ampliarne l’utilizzo per manifestazioni di tipo ludico sportivo (equiparando la struttura ad una sorta di palazzetto dello sport ovvero a teatro/auditorium per spettacoli).

-          Per quanto riguarda la strumentazione specialistica a disposizione della società, il riferimento è al laboratorio “StoneLab” ove gli investimenti effettuati negli anni passati consentono di essere un punto di riferimento nel settore lapideo per la possibilità di caratterizzare il materiale e rilasciare certificazioni sulla qualità e tipologia delle pietre.

-          La conoscenza del settore fiere e del settore lapideo, la professionalità del personale e dei collaboratori della IMM consentono di poter fornire sia alle amministrazioni pubbliche sia alle imprese un supporto di assoluto valore. La possibilità di tenere collegamenti con le realtà internazionali del settore e la possibilità di operare quale piattaforma per la conoscenza e l’approccio ai mercati internazionali consente alla IMM di immettere sul mercato consulenza specializzata con modalità diverse.

-          Sotto l’aspetto istituzionale in considerazione della centralità della IMM nella gestione di dati e conoscenze del settore lapideo oltre che alla partecipazione in quota societaria rilevante sia di Regione Toscana che del Comune di Carrara, alla società è già stato attribuito il ruolo di capofila del partenariato gestore del Distretto Tecnologico su incarico della Regione Toscana. Le capacità sviluppate dal personale della IMM e la conoscenza dei comparti lapideo e nautico consentono di rappresentare un valore aggiunto per il monitoraggio delle dinamiche dei comparti e la gestione di manifestazioni a sostegno delle attività economiche. Questa è un’area di attività di sicuro interesse da parte delle Istituzioni ed è figlia della mission che fu attribuita storicamente alla società. Diversi sono gli attestati ed i progetti di affidamento di ruoli per IMM che potrebbero rendere sostenibile questo comparto.

Grazie agli investimenti programmati ed in esecuzione, sarà possibile rendere fruibile in maniera ancora più modulare la struttura del quartiere fieristico, efficientarlo sotto il profilo energetico e dotarlo di infrastrutture per porre gli spazi su ulteriori mercati che non siano solo quelli espositivi.

Inoltre, l’apprezzamento delle competenze e della specializzazione del personale della società, interessa le istituzioni che hanno dimostrato attenzione ad attribuire alla società un ruolo centrale nel panorama dei servizi specializzati nell’ambito del settore lapideo e del distretto industriale della provincia.

I Soci hanno fortemente apprezzato il lavoro svolto dal Consiglio di Amministrazione e dal team capitanato dal Presidente Fabio Felici. La sua competenza ha consentito l’individuazione di un tecnicismo all’interno della Legge Madia la cui applicazione ha indicato la via corretta ai Soci di maggioranza per impostare l’iter di approvazione del Piano di Risanamento".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 3 giugno 2020, 18:46

Scuola, nessun taglio per il personale docente

A dirlo l’assessore all’istruzione e formazione Cristina Grieco a conclusione dell’incontro tenutosi oggi con i sindacati di categoria e il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Ernesto Pellecchia, che si è impegnato a scongiurare tagli di organico tramite una proposta operativa, su cui dovrà pronunciarsi il Miur


mercoledì, 3 giugno 2020, 16:24

In pensione il dottor Ferdinando Cellai: in prima linea nell’emergenza Covid

Dal 2002 è divenuto direttore della struttura complessa di Anestesia e rianimazione del presidio ospedaliero della Valle del Serchio e poi dal 2007 anche del presidio ospedaliero di Lucca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 3 giugno 2020, 12:47

Inferno fra le mura di casa: arrestato rumeno violento

Le porte del carcere si sono aperte per un 38enne originario della Romania che oltre alle violenze fisiche e psicologiche ai danni della convivente, l’ha pure costretta a subire rapporti sessuali non consenzienti, inoltre non ha risparmiato nemmeno il figlio 17enne della vittima, che per le botte ricevute è finito...


mercoledì, 3 giugno 2020, 08:44

Franzoni arrestato a Roma e poi rilasciato col foglio di via

Non ha potuto partecipare alla manifestazione del centrodestra di ieri in commemorazione della festa della Repubblica e, da stasera, non potrà più tornare a Roma per due anni


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 2 giugno 2020, 09:40

Rsa Regina Elena, parla il direttore uscente: "Dimissioni non dovute a difficoltà nella gestione dell’emergenza"

In merito ai "rumors" sulla casa di riposo di Carrara, Regina Elena, sono il presidente della Rsa Giuseppe Simone Profili e il direttore Francesco Fariello a fare chiarezza


lunedì, 1 giugno 2020, 17:02

Mascherine e guanti, ecco come smaltirli correttamente

Mascherine e guanti potrebbero presto diventare un serio problema ambientale se conferiti in modo sbagliato o, ancora peggio, se abbandonati per strada. Una situazione che, purtroppo, anche Carrara inizia a sperimentare


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara