prenota

massautosin
massauto

Anno 1°

giovedì, 4 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Progetto abbattimento pini brutto e costoso: il comitato chiede buon senso e ascolto per la sistemazione del marciapiede

venerdì, 8 novembre 2019, 11:51

di vinicia tesconi

Dovevano essere sedici in totale le palme che l’assessore Raggi aveva pensato di mettere in banale sostituzione dei pini ultra cinquantenari che costeggiavano viale Colombo nell’ambito del suo progetto finalizzato a trasformare i marciapiedi di quel tratto di strada in parcheggi più comodi per gli automobilisti.

La spesa prevista inizialmente, quindi doveva essere di soli 12 mila e ottocento euro perché l’intenzione era quella, in perfetto stille grillino, dell’uno vale uno, cioè per ogni pino – alto 20 metri con un fusto di oltre mezzo metro – sarebbe stata piantumata una palmetta alta 1 un metro e 75 centimetri con fusto di 15 centimetri. Ma l’indignazione e le proteste dei cittadini e del comitato nato proprio contro l’abbattimento di quelle alberature e l’evidente effetto striminzito conseguito con la piantumazione delle palme, ha fatto aggiustare il tiro e abbondantemente allargare la borsa delle casse comunali all’assessore Raggi che ha dovuto prima sostituire le palmette da 800 euro l’una con palme più grandi da 1250 euro l’una, poi impiantarle tutte al posto dei soli sette pini abbattuti prima dello stop dovuto al mancato rispetto delle leggi avifaunistiche che tutelano le piante che ospitano i nidi degli uccelli nella stagione della riproduzione, e infine ricomprarne di nuove per completare l’opera, dopo il completo abbattimento dei pini attualmente in corso. Al momento, essendo venti per ora le palme comprate, delle quali diciotto già piantumate al posto dei primi sette pini abbattuti, la spesa per il progetto dell’assessore Raggi è lievitata fino a 25 mila euro, ma mancano ancora tutte le alberature da inserire al posto dei dieci pini abbattuti in questi giorni, per cui la previsione finale è quella di un costo notevolmente più alto al quale si deve aggiungere quello del rifacimento dei marciapiedi. L’analisi economica della vicenda dei pini di viale Colombo è stata fatta dal Comitato in difesa dei pini che, inascoltato e sconfitto per la salvaguardia di piante storiche che caratterizzavano la città, ha lanciato un nuovo estremo appello al buon senso da parte dell’assessore Raggi per quanto riguarda il rifacimento della pavimentazione del tratto di viale Colombo privato dei pini.

“Ci appelliamo al buon senso, al rispetto del cittadino e del denaro pubblico – scrivono dal Comitato -Questo è un momento importante nel quale l’amministrazione potrebbe cogliere l’occasione per rivedere il progetto di sistemazione dei marciapiedi in viale Colombo. Infatti, i contratti con le due ditte che hanno lavorato al taglio e all’acquisto e piantumazione delle palme sono stati portati a termine, quindi non ci sono penali per il comune; al contrario, l’affidamento a Ediltecnica per il rifacimento della pavimentazione non è in discussione che venga portato a termine, ma si potrebbe vedere come farlo.”. Il Comitato ha rivolto un nuovo invito all’amministrazione ad ascoltare le proposte e i progetti alternativi della cittadinanza ed anche a servirsi della consulenza degli esperti agronomi di Nausicaa senza pagare contributi esterni. “ Potrebbero essere cambiate le essenze da piantumare – ha concluso il Comitato - dove purtroppo i pini sono stati abbattuti, e fermare ulteriori abbattimenti; potrebbero essere variati i metodi di realizzazione della pavimentazione - non bitume, ma materiali drenanti, ad esempio- affrontando il problema con la serietà e la ponderatezza che è mancata nella fase progettuale. L’Ufficio strade del Comune non ha partorito un bel progetto: è visibile a chiunque transiti ora dal viale Colombo. Un progetto brutto, irreversibile nella sua bruttezza e non a costo zero. Se si vuole rimediare, è questo il momento.”.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 3 giugno 2020, 18:46

Scuola, nessun taglio per il personale docente

A dirlo l’assessore all’istruzione e formazione Cristina Grieco a conclusione dell’incontro tenutosi oggi con i sindacati di categoria e il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Ernesto Pellecchia, che si è impegnato a scongiurare tagli di organico tramite una proposta operativa, su cui dovrà pronunciarsi il Miur


mercoledì, 3 giugno 2020, 16:24

In pensione il dottor Ferdinando Cellai: in prima linea nell’emergenza Covid

Dal 2002 è divenuto direttore della struttura complessa di Anestesia e rianimazione del presidio ospedaliero della Valle del Serchio e poi dal 2007 anche del presidio ospedaliero di Lucca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 3 giugno 2020, 12:47

Inferno fra le mura di casa: arrestato rumeno violento

Le porte del carcere si sono aperte per un 38enne originario della Romania che oltre alle violenze fisiche e psicologiche ai danni della convivente, l’ha pure costretta a subire rapporti sessuali non consenzienti, inoltre non ha risparmiato nemmeno il figlio 17enne della vittima, che per le botte ricevute è finito...


mercoledì, 3 giugno 2020, 08:44

Franzoni arrestato a Roma e poi rilasciato col foglio di via

Non ha potuto partecipare alla manifestazione del centrodestra di ieri in commemorazione della festa della Repubblica e, da stasera, non potrà più tornare a Roma per due anni


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 2 giugno 2020, 09:40

Rsa Regina Elena, parla il direttore uscente: "Dimissioni non dovute a difficoltà nella gestione dell’emergenza"

In merito ai "rumors" sulla casa di riposo di Carrara, Regina Elena, sono il presidente della Rsa Giuseppe Simone Profili e il direttore Francesco Fariello a fare chiarezza


lunedì, 1 giugno 2020, 17:02

Mascherine e guanti, ecco come smaltirli correttamente

Mascherine e guanti potrebbero presto diventare un serio problema ambientale se conferiti in modo sbagliato o, ancora peggio, se abbandonati per strada. Una situazione che, purtroppo, anche Carrara inizia a sperimentare


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara