prenota

massautosin
massauto

Anno 1°

mercoledì, 23 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Attacco di piante aliene nel Magliano

sabato, 8 agosto 2020, 11:47

In corso in questi giorni da parte del Consorzio Bonifica 1 Toscana Nord, un massiccio intervento di rimozione di piante aliene cresciute nell’alveo del canale del Magliano. Tra via Arezzo e via Montecatini, un escavatore sta asportando ogni giorno col suo braccio meccanico, grossi ammassi di piantine che si sono riprodotte a migliaia sullo specchio d’acqua. Le quantità depositate sul ciglio fanno impressione: foglie e radici della pianta aliena si sono sviluppate velocemente formando un groviglio intricato che provoca il soffocamento di tutte le altre specie “buone” del nostro ecosistema. Negli anni il Consorzio di Bonifica è diventato suo malgrado un vero specialista per contrastare l’invasione da millefoglio americano (Myriophyllum aquaticum), la pianta del sud america, notissima alla comunità scientifica internazionale e inserita dalla UE nella lista delle cento specie più invasive in europa.

“Stiamo subendo da tempo un vero e proprio attacco da parte di questa pianta che è una vera minaccia per gli ambienti fluviali e che ha trovato alle nostre latitudini le condizioni ideali per moltiplicarsi a dismisura. - spiega il presidente del Consorzio Ismaele Ridolfi - Si tratta probabilmente di un effetto molto evidente dei cambiamenti climatici e abbiamo stretto accordi con le Università di Pisa e di Firenze per trovare soluzioni che possano contenerne lo sviluppo.”

Nei primi giorni di fioritura la pianta assomiglia molto alla specie nostrana. La sua presenza in acqua è indicatore di buona qualità degli ecosistemi (ndr. certe piante non si svilupperebbero in canali inquinati) ma, se in principio assolve anche a una funzione depurativa, col passare dei giorni aumenta talmente tanto da trasformarsi in una grave minaccia: la pianta forma un groviglio di radici che manda in sofferenza tutte le altre specie vegetali esistenti e sottrae ossigeno agli ambienti fluviali fino a compromettere l’equilibrio naturale per la vita dei pesci.

“Le buone notizie sono che al momento abbiamo registrato la sua presenza solo nel canale del Magliano, e anche che siamo tecnicamente preparati a contrastarla, grazie all’esperienza acquisita nel tempo in altre zone del comprensorio. - dichiara Ridolfi - Purtroppo però, malgrado gli sforzi anche economici che il Consorzio impiega su questo fronte, dobbiamo registrare la sua diffusione e l’attacco di aree dove in passato non era presente.”

Gli esperti che studiano il fenomeno invasivo, concordano sulla necessità di intervenire spesso, procedendo con mezzi meccanici alla completa eradicazione. Questa azione diventa molto efficace nel tempo perchè è in grado di indebolire le piante e quindi di circoscrivere l’area di attacco. Una volta tolte, le piante devono essere asportate e per questo il Consorzio può contare sul supporto del Comune di Massa che ha già messo a disposizione dei cassoni per la raccolta e per il successivo conferimento in discarica.

La presenza massiccia nell’alveo di questa pianta, oltre ai già detti problemi ambientali, può causare un rallentamento del deflusso delle acque in caso di piena, fino a ostruzioni nei canali delle piante sradicate dalla forza dell’acqua, che si possono ammassare alle griglie dell’impianto idrovoro o ai ponti stradali e quindi provocare localizzati allagamenti.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 22 settembre 2020, 15:43

L’asilo Giampaoli va davanti al Comune: continua la protesta di docenti e genitori

Non è bastata l’accesa protesta dei genitori del Comitato Scuole di Villa Ceci che si è svolta giovedì scorso all’esterno della scuola elementare Anna Maria Menconi di Marina di Carrara


martedì, 22 settembre 2020, 13:16

Polstrada, raffica di contravvenzioni per l'uso del cellulare alla guida

Nel corso della settimana, la Polstrada di Massa e Carrara, unitamente alla sottosezione di Pontremoli, ha effettuato 19 posti di controllo, rilevato 55 infrazioni riferibili al superamento dei limiti di velocità e controllato 190 veicoli


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 21 settembre 2020, 20:14

Covid, scuola allo sfascio ed è soltanto l'inizio

Azienda USL Toscana nord ovest: il punto sugli ultimi casi di positività al Covid accertati nelle scuole. Nonostante la bassa carica virale si spediscono a casa intere classi: ma chi paga per una generazione mandata al macello?


domenica, 20 settembre 2020, 16:15

Coronavirus, ancora 13 casi nell'area apuana

Nell’Azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 20 settembre, sono 73, a cui ci sono da aggiungere 2 residenti fuori regione individuati grazie ai controlli attivati in porti e stazioni, nello specifico al porto di Livorno, con l’ordinanza numero 80 della Regione Toscana)


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 20 settembre 2020, 11:39

Porta a porta: mister Baldini allenatore di "differenziata"

Partirà domani la nuova campagna pubblicitaria di Nausicaa Spa per il servizio porta a porta. Questa volta il protagonista sarà l'allenatore della Carrarese Silvio Baldini: "Ringrazio il mister e la società per la grande disponibilità"


sabato, 19 settembre 2020, 20:24

Contratto di fiume per il Firgido: parte il percorso partecipativo

E’ arrivato l’atteso avviso pubblico con invito rivolto alle realtà organizzate, alle aziende e a tutti i cittadini interessati alla tematica per il contratto di fiume per il Frigido


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara