prenota

massautosin
massauto

Anno 1°

sabato, 31 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Raccolte differenziate, Asmiu: "L’azienda ha perseguito l’obiettivo"

sabato, 17 ottobre 2020, 15:03

L’azienda Asmiu ritiene opportuno soffermarsi su i dati pubblicati dall’Agenzia Regionale Recupero Risorse in merito alle Raccolte Differenziate della provincia di Massa Carrara. In particolare in riferimento ai risultati, in termini di percentuali, ottenuti dal comune di Massa.

"Innanzitutto - esordisce - ci teniamo a precisare che l’esito estremamente negativo delle Raccolte Differenziate non rappresenta altro che un’istantanea dei dati raccolti al 31 dicembre 2019 ed è rappresentativo di scelte pregresse. Ciò è chiaramente dimostrabile dal trend che ha caratterizzato le raccolte differenziate degli ultimi anni evidenziato in queste percentuali: 2014/29,72% – 2015/32,16% – 2016/29,10% - 2017/32,63% - 2018/31,98%. Non vogliamo soffermarci sulle motivazioni che hanno impedito un’inversione di rotta e certamente non ci abbattiamo per risultati che non ci appartengono e che, peraltro, non hanno ancora una loro ufficialità. Chi li ha pubblicati ha sicuramente canali preferenziali. Quello che invece è al centro del nostro interesse sono gli obiettivi che questa azienda si è prefissa di raggiungere in questo anno 2020, prendendo in mano il volano del cambiamento ma sempre e comunque con il sostegno della cittadinanza. Ed è per questo che nonostante le particolari avversità che hanno caratterizzato l’anno in corso, l’azienda ha continuato sempre a guardare oltre, a lavorare anche nei momenti drammatici quando tutto sembrava incerto e instabile. Non è stato facile rimanere saldi nelle proprie scelte tra tanti ostacoli ma l’azienda ha, con profitto, perseguito l’obiettivo".

"Per farsi sentire più vicina ai cittadini che dovevano affrontare un nuovo percorso nell’acquisizione di comportamenti corretti in materia di Raccolta Differenziata - spiega -, ha allestito Info Point nelle zone interessate dalla raccolta domiciliare, con personale che alla consegna del Kit mettevano a disposizione anche le proprie competenze e conoscenze per informare/formare cittadini consapevoli e responsabili del grande salto di qualità e civiltà che si accingeva a fare la nostra comunità. Il grande entusiasmo di cui ci siamo armati tutti, indistintamente, non ci ha, naturalmente, evitato le resistenze di alcuni alle novità. Ma abbiamo saggiamente capito che la riluttanza ad adeguarsi ad un diverso sistema gestionale dei rifiuti era semplicemente dovuto ad una categoria di pensiero oramai stratificata nel tempo favorita dalla completa assenza di una politica ambientale, messa all’angolo da amministrazioni non intenzionate ad investire su una maggiore sostenibilità atta ad impedire il degrado e il consumo di materie prime".

"Nel territorio comunale - sottolinea - si sono affacciati all’orizzonte soltanto pallidi approcci al sistema di R.D., ma l’inadeguatezza e la mediocrità dei sistemi sperimentati nel recente passato ha contribuito solo a rendere i cittadini ancora più scettici e maldisposti nei confronti di un sistema poco efficiente e anche poco efficace il cui fallimento gestionale è rappresentato dalle percentuali citate da alcuni organi di stampa. Ma sono soltanto i numeri che possono confortarci sul fatto di come l’impegno profuso in un progetto che, oltre a riscattare la nostra città e i suoi abitanti, ci pone ad un alto livello di civiltà dove i comportamenti etici e responsabili sono al centro degli interessi comuni. A settembre del 2020 la Raccolta Differenziata è già salita ad un 39,32% di rifiuti riciclati. Risultato questo incrementabile nei mesi successivi con una previsione dell’oltre il 40% di Raccolta Differenziata per l’anno 2020. In base a questo andamento positivo possiamo sicuramente prevedere, con minimi scarti, che la R.D. alla fine del 2021 si attesterà sopra il 50% e raggiungerà la soglia del 65% nel corso del 2022. Dati ulteriormente particolareggiati provengono dalle zone del territorio comunale in cui si è avviata la raccolta domiciliare. Per la zona Partaccia/Alteta, la prima a partire il 5 marzo scorso, la raccolta differenziata si attesta sull’80% per le utenze domestiche e 60% utenze non domestiche. Ricortola: 78% utenze domestiche, 63% utenze non domestiche. Ronchi/Poveromo: 81% utenze domestiche 69% utenze non domestiche. Grandi risultati si sono ottenuti anche presso le utenze balneari che nei quattro mesi estivi hanno raggiunto l’apprezzabile quota del 70%. Non da meno i campeggi che, nei mesi di apertura da luglio a settembre, sono riusciti a differenziare il rifiuto del 61%. Percentuali, quindi, ragguardevoli per una tipologia di utenza, quella estiva, che sappiamo andare a gravare ulteriormente sul quantitativo di rifiuto indifferenziato prodotto. A corollario di quanto dichiarato e riconducibile alla tendenza al rialzo delle R.D. un dato significativo è quello della forte riduzione della raccolta indifferenziata (6.000 ton. in meno) pari o poco superiore ad un 16% rispetto all’anno 2019".

"Questi sono i numeri che ci interessano - conclude - e che Asmiu ha raggiunto in sintonia con un’amministrazione comunale che, in linea con i principi dello sviluppo sostenibile e tutela del territorio, ha consentito all’azienda di attuare una nuova gestione del rifiuto che, oltre ai traguardi raggiunti nella raccolta differenziata, incida sul decoro cittadino anche attraverso alla maggior consapevolezza raggiunta dai suoi abitanti".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 30 ottobre 2020, 23:31

Le voci della protesta

Nonostante la presenza del sindaco alla manifestazione di piazza Ingolstadt a Marina contro l'ultimo dpcm, non sono mancate le proteste da parte dei presenti nei confronti della scelta del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e l'insensatezza con cui viene giudicato il suo dpcm


venerdì, 30 ottobre 2020, 22:02

“Non pagheremo questo secondo lockdown”: in cento in piazza Aranci

Imprenditori, ristoratori, istruttori, insegnanti, operatori sanitari, genitori: cittadini perplessi sull’evolversi della pandemia e soprattutto sulle misure messe in atto per contrastarla


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 30 ottobre 2020, 20:49

Lutto nel mondo della scuola: è mancato il professor Luigi Sebastiani

Originario di Aulla, sessantottenne, il professor Sebastiani è stato insegnante di scienze giuridiche  e poi apprezzato preside dell’alberghiero Minuto a Marina di Massa e di seguito all’Istituto Pacinotti di Bagnone in Lunigiana


venerdì, 30 ottobre 2020, 20:23

Anche Carrara scende in piazza: "Voi ci chiudete, voi pagate"

Così come in ogni altra piazza italiana, anche a Carrara arriva una piccola ma importante, pacifica e tranquilla ondata di protesta. In piazza Ingolstadt a Marina di Carrara si sono radunati questa sera in un centinaio circa tra cittadini ed esercenti. Foto e video


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 30 ottobre 2020, 17:22

Coronavirus, quasi mille nuovi positivi e cinque decessi: 93, 84, 77, 80 e 84 anni

In provincia di Massa Carrara due decessi e 168 nuovi contagi: Carrara 47, Massa 85, Montignoso 13, Aulla 7, Casola in Lunigiana 1, Comano 1, Filattiera 1, Fivizzano 1, Licciana Nardi 3, Podenzana 1, Pontremoli 1, Tresana 5, Villafranca in Lunigiana 2


venerdì, 30 ottobre 2020, 13:02

Smantellata centrale di spaccio: in carcere due magrebini e un nomade

Due misure di custodia cautelare in carcere a carico di altrettanti cittadini magrebini, senza fissa dimora in Italia, che gravitavano in alcune case abbandonate nella zona industriale a ridosso della zona dei campeggi a Marina di Massa, ed una terza nei confronti di un cittadino di origine nomade


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara