prenota

Anno 1°

mercoledì, 27 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Caporalato, arrestato un pakistano

giovedì, 14 gennaio 2021, 18:45

I militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro e del comando compagnia di Massa hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del cittadino pakistano Muhammad Asif Riaz, 36 anni, responsabile del reato di “caporalato”.

Tale attività, che ha portato inoltre all’esecuzione di numerose perquisizioni locali nelle province di Massa Carrara e Prato, è stata compiuta a conclusione dell’indagine denominata “Kebab Master”, svolta dai carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Massa Carrara, coordinati dal pubblico ministero dott.ssa Roberta Moramarco nell’ambito delle indagini a lei delegate dal Procuratore di Massa, dott. Piero Capizzoto.

Il Giudice delle Indagini Preliminari, accogliendo in pieno la richiesta della Procura della Repubblica, ha disposto altresì la misura cautelare del “Controllo giudiziario” nei confronti dell’arrestato e della sua connazionale A.T. di anni 32, indagata per il medesimo reato, rispettivamente titolari di due aziende di ristorazione che sfruttavano gli operai, ai sensi e per gli effetti dell’art. 3 della Legge 199/2016, misura che consente di rimuovere le condizioni di sfruttamento e di salvaguardare la posizione lavorativa delle maestranze.

Partendo da alcune segnalazioni da parte di cittadini ai carabinieri e all’Ispettorato del Lavoro di Carrara, i militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro hanno avviato una complessa indagine che ha reso possibile individuare una serie di condotte di sfruttamento, ai danni di sei lavoratori pakistani che venivano impiegati in attività commerciali di Massa e Montignoso

Gli stessi erano obbligati a lavorare 13 ore al giorno per 7 giorni a settimana durante tutto l’anno e percependo una remunerazione netta di 1,92 all’ora contro i 6 euro previsti e alcuni di essi a svolgere sempre turni notturni, senza alcun rispetto delle norme a tutela dei lavoratori e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Gli stessi dimoravano in locali angusti in un appartamento a Montignoso nella disponibilità di un indagato. Le vittime, costrette dalla necessità di inviare l’esigua retribuzione ai familiari in Pakistan soggiacevano quindi a condizioni di sfruttamento da parte dei due connazionali.

I carabinieri, per evidenziare la condotta dei 'caporali', per mesi, hanno effettuato servizi di osservazione e pedinamento ed acquisivano testimonianze dei lavoratori e di clienti, che hanno confermato le gravi condizioni di sfruttamento a cui erano assoggettati gli operai, in un regime di sopraffazione, messo in atto da altri connazionali.

L’odierno epilogo dimostra quanto sia importante segnalare alle autorità preposte ogni violazione in materia di lavoro. In tale settore l’Arma dei carabinieri, oltre alle ordinarie strutture presenti sul territorio (stazioni, Compagnie e Comandi Provinciali), può contare sul contributo dei Nuclei Carabinieri ispettorato del lavoro, reparti specializzati nel contrasto a tutte le violazioni in materia di lavoro, con particolare riguardo al fenomeno del “Caporalato” che, come numerose indagini hanno dimostrato, è tristemente diffuso su tutto il territorio nazionale e non solo nel settore dell’agricoltura.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 27 gennaio 2021, 00:25

Torna nella sua ex scuola dopo la maturità, ma come professore e all'età di 19 anni

Straordinaria vicenda all'agrario Arzelà di Sarzana. Davide Bongiorni, di Massa, si era appena diplomato, ma ha subito trovato lavoro nella sua ex scuola


martedì, 26 gennaio 2021, 14:10

L'altalena della pace di Carrara

Arte: l'altalena della pace di Carrara che si ispira altalena muro tra Usa e Messico piace ai vincitori Design of the Year 2020, gli architetti rispondono all'invito di Emma Castè


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 26 gennaio 2021, 14:02

Successo per la videoconferenza del professor Carlo Castagna

Grande entusiasmo e partecipazione lunedì sera per gli associati della Sezione Aia "Lazzarotti" di Carrara, durante la riunione plenaria organizzata in videoconferenza che ha visto come relatore il professor Carlo Castagna, metodologo di allenamento Aia, preparatore atletico degli arbitri di Serie A e B e consulente FIFA


martedì, 26 gennaio 2021, 13:56

Finisce in carcere il truffatore dei gruppi religiosi

Gli uomini della squadra mobile hanno condotto in carcere il truffatore dei gruppi religiosi, già agli arresti domiciliari nell’ambito dello svolgimento dell’operazione “Verum Est”


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 26 gennaio 2021, 13:53

Movida a Marina di Carrara, daspo “Willy” per cinque giovani

Nei giorni scorsi, gli agenti del commissariato di Carrara hanno proceduto alla notifica di cinque avvii di procedimento finalizzati all’irrogazione del cd. “Daspo Willy” ad altrettanti giovani resisi responsabili di episodi violenti nella zona movida a Marina di Carrara


lunedì, 25 gennaio 2021, 20:48

E' morto Piero Panesi, il dolore e la vicinanza di Italia Nostra

All'amico scomparso vada il saluto di tutti i soci di Italia Nostra che l’hanno conosciuto e apprezzato, alla moglie e ai famigliari l’orgoglio di una importante testimonianza di vita. I funerali martedì 26 gennaio alle 14,40 nella chiesa di San Sebastiano a Massa


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara