prenota

Anno VIII

venerdì, 24 settembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Eutanasia, caso Trentini: al via il processo in corte d'appello

venerdì, 19 febbraio 2021, 16:31

Si terrà il 28 aprile alle ore 9.30 presso la Corte d'Assise d'Appello di Genova la prima udienza del cosiddetto "Processo Trentini" davanti ai giudici di secondo grado, chiamati a giudicare a seguito dell'impugnazione della sentenza di assoluzione degli imputati Marco Cappato e Mina Welby pronunciata dai Giudici della Corte di Assise di Massa.

"Il reato contestato a Welby e Cappato - rispettivamente co-Presidente e Tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni, la realtà attiva a livello internazionale a tutela del diritto alla Salute, alla Scienza e all'autodeterminazione - era l'aiuto al suicidio offerto a Davide Trentini, il 53 enne, da 30 malato di sclerosi multipla, che nell'aprile del 2017 decise di metter fine alle insopportabili sofferenze in Svizzera" si legge nel comunicato dell'Associazione Luca Coscioni, realtà attiva nella tutela del diritto alla scienza e alla salute.

"Il 27 luglio 2020, infatti - prosegue il comunicato -, Marco Cappato e Mina Welby furono assolti dalla Corte di Assise di Massa "dal reato a loro ascritto (istigazione e aiuto al suicidio di Davide Trentini , ndr) perché il fatto non sussiste quanto alla condotta di rafforzamento del proposito di suicidio e perché il fatto non costituisce reato quanto alla condotta di agevolazione dell'esecuzione del suicidio". La Corte evidenziò che il requisito dei "trattamenti di sostegno vitale", indicato dai Giudici della Corte Costituzionale con la sentenza 242/19, non significa necessariamente ed esclusivamente dipendenza "da una macchina", ma si riferisce a qualsiasi tipo di trattamento sanitario, sia esso realizzato con terapie farmaceutiche o con l'assistenza di personale medico o paramedico o con l'ausilio di macchinari medici, compresi anche la nutrizione e idratazione artificiali".

"La Corte - prosegue la nota - ha chiarito nella sentenza che il trattamento di sostegno vitale è e 'deve intendersi qualsiasi trattamento sanitario interrompendo il quale si verificherebbe la morte del malato anche in maniera non rapida (Cf pag. 31 sentenza)". Ad ottobre 2020, poi, il PM di Massa aveva deciso di ricorrere in Appello contro l'assoluzione".

"Ribadiamo ancora una volta che la grave responsabilità è tutta del Parlamento italiano che non ha ancora dato riscontro ai due richiami della Corte Costituzionale. Da parte nostra, rifaremmo quanto abbiamo fatto per aiutare Davide, e siamo pronti a rifarlo con altri malati nelle stesse condizioni quando sarà necessario, anche se il prezzo da pagare dovesse un giorno essere quello di finire in carcere." così Marco Cappato e Mina Welby.

"Intanto - prosegue il comunicato stampa - nel corso del Consiglio Generale dell'Associazione Luca Coscioni, in programma domani sabato 20 febbraio dalle ore 10 (in diretta sulle pagine facebook e You Tube uffiiciali) verranno resi noti i dettagli della storia e dell'assistenza legale che l'associazione sta offrendo a Mario (nome di fantasia) di 42 anni. Da dieci è costretto a letto, tetraplegico, in condizioni irreversibili, a causa di un grave incidente stradale che ne ha provocato la frattura della colonna vertebrale con la conseguente lesione del midollo spinale e altre gravi patologie. Mario ha provato tutto il possibile per recuperare parte della sua salute, ma nulla è servito e ora dipende totalmente dall'assistenza, costretto a vivere una vita che non ritiene più dignitosa. Alla sua richiesta all'azienda locale del Servizio Sanitario Nazionale della sua regione, di poter porre fine alle proprie sofferenze, ha ricevuto, dopo oltre un mese, un diniego senza che neppure fossero state effettuate le verifiche sulle sue condizioni come previsto dalla Corte Costituzionale.

Quella ricevuta da parte della Asl è una risposta in netto contrasto con quanto stabilito dalla sentenza numero 242\2019 della Corte Costituzionale (cosiddetto "Caso Cappato"), che, con valore di legge, stabilisce dei passaggi specifici per tutti quei pazienti affetti da patologie irreversibili che in determinate condizioni, possono far richiesta di porre fine alle proprie sofferenze, attraverso un iter tramite SSN.

Mario -assistito dai legali dell'Associazione Luca Coscioni- ha presentato ricorso contro il diniego ricevuto dall'azienda sanitaria locale, con l'obiettivo di vedere riconosciuto il diritto ad ottenere aiuto al suicidio senza che lo stesso costituisca reato ai sensi dell'art. 580 cp".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 24 settembre 2021, 13:40

Scoperta piantagione di marijuana a Marina di Massa: denunciato 55enne

Sono state trovate una ventina di piante ad alto fusto di marijuana, per un peso complessivo di circa settanta chili, in piena infiorescenza ed stata sequestrata inoltre sostanza stupefacente per un totale di cinque chilogrammi.


venerdì, 24 settembre 2021, 13:19

Maltratta e perseguita la ex moglie: arrestato 49enne massese

L’uomo si è reso protagonista di diverse condotte vessatorie e moleste nei confronti della ex moglie, consistite nell’indebito monitoraggio di tutti gli spostamenti della donna, spesso culminate con vere e proprie aggressioni sia fisiche che verbali


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 24 settembre 2021, 11:09

In uscita "L’estate corsa", ultimo romanzo di Francesco Forlani

Uscirà in libreria il 7 ottobre L’estate corsa (Felici Editore, Collana Quetzal a cura di Associazione Qulture, pagg. 160), l’ultimo romanzo del poeta, traduttore e “agitatore culturale” Francesco Forlani


venerdì, 24 settembre 2021, 10:11

Assunzioni infermieri bloccate, proclamato stato di agitazione

Da tempo Nursind denuncia profonde lacune nell’organico del sistema regionale toscano, stimate in almeno 3 mila infermieri in meno rispetto a quanto sarebbe raccomandato per assicurare gli standard del servizio


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 22 settembre 2021, 17:04

Pedopornografia: in manette pensionato a Carrara ed egiziano a Firenze

Un arresto a Carrara per un uomo di cittadinanza italiana, originario di Foggia, e un arresto a Firenze per un cittadino egiziano, in Italia con regolare permesso: è questo il risultato dell'operazione 'Green Ocean'


mercoledì, 22 settembre 2021, 14:48

Picchia e perseguita la moglie: arrestato marocchino

Un 23enne di origini marocchine è stato tratto in arresto dai carabinieri della stazione di Massa per aver ripetutamente perseguitato e malmenato la moglie italiana


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara