prenota

Anno VIII

giovedì, 6 maggio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Semina il panico sotto effetto di alcol e droga: in carcere libico pregiudicato

lunedì, 29 marzo 2021, 19:49

La vicenda risale al pomeriggio di sabato 20 marzo, quando alla centrale operativa dei carabinieri sono giunte le telefonate dei residenti in Via Filattiera, nel quartiere di Avenza, che hanno chiesto l’immediato intervento di una pattuglia perché c’era un uomo che aveva dato in escandescenze e stava cercando di entrare con la forza dentro il giardino di un’abitazione. L’esagitato ce l’aveva soprattutto con il padrone di casa, che dopo averlo sentito urlare a squarciagola vicino casa sua, credendolo ubriaco gli aveva semplicemente chiesto di allontanarsi, scatenando in quell’uomo una furia incontenibile. Dopo aver provato più volte a scavalcare la recinzione del giardino, ad un certo punto lo sconosciuto aveva afferrato una tavola da ponteggio che si trovava a pochi passi dall’abitazione e l’aveva usata come ariete per cercare di abbattere il cancello, suscitando il panico generale.

I carabinieri del radiomobile di Carrara lo avevano poi subito riconosciuto appena arrivati sul posto, trattandosi di un noto pregiudicato 32enne di origine libica che abita ad Avenza da parecchio tempo e lavora nel settore lapideo. Lo straniero, R.C. le sue iniziali, alla vista dei carabinieri aveva reagito molto male, tant’è che era finito in manette per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento dell’autoradio dell’Arma. Durante le fasi dell’arresto, aveva pronunciato minacce di vario tipo anche all’indirizzo dei residenti di via Filattiera che stavano assistendo sbalorditi alla scena da “Far West” che quell’uomo fuori controllo aveva scatenato in strada. Come se non bastasse,l’extracomunitario pure in caserma aveva continuato ad avere un atteggiamento violento verso chiunque tentasse di avvicinarsi per farlo ragionare, compresi i sanitari del 118 che valutata la gravità del suo stato di alterazione, lo avevano portato in ospedale a Massa, ma anche lì aveva creato grande scompiglio, infatti ci sono voluti tre giorni di ricovero e di terapia farmacologica per smaltire il devastante cocktail di cocaina e alcol etilico che gli aveva fatto perdere la ragione.

Dopo essersi ripreso dalla sbornia condita da stupefacenti, lo straniero, che annovera molti precedenti penali per reati di natura violenta, alla fine era stato sottoposto ai domiciliari con il braccialetto elettronico, provvedimento ritenuto dal giudice Dario Berrino indispensabile per tutelare la collettività e contenere l’indole violenta dell’indagato, che nell’ordinanza del Tribunale è stato definito una “mina vagante pronta a deflagare al primo stimolo”, con una “propensione delinquenziale assai radicata” che è diventata “un vero e proprio stile di vita”. Anche ai domiciliari, però, il 32enne non ne ha voluto sapere di comportarsi bene, infatti sin dal primo giorno ha creato dei problemi alle pattuglie che lo andavano a controllare a casa, lasciandosi andare anche a qualche parola di troppo. Per questo motivo, lo stesso giudice che lo aveva messo ai domiciliari, appena ha saputo dai carabinieri che la musica non era cambiata, ha ordinato di portarlo in carcere.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 6 maggio 2021, 18:51

Illeciti ambientali, operazione Onda Blu: a Massarosa la porcata più grossa

Si è appena conclusa, sotto il coordinamento della direzione marittima della Toscana, un’operazione complessa ambientale, iniziata il 7 aprile, denominata “Onda blu” che ha visto la partecipazione di tutti i comandi territoriali della Toscana


giovedì, 6 maggio 2021, 15:02

Arrestati i responsabili dei furti nelle scuole

Gli arrestati, V.A. – 39 enne – con numerosi precedenti specifici per reati contro il patrimonio e la sua compagna P.M. – 27 enne –, dal mese di febbraio scorso si erano introdotti in diversi istituti forzando porte e finestre mediante arnesi da scasso


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 5 maggio 2021, 21:26

Marina, residenti allo stremo: Stefanini chiede al sindaco di ascoltare, una volta per tutte, il suo 'cahier des doléances'

Per il momento la situazione è tranquilla in zona movida a Marina di Carrara, ma la paura è che nel momento di una riapertura si scateni nuovamente l'inferno già visto l'estate scorsa. Da qui, l'esigenza di scrivere una pec al sindaco da parte di Gino Stefanini, presidente del Comitato Zona...


mercoledì, 5 maggio 2021, 21:16

Scuola Fossola Gentili in lutto: è morta improvvisamente la maestra Maria Teresa Provenzano

L'istituto comprensivo Fossola Gentili nella persona del dirigente scolastico dottoressa Silvestra Vinciguerra e di tutto il personale docente, comunica con grande dolore l'improvvisa e prematura scomparsa della maestra Maria Teresa Provenzano


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 5 maggio 2021, 14:48

Aziende di Massa-Carrara al collasso: "Servono risposte urgenti dalle istituzioni"

Lunedì 10 maggio nuovo incontro tra Tni Italia, Regione Toscana e i comuni di Massa, Carrara e Montignoso. Appuntamento alle 14.30 al ristorante Il Baraccone a Massa


mercoledì, 5 maggio 2021, 13:04

Le prime sette botteghe storiche di Massa: assegnati i riconoscimenti

L’amministrazione comunale iscrive nell’Albo delle botteghe storiche le prime sette attività tra le più longeve della città


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara