prenota

Anno VIII

martedì, 27 luglio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca : carrara

Ennesimo femminicidio: maghrebino accoltella la giovane moglie

domenica, 13 giugno 2021, 10:25

di aldo grandi

Una storia terribile, un omicidio avvenuto a colpi di coltello uno dei quali, alla gola, ha sprofondato la povera vittima in un lago di sangue al punto che nemmeno i carabinieri o i medici intervenuti sono stati in grado di appurare quanti colpi le erano stati inferti dall'ex marito.

Alessandra Piga, 25 anni, sarda, madre di un bambino di due anni avuto dal suo assassino, è morta così, senza una ragione e vittima di una bestiale violenza che sembrerebbe trovare la sua causa in un litigio scoppiato non appena aveva rimesso piede all'interno dell'abitazione di Castelnuovo Magra dove la coppia aveva vissuto trasferendosi da Carrara e dove continuava a vivere l'ex marito, Yassine Erroum, 30 anni ad ottobre, con cui si era sposata appena due anni fa.

Non era la prima volta che la coppia si era separata per qualche tempo, anzi. Le ripetute liti avevano spinto la donna a rientrare, con il bambino, nella sua casa di Carrara. I carabinieri del nucleo investigativo del reparto operativo di La Spezia stanno cercando di ricostruire le ultime ore della vittima a cominciare dal tentativo di comprendere per quale ragione fosse tornata, sia pure scortata da due amiche e dal bimbo, nella casa dell'ex marito.

La famiglia aveva problemi di natura economica, entrambi, infatti, non avevano un lavoro stabile. C'era, inoltre, il problema relativo alla corresponsione degli alimenti da parte del padre oltre alla gestione del piccolo. Comunque sia nessuno poteva immaginare che cosa sarebbe accaduto di lì a poco nella casa della coppia a Castelnuovo Magra, anche perché non c'erano mai stati episodi particolari che avevano richiesto l'intervento delle forze di polizia. Mai una denuncia, una richiesta d'aiuto o di intervento, una segnalazione dai vicini di casa. L'assassino non aveva precedenti penali per i quali aveva ricevuto sentenze passate in giudicato, ma era, comunque, noto alle forze dell'ordine per alcune denunce relative alla detenzione di sostanze stupefacenti.

Secondo una prima, sommaria ricostruzione dei fatti, la vittima, in compagnia delle due amiche e del figlioletto sarebbe partita da Carrara per raggiungere Castelnuovo Magra e, qui, sarebbe entrata, con l'amica e il bimbo e mentre l'altra aspettava in auto, nella casa dove aveva abitato fino a pochi mesi fa con l'ex marito. 

Ad un certo punto è divampata la lite e, alle prime grida, l'amica ha pensato bene di chiudersi in bagno con il bimbo. Quando è scattato l'allarme, sul posto sono arrivati sia i carabinieri della locale stazione sia i vigili del fuoco poiché l'uomo si era barricato in casa e non ne voleva sapere di uscire o di aprire la porta. Dopo alcuni tentativi andati a vuoto, i carabinieri, in assetto specifico con tanto di protezioni, hanno sfondato l'uscio di casa con l'ausilio dei pompieri e, una volta dentro, dopo aver fatto uscire il bimbo con l'amica della vittima, hanno spruzzato spray al peperoncino per far uscire l'uomo che, al contrario, ha continuato a restare nascosto. A quel punto i carabinieri sono entrati di forza e si sono gettati sul maghrebino che, ancora impugnando il coltello, ha sferrato fendenti a destra e a manca ferendo tre militari che, infatti, sono stati medicati al pronto soccorso per ferite, fortunatamente, non gravi.

Alla fine il marocchino è stato immobilizzato. Nei suoi confronti l'autorità giudiziaria procede per omicidio volontario aggravato e per lesioni personali gravi.

Il sindaco di Maracalagonis, paese di origine della vittima, Francesca Fadda, ha espresso il suo profondo dolore per la scomparsa, essendo i familiari della vittima, persone molto conosciute nella cittadina sarda: il padre è un ex finanziere e la madre casalinga e Alessandra era la loro unica figlia. Sulla loro vita di coppia ovviamente nulla si sapeva, ma quello che adesso preme al sindaco e alla comunità, è la tutela del piccolo.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cronaca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 27 luglio 2021, 20:51

Protesta il personale di Master srl: "Rumori e polvere non ci permettono di lavorare"

I dipendenti della Master srl, la società posseduta dal comune deputata alla riscossione dei tributi e delle entrate patrimoniali, sono molestati da rumori di martelli pneumatici e relative polveri da più di un mese


martedì, 27 luglio 2021, 10:50

Il Parco inaugura il "Lapidarium Apuanum" ad Equi Terme: "la storia scritta sul marmo"

È una piccola collezione archeologica di blocchi e semilavorati di marmo, che ripercorrono quasi duemila anni di storia, dall'età romana fino ai giorni nostri


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 26 luglio 2021, 13:51

In casa e nell’orto custodiva un arsenale da guerra: arrestato 57enne di Avenza

Scoperto un vero e proprio museo di residuati bellici della Seconda Guerra Mondiale a casa di un 57enne di Avenza che li teneva in bella mostra nella camera da letto, dove è stata trovata anche una scorta di marijuana insieme a un’ingente quantità di materiale scaricato dalla rete relativo alla...


lunedì, 26 luglio 2021, 10:20

Inaugurata panchina rossa contro la violenza di genere

E’ stata come una festa di paese l’inaugurazione della panchina rossa contro la violenza di genere: Pariana ha accolto con entusiasmo l’iniziativa voluta dalla locale Compagnia Maggian Cantando, su richiesta di Ida Angeloni


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 25 luglio 2021, 15:12

Anche Massa... disobbedisce: "Libertà!"

Così come a Lucca, anche a Massa una folla di persone si è riversata in piazza al grido di 'libertà!' per ribellarsi alla dittatura del virus. Foto


domenica, 25 luglio 2021, 13:03

Alpinismo lento, belle avventure nel post-pandemia

In questi giorni una composita rappresentanza dell’associazione Mangia Trekking, ha portato a compimento una interessante attività sui crinali delle montagne


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara