Anno XI 
Sabato 3 Dicembre 2022
 - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da Redazione
Cronaca
21 Novembre 2022

Visite: 168

Dopo Unione Popolare,  anche Presidio Apuane Gruppo d’Intervento Giuridico odv interviene sull’emergenza idrica che sta coinvolgendo gli abitanti di Forno rimasti senza acqua potabile.

Secondo l’amministrazione di Massa si tratta solo di un disservizio momentaneo e lo stesso sindaco Persiani ha dichiarato che si tratta di un problema non dipendente dal comune.

Dai movimenti e associazioni ambientaliste, fanno invece sapere che queste problematiche, compreso anche la torbidità delle sorgenti, non dipende dalla pioggia, ma dai fanghi di lavorazione delle cave.

Alberto Grossi,referente Presidio Apuane Gruppo d’Intervento Giuridico odv, interviene in una nota sulla questione affermando “Per meglio comprendere quanto accaduto, occorre riportare qualche dato significativo, come il primato del Frigido di sorgente idropotabile più potente della Toscana, grazie alla sua portata media di 1500 litri al secondo. Questo accade perché le Alpi Apuane nascondono un complesso carsico molto diffuso che porta alla sorgente di Forno anche le precipitazioni dei contigui bacini imbriferi di Minucciano e Vagli. Ne è prova, tra le tante, l’eccezionale coefficiente di deflusso che vede il Frigido portare al mare il doppio delle precipitazioni che avvengono nel proprio bacino idrografico (coefficiente di deflusso pari a due)”.

“I cittadini più informati  - continua Grossi – sanno del fenomeno di intorbidamento delle sorgenti perché hanno visto i fiumi imbiancati di marmettola, perché hanno visto le bollette di GAIA gonfiate dai costi di potabilizzazione dell’acqua del Cartaro, perché hanno letto il report di ARPAT nel quale si afferma che le prescrizioni per tutelare la risorsa idrica vengono puntualmente disattese dalle attività estrattive tanto che i controlli su 113 cave hanno portato a 85 sanzioni amministrative e 80 comunicazioni di reato alla Procura della Repubblica.

Anche i turisti conoscono il fenomeno dei fanghi di cava per averli visti arrivare fino sotto gli ombrelloni o per timore che il Frigido tracimi e allaghi le loro residenze estive a causa dell’ingombrante presenza dei detriti che fanno scorrere il fiume qualche metro più in alto del suo alveo”.

 “Se poi – afferma alberto Grossi – si volesse  approfondire anche l’argomento delle forti piogge si sa che queste sono da tempo un fatto ricorrente e ciò dovrebbe indurre tutti ad atteggiamenti prudenti e l’amministratore pubblico a porre attenzione ai problemi ambientali e a risolverli, soprattutto nei territori fragili come quelli montani dove, disgraziatamente, si privilegiano le attività estrattive che favoriscono pochi e distruggono la montagna, compromettono le finanze pubbliche e l’assetto del territorio, devastano i corsi idrici superficiali, portano alla rovina gli acquiferi sotterranei e le sorgenti d’acqua, un bene comune che riguarda l’intera collettività, non escluse la città, la marina, il sottosuolo, il futuro ed è diritto umano fondamentale e universale. La colpa dell’inquinamento delle sorgenti non è quindi dei cittadini né delle piogge bensì delle attività estrattive e di chi le protegge, magari con affermazioni ambigue o in altro modo. Se tutto ciò non si conosce si è ignoranti  - conclude Grossi –e si può concedere che «il problema non dipende da noi», ma se lo si sa si dimostra disinteresse per la città e compiacenza verso il potere del settore lapideo”.

 

 

 

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

A novembre, con tanto di conferenza stampa a Marina di Massa l’amministrazione comunale ha inaugurato un appartamento e l’intera…

La Regione Toscana ha disposto misure di immediato sostegno a favore di famiglie e attività economiche e produttive colpite dagli…

Spazio disponibilie

"La Regione quali soluzioni intende attuare nel breve periodo per risolvere l'emergenza marmettola? Serve una soluzione che non comporti costi…

Una perturbazione interesserà la Toscana a partire dalla serata di oggi, venerdì 2 dicembre e per il fine settimana. A…

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Quando si ha necessità di assumere un lavoratore domestico, è importante valutare con attenzione tutta una serie di aspetti…

Il viaggio dentro la tempesta (Helicon editore) è il titolo dell’ultima fatica letteraria della nostra collega, scrittrice, Angela…

L'incontro previsto per il giorno 1 dicembre con titolo 'La povertà di nuovo emergenza sociale' è stato rinviato al giorno…

Spazio disponibilie

A margine della mostra pittorica di Stefano Carlo Vecoli "COLORE e FORMA, tra Sogno e Realtà", dopo il grande successo…

L'amministrazione - è scritto in una nota - come promesso dallo stesso sindaco Francesco Persiani, si è già attivata per…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie