prenota

Anno 1°

lunedì, 24 settembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

L’Accademia di Belle Arti di Carrara affascina il segretario generale del Mibact e il team di Art Bonus

martedì, 13 marzo 2018, 16:32

di vinicia tesconi

“Sono profondamente colpita dalla straordinaria bellezza e ricchezza dell’Accademia di Belle Arti di Carrara che non conoscevo. Non ha nulla di meno rispetto all’Accademia  di Brera. Ci sono statue, dipinti, arte antica e medievale e poi settecentesca e ottocentesca. C’è il castello e il Palazzo e poi la scuola per gli studenti in mezzo a questi immensi tesori dell’arte e il tutto custodito e gestito con grande cura. E’ davvero un’istituzione molto importante.” L’architetto Carla di Francesco, segretario generale del Ministero per i beni culturali, non ha celato l’entusiasmo durante la visita guidata nelle sale dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, avvenuta poco prima dell’inizio della cerimonia di premiazione per il Progetto Art Bonus, che era il motivo che l’ha portata a Carrara. Un fascino indiscusso, quello dell’Accademia, che hanno subito anche Carolina Botti direttore centrale di Ales e Francesca Velani , presidente di Lubec, partner del concorso Art Bonus, che hanno accompagnato la dottoressa Di Francesco nella visita e nella premiazione.

Il presidente dell’Accademia di Carrara, Giancarlo Casani, ha aperto la cerimonia di premiazione, che si è tenuta nell’aula magna, rinnovando i ringraziamenti a tutti i protagonisti del progetto di restauro della Sala Marmi che è valso la vittoria del premio: “Un grazie particolare va all’architetto Paolo Camaiora che è quello che ha avuto l’idea del restauro ed anche di concorrere all’Art Bonus. Si è speso tantissimo per riuscire a trovare i mecenati che lo finanziassero e poi per realizzarlo, arrivando fino a fare alcuni restauri in prima persona. Grazie al direttore dell’Accademia Luciano Massari con il quale abbiamo costitutito il nuovo team del quale il progetto Art Bonus è il primo intervento importante. La cosa più importante è il connubio tra l’Accademia e le forze esterne che segue un’idea che inseguor fortemente e cioè che l’Accademia si riappropri del territorio e che il territorio si riappropri dell’Accademia. E infatti il progetto sviluppato dall’architetto Camaiora ha trovato nel professor Carlo Sassetti, docente interno e nella sua classe di restauro dei validi aiutanti nella sua realizzazione. Questa vittoria è il perfetto coronamento di un grande impegno  ed è stata davvero la vittoria di Davide contro Golia. A concorrere contro di noi c’erano alcune tra le più celebri opere architettoniche italiane ed era davvero difficile pensare di riuscire a vincere. Ma ce l’abbiamo fatta. Questo ci conforta nella scelta di puntare ad essere un’Accademia di serie A.

Presenti alla cerimonia sia il sindaco di Carrara Francesco de Pasquale e il prefetto della provincia di Massa Carrara, Enrico Ricci. “ Importantissimo è il valore della promozione al mecenatismo, come avviene nel premio Art Bonus perché permette il recupero dell’immenso patrimonio italiano d’arte e cultura andando incontro alle risorse sempre più esigue del pubblico.

“Come amministrazione – ha detto De Pasquale – noi sosterremo l’Accademia di Belle Arti. Il premio Art Bonus di oggi va a fare il paio con il riconoscimento di Carrara come città patrimonio dell’Unesco per la lavorazione tradizionale del marmo e consacra sempre più la città come luogo in cui la creatività trova un humus fertile che attira e nutre moltissimi artisti.”

Il direttore Massari ha voluto ricordare che la vittoria è stata ottenuta con i click dei cittadini carraresi che hanno votato in massa il progetto legato alla propria città e lo ha interpretato come segnale importante di rinascita e riappropriazione delle bellezze artistiche della città. Carolina Botti ha invece spiegato il meccanismo del premio Art Bonus che prevede  un credito di imposta del 65 per cento che punta esclusivamente a stimolare il mecenatismo: “ Il premio Art Bonus si connota sempre di più come fenomeno culturale e sociale e per questo il ministero ha scelto Ales per il marketing e la promozione del concorso e di altre iniziative sui social. E il meccanismo che c’è alla base funziona perché si basa su due pilastri fondamentali: la trasparenza riguardo alle donazioni dei mecenatie la semplicità perché ha abbattuto ogni impaccio burocratico e risolve la partecipazione con un semplice bonifico.”

Per la presidente di Lubec, Francesca Velani l’Accademia di Carrara è un luogo straordinario nel quale si sovrappongono e stratificano tradizioni culturali da secoli : “ E’ l’esempio perfetto per un premio come Art Bonus perché si colloca al centro nel rapporto tra pubblico e privato attraverso la partecipazione.” La Velani ha anche suggerito un nuovo progetto da proporre al concorso e cioè la digitalizzazione della biblioteca dell’Accademia.

Il segretario generale Di Francesco ha voluto citare la Convenzione Quadro sul Valore del Patrimonio Culturale per la Società: “La convenzione definisce il patrimonio culturale come un’insieme di risorse ereditate dal passato che, indipendentemente da chi ne detenga la proprietà, come riflesso ed espressione dei loro valori, credenze, conoscenze e tradizioni costantemente in evoluzione .Nella Convenzione si cerca di dare una definizione omnincomprensiva del concetto di patrimonio culturale che comprenda sia l’aspetto materiale che immateriale, una volontà che si collega con la necessità degli individui di identificarsi con il patrimonio culturale in accordo con il diritto di ognuno a partecipare alla vita culturale, così come definito nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.” ed haribadito che il marmo è il passato, il presente e il futuro nell’eredità artistica locale.

Al termine degli interventi degli ospiti la Di Francesco ha premiato tutti i mecenati che hanno sostenuto il progetto di restauro della marmoteca ed ha consegnato una targa a Sergio Mancin, Franco Barattini, Ernesto, Grassi, Agostino Pocai, Maria Teresa Telara, Elisabetta Figaia, Paolo Costa, Andrea Dell’amico. Al termine della premiazione tutti gli ospiti hanno potuto visitare la Sala dei Marmi nella quale l’architetto Paolo Camaiora ha spiegato sia la storia della marmoteca sia le fasi del restauro.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


esedra-liceo-internazionale


prenota


prenota


Banca dinamica Carismi


Franco Mare


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cultura


lagazzetta spazio pubblicità


lunedì, 24 settembre 2018, 14:18

Università del Tempo Libero: c'è tempo fino al 10 ottobre per presentare le domande

Università del Tempo Libero: pubblicato un avviso pubblico per la formazione di liste di accreditamento per il conferimento di incarichi professionali relativi alle attività didattiche. Le domande devono essere presentate entro il 10 ottobre


domenica, 23 settembre 2018, 15:31

A Villa Cuturi un secondo seminario dedicato agli over 60

Sta andando avanti il progetto dal titolo “Abbi cura di te: tre settimane di iniziative gratuite dedicate agli over 60” organizzato da La Casa sull’Albero – C’Entro Così Per Gioco (sita in Via Marina Vecchia, 163), in collaborazione con lo Studio Radiologico Mergoni.Sono ancora molti gli screening clinici e gli...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 23 settembre 2018, 12:17

Gran ballo ottocentesco a Villa Dosi Delfini

Nel pomeriggio di sabato 13 ottobre, il fascino e il romanticismo dell' 800 rivivranno nello splendido salone affrescato di Villa Dosi Delfini, con il ballo presentato dai danzatori dell'associazione culturale “Società di Danza – Viareggio e Versilia”


sabato, 22 settembre 2018, 14:51

“Montagna per tutti”: la disabilità come valore, non impedimento

In piazza Alberica si è svolta la manifestazione organizzata dal CAI per festeggiare i suoi 130 anni di attività, dal 1888 al 2018. Alla guida di quest’iniziativa il suo presidente Luigi Vignale, che ha messo in luce le mille sfaccettature della montagna


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 21 settembre 2018, 14:40

“Donne si nasce, assertive si diventa”, tre incontri tra settembre e ottobre

“Donne si nasce, assertive si diventa” è il progetto portato avanti da Aspic, una scuola superiore europea di counseling professionale, che in occasione dei suoi 30 anni di attività, con il patrocinio del comune di Carrara, offre la possibilità di partecipare a tre incontri di emancipazione e valorizzazione delle risorse...


mercoledì, 19 settembre 2018, 08:59

Le Stelle variabili

Venerdì, 21 settembre, l'incontro settimanale alle ore 21:15 presso il planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara, partirà dal tema "Le Stelle variabili"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara