prenota

Anno 1°

venerdì, 30 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

Giovanna Casolla accende il pubblico di Marmo all’opera

domenica, 5 maggio 2019, 19:59

di vinicia tesconi

C’era tutto nell’evento “ Marmo all’Opera – Il melodramma nei luoghi del marmo” giunto quest’anno alla sua seconda edizione, organizzato dal circolo “Amici della lirica A. Mercuriali” con il comune di Carrara.

C’era una location strepitosa – la sede della MarmiCarrara a Nazzano – un capannone antico, perfettamente restaurato, trasformato in showroom con vocazione a sala eventi, perfetto, con le sue quinte e i suoi fondali di lastre di marmo a far da scenografia al palco sul quale è avvenuta la performance.

C’era il pubblico, tantissimo, da costringere gli organizzatori a dover fermare le vendite dei biglietti e a lasciar fuori comitive intere di appassionati. Ma soprattutto un pubblico colto e preparato, vero conoscitore di lirica: il miglior pubblico di Carrara, quello che porta avanti una passione profonda che ha radici quasi contemporanee alla nascita del melodramma. La passione per il bel canto, trasversale, da sempre, alle classi sociali di Carrara, che fece allibire Charles Dickens, a metà ottocento, quando scoprì, nel teatro Animosi, “bellissimo teatrino costruito in marmo”, che il coro era formato da “ cavatori che non conoscono una nota musicale e cantano interamente a orecchio” in maniera tutt’altro che sgradevole.

C’erano anche i turisti, o meglio, il pubblico di appassionati della lirica venuti da fuori città: da Lucca, da Pietrasanta, da Parma, da Carpi. Segno che esiste un modo bello ed efficace per attirare turismo in città.

C’erano i giovani, anzi i giovanissimi: gli studenti della scuola media a indirizzo musicale Arturo Dazzi, che hanno aperto il concerto dando un’ottima prova, sotto l’abile guida dei loro insegnanti, sia dell’orchestra, formata da violini, chitarre, flauti e tastiere, sia del coro, con l’Inno alla gioia prima e poi il Coro muto tratto da Madama Butterfly. Una testimonianza importante dell’eccellenza scolastica che esiste a Carrara ed anche della presenza di una generazione capace di appassionarsi alla cultura e di impegnarsi per coltivarla.

C’erano tre cantanti di altissimo livello: il basso Luca Tittoto, il baritono Giuseppe Altomare e il tenore Amadi Lagha che hanno riscosso moltissimi appalusi dal pubblico insieme al Maestro Maurizio Iaccarino che con grande sapienza ha accompagnato al pianoforte tutti i pezzi cantati dagli artisti.

C’era un presentatore perfetto nei tempi e nelle introduzioni alle varie arie in programma: Carlo Menconi, presidente degli “Amici della Lirica di Carrara” che ha contribuito a rendere ancora più apprezzabili le romanze cantate spiegandone l’origine e la trama.

C’era, infine e soprattutto, la voce strepitosa della guest star della manifestazione: la soprano Giovanna Casolla, che ha fatto vibrare le moltissime vetrate del capannone della MarmiCarrara ed ha deliziato il pubblico con il suo canto e la sua incredibile presenza scenica. Ancora una performance perfetta per l’artista napoletana che, al termine del concerto ha ribadito che tornerà a Carrara ad inaugurare l’ennesima riapertura degli Animosi, confidando che avvenga in tempi brevi: messaggio rivolto amichevolmente all’assessore alla cultura, Federica Forti, presente in sala.

Oltre due ore di spettacolo, sold out di pubblico e profusione di applausi per una vetrina nella quale Carrara tutta è apparsa col il suo abito migliore. Quello che dovrebbe indossare sempre.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cultura


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 28 ottobre 2020, 10:57

Garibaldi, Astoria e Il Nuovo: il cinema risponde con lo streaming

Ci troviamo nuovamente di fronte ad una situazione molto difficile per il nostro Paese in generale, e per il settore della cultura e del cinema in particolare


lunedì, 26 ottobre 2020, 20:25

Susan Bottici, una vita sui pattini raccontata nel suo libro "Otto ruote, una vita"

A pochi eletti capita nella vita, di iniziare un'attività sportiva o artistica da bambini, innamorarsene e portarla avanti fino all'età adulta, non solo, ma trasmetterla con passione anche alle nuove generazioni, dopo aver ottenuto successi gratificanti, ma anche dopo cadute, incidenti di percorso


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 25 ottobre 2020, 10:53

Il satiro delle Apuane Mezzacapra rappresentato dall'artista Nadine

Ruvide e sincere, le Alpi Apuane custodiscono molteplici segreti e ne rivelano – seppur soltanto una scheggia - a chi cerca di indagarli e interpretarli attraverso l'arte


venerdì, 23 ottobre 2020, 12:55

Presentata la raccolta antologica “Decameron 2020”: c'è anche la piccola Viola

La piccola Viola Della Pina, 9 anni, è la più giovane autrice del gruppo che ha presentato il suo racconto “Viola e la farfalla d’oro”


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 20 ottobre 2020, 09:53

La fotografa Cristina Maioglio tra i finalisti del contest di "Wiki Loves Monuments"

“Una foto non scattata è un ricordo che non c’è”: con questa frase e con uno dei suoi soliti mirabili scatti dedicati a Carrara, la “nostra” Cristina Maioglio, fotografa della Gazzetta di Massa Carrara, è stata inserita tra i finalisti del contest WikiLovesMonuments, il più grande e importante concorso fotografico...


martedì, 20 ottobre 2020, 09:21

Quarto appuntamento con "La grammatica della Fantasia"

"Signori architetti... Un poco di prato l'avete lasciato?" Si muove da questi versi di Gianni Rodari il prossimo appuntamento, previsto per venerdì 23 ottobre alle ore 18.00 presso la biblioteca S.Giampaoli di Massa


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara