prenota

Anno 1°

venerdì, 30 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

Torna a splendere l’Edicola dei Fantiscritti

giovedì, 18 luglio 2019, 09:54

Dopo alcuni mesi di paziente lavoro è ritornata al suo posto, nel cortile rinascimentale di palazzo Cybo-Malaspina sede dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, l’Edicola dei Fantiscritti.

Si tratta di un manufatto scultoreo del III secolo dopo Cristo  raffigurante Giove con Ercole e Bacco. Collocata nel 1863 nel cortile dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, l’edicola costituisce una testimonianza di arte Romana, oltre che essere un documento prezioso su quanti visitarono la cava che porta lo stesso nome ed apposero le loro firme sul monumento a ricordo imperituro.

Tra gli altri: Canova, Michelangelo, Gianbologna, oltre a viaggiatori del Grand Tour, come il conte Aleksandr Osterman- Tolstoi, emissario dello Zar per l’acquisto di opere d’arte, che lasciò la sua firma in caratteri cirillici. Rimasta per secoli alle intemperie all’interno di una cava l’edicola era già in cattive condizioni nel XIX secolo.

Il restauro effettuato dalla Professoressa Luana Brocani, docente di Restauro dei Materiali lapidei, con gli studenti del suo corso ha restituito una nuova leggibilità al manufatto.

“L’opera si presentava interamente ricoperta da una patina scura formata da uno strato superficiale di polvere, di discreto spessore, e sotto di esso uno strato più radicato di natura grassa che rendevano illeggibili molti nomi e date che testimoniano l’avvicendarsi di visitatori illustri fino al suo distacco dalla cava dei Fantiscritti e successiva collocazione all’interno dell’Accademia di Belle Arti di Carrara”- spiega Luana Brocani in una breve nota sul restauro.

“La pulitura è stata effettuata con la tecnica dell’impacco- prosegue Brocani-  che consiste in un impasto formato da polpa di cellulosa in ammonio carbonato che è stato applicato e lasciato agire per il tempo necessario; in seguito è stato rimosso con spatole e la superficie marmorea è stata risciacquata con acqua e spazzole. E’ stato inoltre rimossa una stuccatura che rendeva illeggibili le iscrizioni e in fase di riallestimento è stata sostituita con un raccordo più idoneo.”

Spiega il Direttore Massari: “ Il restauro portato avanti dalla Prof. Brocani è uno dei tanti interventi che stiamo realizzando per la conservazione e la valorizzazione delle nostre collezioni. In questi anni abbiamo recuperato le vetrate del Chini, abbiamo restaurato una serie di pitture murali, abbiamo riordinato il patrimonio librario antico. Per quanto riguarda l’edicola dei Fantiscritti era già in condizioni deplorevoli all’inizio dell’Ottocento, quando fu descritta da Giuseppe Antonio Guattani, un erudito antiquario romano accademico di San Luca. Il restauro che abbiamo eseguito in Accademia ci consente di avere una maggiore fruibilità dell’opera. Sono ricomparse nuove iscrizioni prima coperte e non escludo che in un futuro prossimo si possa intraprendere uno studio di questo singolare “libro dei visitatori”: sarebbe interessante identificare le firme non illustri e indagare sulle vite di coloro che le hanno lasciate”.

Oggi, ricollocata al proprio posto, l’edicola ha riacquistato un nuovo splendore e le iscrizioni sono pronte per raccontare una storia che attende di essere narrata.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cultura


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 28 ottobre 2020, 10:57

Garibaldi, Astoria e Il Nuovo: il cinema risponde con lo streaming

Ci troviamo nuovamente di fronte ad una situazione molto difficile per il nostro Paese in generale, e per il settore della cultura e del cinema in particolare


lunedì, 26 ottobre 2020, 20:25

Susan Bottici, una vita sui pattini raccontata nel suo libro "Otto ruote, una vita"

A pochi eletti capita nella vita, di iniziare un'attività sportiva o artistica da bambini, innamorarsene e portarla avanti fino all'età adulta, non solo, ma trasmetterla con passione anche alle nuove generazioni, dopo aver ottenuto successi gratificanti, ma anche dopo cadute, incidenti di percorso


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 25 ottobre 2020, 10:53

Il satiro delle Apuane Mezzacapra rappresentato dall'artista Nadine

Ruvide e sincere, le Alpi Apuane custodiscono molteplici segreti e ne rivelano – seppur soltanto una scheggia - a chi cerca di indagarli e interpretarli attraverso l'arte


venerdì, 23 ottobre 2020, 12:55

Presentata la raccolta antologica “Decameron 2020”: c'è anche la piccola Viola

La piccola Viola Della Pina, 9 anni, è la più giovane autrice del gruppo che ha presentato il suo racconto “Viola e la farfalla d’oro”


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 20 ottobre 2020, 09:53

La fotografa Cristina Maioglio tra i finalisti del contest di "Wiki Loves Monuments"

“Una foto non scattata è un ricordo che non c’è”: con questa frase e con uno dei suoi soliti mirabili scatti dedicati a Carrara, la “nostra” Cristina Maioglio, fotografa della Gazzetta di Massa Carrara, è stata inserita tra i finalisti del contest WikiLovesMonuments, il più grande e importante concorso fotografico...


martedì, 20 ottobre 2020, 09:21

Quarto appuntamento con "La grammatica della Fantasia"

"Signori architetti... Un poco di prato l'avete lasciato?" Si muove da questi versi di Gianni Rodari il prossimo appuntamento, previsto per venerdì 23 ottobre alle ore 18.00 presso la biblioteca S.Giampaoli di Massa


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara