prenota

Anno 1°

martedì, 25 febbraio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

L’omaggio a Mia Martini e la denuncia di ogni forma di bullismo nella pittura di Fabio Colasante

venerdì, 13 settembre 2019, 10:45

di vinicia tesconi

I suoi soggetti prediletti sono stati per molto tempo tratti dalla fauna marina e dalla mitologia classica: pinne di balena, becchi di pellicani, ali di uccelli che si librano sul mare, filtrati attraverso una dimensione onirica e isolati come frame di sogni che rimandano il sostanziale isolamento dell’uomo, paradossalmente tanto più percepibile quanto più la tecnologia gli permette di sentirsi connesso. Una pittura definita surrealista con contaminazioni simboliste e neo pop, quella di Fabio Colasante, artista originario di Nocera inferiore, che sta lavorando da alcuni mesi a una serie di ritratti di Mia Martini. Colasante, che avora a Paestum e a Milano, ha una formazione ricca e complessa che lo ha portato sull’onda di un primo interesse per la scultura alla Accademia di Belle Arti di Napoli dove è stato allievo del maestro Augusto Perez, poi, attraverso la passione per la musica elettronica a comporre due album con il progetto Microlux e ancora a specializzarsi in installazioni audio e video e infine a trovare una dimensione particolarmente congeniale alla sua espressività nella pittura.

L’interesse per la figura umana rientra nel suo percorso di indagine sull’interiorità e sulla potenza emotiva che Colsante esprime con una tecnica originalissima basata sull’uso della polvere di carbone. La partenza dei suoi lavori su tele sempre di grandi dimensioni prevede la distribuzione sulla superficie da dipingere di polvere di carbone: una sorta di creazione di un filtro di partenza in bianco e nero sul quale l’artista lavora con i pennelli a secco per liberare l’immagine che verrà arricchita successivamente di colori molto leggeri applicati con la tecnica del gouache. Una sorta di metafora del grigiore uniforme della vita nel quale solo sporadicamente compaiono macchie di colore. Nel ritratto di figure umane, Colasante ha scelto intenzionalmente la raffigurazione senza sfondo né prospettiva per ottenere l’effetto della compressione del soggetto dentro la tela come un corpo immerso nell’acqua. Ma l’interesse artistico del pittore è puntato sempre verso la ricerca interiore, verso il viaggio sempre tribolato, nei meandri dei sentimenti e delle emozioni dell’animo umano.

Non è un caso quindi la scelta di realizzare un ritratto di Mia Martini, cantante dal talento immenso e dal percorso umano travagliato e complesso. Una scelta che va anche oltre l’omaggio alla carriera e alla personale esperienza umana della cantante ma che diventa anche denuncia sociale di comportamenti distorti e pericolosi.

“In questi giorni – ha raccontato Fabio Colasante - sono alle prese con il ritratto della nota cantante italiana Mia Martini scomparsa nel 1995, e l’impegno nel cercare di raccontare la vera essenza di questa artista assorbe letteralmente ogni mia energia. Non nascondo che spesso resto a dormire in atelier per avere un contatto continuo con il mio lavoro. Questo rituale mi consente di avere una sorta di dialogo riflessivo con il ritratto di Mimì.

Ritrarre Mimì, per me, è una sfida non da poco. Già nella fase di studio ho sentito una pesante responsabilità, perché ritrarre questo iconico personaggio della storia della musica italiana non è stato per me riprodurre banalmente i suoi tratti fisiognomici, ma la mia intenzione era di cercare di intercettare, decifrare e raccontare un vissuto. E quello di Mimì è un vissuto fatto di grandi successi si, ma ad un costo enorme…estremo, e che possa e che debba essere raccontato a queste e alle prossime generazioni per non tacere mai su tematiche sensibili come cyber bullismo, mobbing, esclusione sociale, discriminazione e isolamento”.

Fabio Colasante condivide la sua passione per l’arte con la moglie, la scultrice Linda Edelhoff che di recente ha esposto una sua personale mostra di opere a Cerreto Laghi.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cultura


lagazzetta spazio pubblicità


sabato, 22 febbraio 2020, 14:19

Alunni in partenza per New York

Pronti alla partenza nella Grande Mela una quarantina di alunni appartenenti ad alcune scuole della nostra città quali: Liceo Scientifico G. Marconi, Liceo Classico Repetti, IIS D. Zaccagna corso AFM  e Liceo Linguistico M. Montessori


venerdì, 21 febbraio 2020, 17:29

Gabbani entra al secondo posto della classifica dei dischi più venduti in Italia

"Viceversa", il quarto disco di Francesco Gabbani uscito venerdì 14 febbraio per BMG, entra direttamente al secondo posto della classifica dei dischi e al primo posto della classifica dei vinili più venduti in Italia questa settimana (classifica Top of The Music FIMI/GfK diffusa oggi)


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 21 febbraio 2020, 15:55

Workshop sui cambiamenti climatici al Liceo Marconi

Si è svolto stamattina, presso il Liceo Scientifico “Guglielmo Marconi”, il workshop di trasferimento dal titolo “Adattarsi ai Cambiamenti Climatici per un Territorio Resiliente


venerdì, 21 febbraio 2020, 15:00

Orsini e i suoi “Gatti” al Teatro Ferdinando Quartieri di Bagnone

Umberto Orsini, una delle più note colonne del teatro italiano (e non solo), prende spunto da una poesia di Charles Baudelaire dedicata al felino più amato dalla letteratura e porta in scena A proposito di gatti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 21 febbraio 2020, 14:52

Sold-out per il concerto di Vinicio Capossela

Il concerto arriva al Teatro degli Animosi, dopo il debutto lo scorso 14 febbraio alla Union Chapel di Londra, quarta tappa del tour italiano, organizzato da International Music and Arts, che ha fatto registrare il sold out in tutte le piazze, riscuotendo un grande successo di pubblico


giovedì, 20 febbraio 2020, 18:56

Grande successo per i Giochi Logici provinciali alla Comasca dei Ronchi

Hanno riempito la palestra della Comasca dei Ronchi, lo scorso 18 febbraio, per partecipare alla fase provinciale della VII ° edizione del Campionato Studentesco dei Giochi Logici e per poter permettere la partecipazione a tutti i novecento ragazzi iscritti alla competizione, la gara, patrocinata dal comune di Massa, si è...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara