prenota

Anno 1°

giovedì, 20 febbraio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

“Senti che vento” di Eleonora Sottili fa sold-out alla libreria La Nuova Avventura

sabato, 25 gennaio 2020, 14:24

di vinicia tesconi

Di solito il firmacopie, alle presentazioni dei libri, si fa al termine del dibattito che parla del romanzo e che invoglia lo spettatore a leggere il libro. Per Eleonora Sottili, scrittrice carrarese da anni trapiantata a Torino dove è docente di scrittura creativa alla Scuola Holden, invece, l’abbraccio della sua città, ieri sera alla libreria La Nuova Avventura di Marina di Carrara, ha praticamente esaurito le copie a disposizione ancor prima che la scrittrice iniziasse a parlarne. Una folla di amici e conoscenti ma anche tanti lettori che la seguono sin dal suo primo romanzo – “Il futuro è nella plastica” edito da Nottetempo nel 2010 - hanno riempito la libreria e atteso, in paziente coda, la dedica, personalizzata per ognuno, che la scrittrice ha loro regalato. Una fiducia a scatola chiusa ben riposta perché la presentazione successiva del libro, curata dal compagno della Sottili, lo scrittore Emiliano Poddi, ha divertito, interessato, affascinato il pubblico presente in libreria. E non avrebbe potuto essere diverso, sia per la bravura dell’autrice, sia per l’ambientazione del romanzo: “Senti che vento”, edito da Einaudi, è una storia che si svolge a Bocca di Magra all’epoca dell’ultima grande esondazione del fiume. Un luogo del cuore per Eleonora Sottili, che ha rivelato la sua memoria personale di estati in barca con la sua famiglia e di un soggiorno magico in una casa di pescatori locale. Tra le domande “difficili” preparate appositamente da Poddi e la risata contagiosa di Eleonora, sono usciti, spesso, piccoli spaccati intimistici della scrittrice che ha ammesso di essere legata in maniera molto speciale alla sua ultima fatica letteraria. “ Bocca di Magra è un luogo in cui c’è più acqua che terra – ha spiegato la Sottili - e la luce del sole che arriva da dietro la collina di Monte Marcello assume modulazioni particolari. Ciò che mi ha sempre affascinato di questo luogo è il fatto che lì, la natura richiede il suo spazio e l’uomo deve adattarsi lungo la striscia di terra stretta tra la roccia e il mare. E soprattutto quello è il luogo in cui, per me, è sempre iniziato il mare.”

“Senti che vento” è una storia di grandi inquietudini, di anime in subbuglio, di personaggi che cambiano le loro vite, pur essendo una vicenda sostanzialmente chiusa nelle mura di una casa lungo la foce del fiume Magra, che viene invasa dalle acque durante la tempesta. Tre donne: una nonna, una madre e una figlia in procinto di sposarsi, completamente diverse tra di loro e anche abbastanza in conflitto, che nel corso della “convivenza forzata” imposta dall’alluvione ritroveranno il sottile ma saldissimo filo che le tiene unite.

Il meteo è un tema ricorrente nella Sottili – il suo secondo romanzo edito da Giunti : “ Se tu fossi neve”partiva da una nevicata - che la scrittrice, sollecitata dal compagno, ha spiegato: “ Le condizioni del tempo sono una mia fissa: le osservo sempre. Esercitano un fascino particolare su di me soprattutto gli eventi estremi: i temporali, le tempeste, le alluvioni, perché questi momenti sono quelli in cui l’uomo è costretto a piegarsi di fronte alla natura. E poi rappresentano perfettamente l’evoluzione degli stati d’animo umano.”

“C’è molto di me in questo romanzo e anche della mia famiglia, anche se, ovviamente filtrato e rimescolato dalla creazione letteraria.”Eleonora Sottili ha salutato i presenti con l’invito a darle un riscontro dopo la lettura del romanzo e poi si è lasciata di nuovo sommergere dagli abbracci e dal calore del pubblico della sua città.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cultura


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 19 febbraio 2020, 21:22

Il pianeta nano

Novanta anni fa, per l'esattezza il 18 febbraio 1930, Clayde Tombaugh, un figlio di contadini dell'Illinois, astrofilo appassionato di costruzione di telescopi e disegnatore di pianeti, che era stato da poco assunto all'osservatorio di Flagstaff, in Arizona


mercoledì, 19 febbraio 2020, 09:48

"Il Noir In Tutte Le Salse": arriva Alice Basso

Sabato 22 febbraio, ore 18,00 alla Rassegna Il Noir In Tutte Le Salse presso la Libreria Mondadori Book store di Massa, Piazza Bertagnini, arriva Alice Basso, con il romanzo Un caso speciale per la ghostwriter (Garzanti editore)


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 19 febbraio 2020, 09:09

A Palazzo Cucchiare l’annuale convegno sui temi sociali

Venerdì 21 febbraio, alle ore 20.45, a Palazzo «Cucchiari» a Carrara, avrà luogo l’annuale Convegno «Mons. Taliercio», sul rapporto tra i cattolici e l’attività politica, intesa nel senso alto del termine, come servizio per il bene comune.


martedì, 18 febbraio 2020, 19:47

Le foto di Paolo Maggiani scelte dal Fondo Malerba ed esposte a Tokyo nella mostra Visuali Italiane

Un po’ di Carrara nella lontanissima Tokyo: è in corso in questi giorni nella capitale giapponese, presso lo spazio Roonee 247 Fine Arts Gallery, specializzato in fotografia grazie alla lunga esperienza del presidente Toshi Shinoara e della direttrice Kanako Sugimori, la mostra fotografica Visuali Italiane 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 18 febbraio 2020, 12:15

Conferenza per il finissage della mostra documentaria

In occasione della chiusura della  mostra documentaria Apuania 1938-1943. L’applicazione delle leggi razziali nei documenti dell’Archivio di Stato di Massa,  l’Archivio di Stato di Massa organizza una conferenza con l’Associazione Apuana Israele-Italia Massa Carrara


lunedì, 17 febbraio 2020, 10:38

Successo per le conferenze di Giuseppe Benelli e Andrea Baldini

Cento persone erano presenti ieri sera, nella sala grande dell’Hotel Eden di Cinquale, per assistere alle due conferenze organizzate da Apuamater in occasione della tradizionale ricorrenza di San Valentino


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara