prenota

Anno 1°

sabato, 31 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

Oggi Mimì avrebbe compiuto 73 anni: l’omaggio del pittore Fabio Colasante a Mia Martini

domenica, 20 settembre 2020, 16:17

di vinicia tesconi

Era nata il 20 settembre del 1947 a Bagnara Calabra ma era cresciuta nelle Marche dove il padre e la madre, insegnanti, si erano trasferiti. La passione per la musica l’aveva sviluppata da subito Domenica Bertè che tutti chiamavano Mimì e che presto sarebbe diventata Mia Martini, una delle voci più incredibili  e una delle storie più amare della canzone italiana. Oggi Mimì avrebbe compiuto 73 anni e sicuramente il graffio distintivo della sua voce unica non si sarebbe appannato se il gorgo della depressione o di chissà quali altri elementi rimasti oscuri non se la fossero portata via il 12 maggio del 1995, quando aveva solo 48 anni. Un destino beffardo quello di Mia Martini segnato da un talento musicale fuori dal comune e dalla peggiore ottusità popolare che insensatamente quasi le stroncò la carriera. Ma nessuna ridicola diceria sul suo conto ha potuto spegnerne il ricordo e il valore. Tanti sono e, incredibilmente, diventano sempre di più, i suoi estimatori, tra chi l’ha conosciuta e compresa dopo e tra chi non ha avuto la fortuna di conoscerla e la riscopre adesso nella sua intera parabola d’artista. Una figura tutt’altro che dimenticata nel panorama musicale italiano alla quale, oggi, il pittore Fabio Colasante ha voluto riservare un omaggio speciale:  un ritratto creato grazie ad una tecnica del tutto personale che prevede l’utilizzo di polvere di carbone a secco e gouache su tele di grandi dimensioni. L’opera rappresenta la grande cantante, il cui volto sembra essere stato colto nel bel mezzo di un momento di riflessione, lo sguardo orientato in prospettiva centrale. Sono i suoi occhi il centro dell’opera, ocche che catturano l’osservatore e lasciano trasparire la personalità dell’artista, di donna colta, professionale e rivoluzionaria. Un’opera iperrealistica, in grado di trasportare l’osservatore in una dimensione differente, nella quale sembra quasi interfacciarsi direttamente con la grande Mia Martini.

L’enorme opera visiva del pittore Fabio Colasante, il cui procuratore è Philippe Leon, autore musicale che conobbe personalmente Mimì,  compendia l’ammirazione per la  carriera dell’artista e la percezione del suo travagliato vissuto  ed  è stata donata al fans club di Mia Martini.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cultura


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 30 ottobre 2020, 09:10

Lo Zaccagna sul podio: la classe V fra i vincitori del premio di Unicredit "Startup your life"

Il lockdown non ha fermato l'entusiasmo e la creatività dei giovani, la loro voglia di fare e di mettersi alla prova, portando a casa ottimi risultati


mercoledì, 28 ottobre 2020, 10:57

Garibaldi, Astoria e Il Nuovo: il cinema risponde con lo streaming

Ci troviamo nuovamente di fronte ad una situazione molto difficile per il nostro Paese in generale, e per il settore della cultura e del cinema in particolare


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 26 ottobre 2020, 20:25

Susan Bottici, una vita sui pattini raccontata nel suo libro "Otto ruote, una vita"

A pochi eletti capita nella vita, di iniziare un'attività sportiva o artistica da bambini, innamorarsene e portarla avanti fino all'età adulta, non solo, ma trasmetterla con passione anche alle nuove generazioni, dopo aver ottenuto successi gratificanti, ma anche dopo cadute, incidenti di percorso


domenica, 25 ottobre 2020, 10:53

Il satiro delle Apuane Mezzacapra rappresentato dall'artista Nadine

Ruvide e sincere, le Alpi Apuane custodiscono molteplici segreti e ne rivelano – seppur soltanto una scheggia - a chi cerca di indagarli e interpretarli attraverso l'arte


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 23 ottobre 2020, 12:55

Presentata la raccolta antologica “Decameron 2020”: c'è anche la piccola Viola

La piccola Viola Della Pina, 9 anni, è la più giovane autrice del gruppo che ha presentato il suo racconto “Viola e la farfalla d’oro”


martedì, 20 ottobre 2020, 09:53

La fotografa Cristina Maioglio tra i finalisti del contest di "Wiki Loves Monuments"

“Una foto non scattata è un ricordo che non c’è”: con questa frase e con uno dei suoi soliti mirabili scatti dedicati a Carrara, la “nostra” Cristina Maioglio, fotografa della Gazzetta di Massa Carrara, è stata inserita tra i finalisti del contest WikiLovesMonuments, il più grande e importante concorso fotografico...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara